Giulia Besa

Recensione: STREGHETTE_volume 1 di Giulia Besa

09:00


Titolo: Streghette (vol.1)
Autore: Giulia Besa
Casa editrice: Antonio Tombolino editore
Genere: Fantasy
Prezzo: 4,99€
Pagine: 258

Trama:

L'educazione sanguinaria di una strega.
Un mondo popolato da mostri antropofagi.
**Un'unica amica su cui contare. **
Sophie ama leggere e scrivere, soprattutto narrativa fantastica. Con la sua mente costruisce visioni alternative della realtà per sfuggire alla noia della sua vita di adolescente romana. Visioni credibili quanto la realtà stessa. Sophie sa che ciò non è normale e sospetta di essersi bevuta il cervello a furia di leggere, come una nuova Don Chisciotte, ma non è così.
Sophie è una strega e ha la capacità di vedere oltre la comune realtà, ma essere una strega significa anche attirare su di sé l'attenzione di creature abominevoli, dagli scopi oscuri. Non è possibile sopravvivere a lungo se non si viene istruite a difendersi dai nemici... e dalle proprie stesse magie: basta un piccolo errore a tramutare un innocente incantesimo in una condanna a morte.
Accompagnata da Fiammifero, il draghetto che le fa da famiglio, Sophie è costretta a fuggire a Venezia, dove ha sede l'Accademia di Stregoneria della Dame Noire: lì le streghette vengono addestrate alla Retorica, l'arte di scrivere istruzioni precise per modificare la realtà. Però la Dame Noire non ha posto per i cuori deboli: il disprezzo per la vita umana pervade l'insegnamento e inseguire il proprio piacere è il fine ultimo dell'esistenza di ogni strega.
Una scuola brutale, piena di pericoli mortali per le stesse streghette. Sophie dovrà imparare a sopravvivere facendo affidamento solo sul proprio coraggio e sulla dolce Elodie, la sua compagna di stanza.


Recensione:

Un romanzo fantasy particolarmente nudo e crudo, direi pure molto schietto nel suo stile. Tutto inizia in un modo decisamente singolare: l'invasione dei corvi nella città di Roma. Sophie è un'adolescente romana legata inizialmente a Nicola, un giovane che non sembra accorgersi di quali siano realmente le fantasie e le intenzione della sua presunta innamorata.
La vita di Sophie viene presto trasformata da ordinaria routine a fantastica avventura, incentrata sull'educazione pratica di una streghetta alle prime armi; il tutto con la comparsata nella trama dell'amico Fiammifero.
Mi sento in dovere di avvertire i lettori che,a discapito dell'immagine di copertina che potrebbe trarre in inganno, questa lettura non è affatto indicata per i più piccoli. Non mancano, infatti, scene di sesso esplicito  (così come quella tra Eloide e la nostra protagonista)


" Era mia, anima e corpo. In quell'istante Eloide era così vulnerabile, così fragile...ed era mia. Possedeva il fascino delle cose da spezzare. Una scultura di cristallo che avrei potuto disintegrare, sotto i miei tacchi. Ma non lo avrei mai fatto. Non potrei mai fare del male ad Eloide".


Un'avventura fantastica che ci riserva ancora nuove sorprese. Riuscirà Sophie a salvare la sua amata e a portarla fuori da questo incubo? Attendiamo per questo il secondo volume.
Una lettura per imparare a vedere oltre la realtà di tutti i giorni.






Alessia D'Oria

C'è post@ per noi... #263

08:00

Buongiorno lettori,
e buona domenica. Fuori il tempo è un po' così e qui minaccia neve. Cosa c'è di meglio quindi di un bel libro? O di scoprire qualche bel libro... lo avete capito vero? Come ogni domenica torna la rubrica  delle segnalazioni. Cosa avrà trovato spazio nella nostra casella di posta virtuale? Scopriamolo...


Fratelli di storia
di Marco Casula
Intrecci Edizioni, 278 pagine
cartaceo €16,00

Trama.
Due esistenze a confronto e un solo finale. Due giovani cresciuti in epoche diverse. Due vite, quelle di Umberto Ascanio e Istevene Oppes, nutrite da forti e opposte motivazioni ideali che eventi più grandi di loro travolgeranno. Ambedue si perderanno lungo strade che non avevano previsto. Si ritroveranno soli, in un lento ritorno alle origini, un viaggio senza speranza, come gli Arcangeli di Milton, impuri e perduti in Terra. La prima storia è di Umberto Ascanio, tenente repubblichino, è sopraffatto dalla guerra fascista che lo divide dalla famiglia e dal suo amico d’infanzia, Massimo Galanti, internato in un campo di concentramento. La seconda è di Istevene Oppes, agli albori della contestazione studentesca, all’indomani della strage di Piazza Fontana. Nell’infuocato clima sociale del Paese, il suo fervore politico, come quello dei suoi amici, s’innesta nelle proprie dinamiche individuali, incapace di dare senso alla vita. L’atto finale è il disvelamento della storia, la compiuta catarsi dal vuoto nel quale Istevene si è sempre sentito immerso.



Il colore del caos
di Giovanna Roma
selfpublishing, 394 pagine
ebook €2,99
13 dicembre 2017

Trama
Lui indossa jeans e tatuaggi. Io una divisa scolastica.
Lui ha un lavoro che ama, io una vita che odio.
Scott Turner è uno stronzo ventisettenne. Io, Allison Newborn, ammetto di essere una sedicenne difficile da gestire.
Gli sono caduta tra capo e collo e per questo crede di dettare le regole. Certo, continua a ripetertelo.
Abbandonata al lusso di una vita agiata, con due genitori sempre presi da sé stessi, è difficile obbedire agli ordini.
Tutto in lui gli urla di starmi lontano.
Tutto in me prega di combattere dei sentimenti che dovrei rinnegare.
Non abbiamo scelta, siamo costretti a trovare l'armonia in questo caos.
A volte gli incontri avvengono nel tempo sbagliato.
Ci trasformano per sempre.
Ci costano tutto.
Cos'altro può accadere a un amore proibito?



L'ultimo istante
di Alessia D'Oria
Butterfly Edizioni, 414 pagine
ebook €2,99
22 gennaio 2018

Trama
Vincenzo De Luca sa che l'unico modo per proteggere Angela Sorrentino è farsi odiare e allontanarla. I giovani si amano ma non possono stare insieme perché fanno parte di due famiglie mafiose avversarie. Costretto a dimenticarla per non mettere in pericolo la sua vita, non ha fatto i conti con il coraggioso e inarrestabile amore di Angela. Entrambi non riescono ad arrendersi al destino crudele che li vuole divisi e vorrebbero continuare ad amarsi a qualsiasi costo. Il prezzo da pagare per questo disonore però è troppo alto e il loro rapporto sembra condannato in partenza. Nonostante la disperazione, le ingiustizie, i sacrifici e i soprusi, Angela è convinta che il loro amore sia forte e indistruttibile. Animata dalla rabbia, dalla sete di vendetta e dall'odio per la sua condizione, è pronta ad affrontare tutto il dolore che ne conseguirà se qualcuno scoprisse la loro relazione segreta, perché al suo fianco non ha paura di niente e a una vita senza di lui preferirebbe la morte.



Infernal. Gli eredi del male
di Eleonora Zaupa alias Devera Blackmind
selfpublishing, 122 pagine
ebook €0,49, cartaceo €8,99
6 febbraio 2018
Streetlib (digitale), Lulu.com (cartaceo)

Trama
Cosa faresti, se ciò che sembra l'inferno fosse venuto a prenderti? Cosa faresti, se l'unica via di fuga... fosse la morte?
Damon Catch conosce bene questo fenomeno mostruoso e lo studia da anni. Il suo obbiettivo è fermarlo. Nonostante questo, non ha nulla con cui farlo; e gli eredi del Male stanno morendo.





Alla prossima


Eliza

Recensione UOMINI CHE RESTANO di Sara Rattaro

08:00

Buongiorno lettori,
oggi vi parlerò di un libro uscito da poco e che sta riscuotendo molto successo. E' il libro di un'autrice che mi sta molto a cuore e quindi non vedo l'ora di parlarvene e di leggere anche le vostre opinioni. Si tratta di Uomini che restano di Sara Rattaro


Titolo: Uomini che restano
Autore: Sara Rattaro
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 250
Prezzo: €9,99 (ebook); €16,90 (cartaceo)
Data di pubblicazione: 13 febbraio 2018


Trama. All'inizio non si accorgono nemmeno l'una dell'altra, ognuna rapita dal panorama di Genova, ognuna intenta a scrivere sul cielo limpido pensieri che dentro fanno troppo male. Fosca e Valeria si incontrano per caso nella loro città, sul tetto di un palazzo dove entrambe si sono rifugiate nel tentativo di sfuggire al senso di abbandono che a volte la vita ti consegna a sorpresa, senza chiederti se ti senti pronta. Fosca è scappata da Milano e dalla confessione scioccante con cui suo marito ha messo fine in un istante alla loro lunga storia, una verità che per anni ha taciuto a lei, a tutti, persino a se stesso. Valeria nasconde sotto un caschetto perfetto e un sorriso solare i segni di una malattia che sta affrontando senza il conforto dell'uomo che amava, perché lui non è disposto a condividere con lei anche la cattiva sorte. Quel vuoto le avvicina, ma a unirle più profondamente sarà ben presto un'amicizia vera, di quelle che ti fanno sentire a casa. Perché la stessa vita che senza preavviso ti strappa ciò a cui tieni, non esita a stupirti con tutto il buono che può nascondersi dietro una fine. Ti porta a perderti, per ritrovarti. Ti costringe a dire addio, per concederti una seconda possibilità. Ti libera da chi sa soltanto fuggire, per farti scoprire chi è disposto a tutto pur di restare al tuo fianco: affetti tenaci, nuovi amici e amici di sempre, amori che non fanno promesse a metà.


La mia recensione
Tornare a leggere Sara Rattaro è proprio come ritrovare un'amica. E sai già, mentre sfogli le prime pagine, che Sara ti colpirà al cuore. Questo fa con i suoi romanzi, ti apre una finestra sulle vite comuni dei suoi personaggi e poi ti fa pensare, riflettere, rimuginare sui loro eventi. 

Questa volta le protagoniste sono Fosca e Valeria, due donne diverse per temperamento ma accomunate dal periodo della loro vita che stanno vivendo nel momento in cui si incontrano. Entrambi, dopo anni, sono state lasciate . Fosca dal marito Lorenzo, che dopo una rivelazione piuttosto difficile, va via di casa per un nuovo, diverso, amore; Valeria dal compagno di una vita, Sergio, che spinto dalla malattia di Valeria ne approfitta per lasciarla per un'altra. Fosca e Valeria si incontrano ora, su un tetto che si affaccia su Genova, sul quale sono salite per vedere la loro città e schiarire le loro menti. Riconoscendo ognuna nell'altra i proprio segni dell'abbandono diventano amiche e le loro vite in qualche mondo si intrecciano.

Dolore, sofferenza, abbandono. Farebbero pensare ad una storia triste eppure non è così. Certo, i momenti difficili, quelli in cui tutto sembra perduto e la felicità sembra lontana anni luce ci sono, ma come ci sono nella vita di tutti noi. No, non è un romanzo triste, non senti di dover compatire queste donne, neanche per un momento. E questo per un semplice, piccolo, dettaglio: la forza. Lo so, sembra strano, melenso e al contempo banale, ma Fosca e Valeria trovano un proprio punto di svolta e un proprio strano e bislacco equilibrio che da al romanzo quella speranza e quella forza che salvano tutto.

Tante donne, donne belle e forti, ma anche uomini. Uomini che restano (ovvio) ma anche uomini che fuggono, che cambiano, che hanno paura, uomini che scelgono o scelgono male. Anche qui i caratteri che l'autrice ci propone non ci portano a puntare il dito e a colpevolizzare. Lorenzo è vero, lascia Fosca dopo dieci anni, ma lo fa con una ragione, con la voglia di non essere più quello che è. E quel capitolo sul finale, tutto dedicato a lui, non può che colpirci. Se una vera carogna vogliamo cercarla è ovvio che lo sguardo si volga subito a Sergio, eppure di lui ci si dimentica presto, siamo troppo prese da Ale, dal suo essere speciale e unico, dolce e presente.

Sara Rattaro per me è una certezza. Credo di averlo già detto ma è vero. Il suo stile gentile e delicato si scontra con storie all'apparenza normale ma che poi hanno al loro interno un groviglio di sensazioni e sentimenti unici. 

Voto


Alla prossima





Andrea Grassi

Recensione: Strider. I marchiati di Minharan - Andrea Grassi

08:00

Titolo: Strider. I Marchiati di Minharan
Autore: Andrea Grassi
Pagine: 387
Data di uscita: 21 settembre 2013
Casa editrice: Amazon
Prezzo: 2,05€

Trama:

Secondo volume della saga “Strider”. La Progenie della Nebbia Nera è tornata.
Minharan dev’essere avvertita subito perché nessuno è pronto ad affrontare una nuova guerra e, se non si riuscirà a svelare velocemente il segreto dietro la
ricomparsa degli Scorpioni, sarà la fine del mondo. Ma com’è possibile che dal Nord non sia giunto alcun allarme? E dove sono finiti i comandanti dei cinque Clan del Vento? Preda di un destino che striscia verso di loro su artigli chitinosi, Nora e Ian dovranno affrontare nuovi misteri, nuovi pericoli… e prendere una decisione che li cambierà per sempre.

Recensione:

Non so da dove iniziare a scrivere questa recensione, proprio non so.
Mi viene difficile da scriverla, ho sempre la paura di ripetere le stesse cose, non sono mai soddisfatta delle parole e molto spesso mi risultano banali. E non vorrei esserlo.
Soprattutto non vorrei esserlo parlando di questo libro, "I Marchiati di Minharan" è il secondo libro
realizzato da Andrea Grassi, ed è il continuo del romanzo "La Grande Foresta".
Quando leggo il seguito di una storia che mi ha colpito, ho sempre il timore che mi deluda, che non sia all'altezza del primo.
Questa mia paura è svanita quando ho letto le prime frasi, il libro ancora una volta è riuscito a risucchiarmi nel suo vortice, e non mi ha più dato la possibilità di pensare.

"I Marchiati di Minharan" riprende le vicende esattamente dove "La Grande Foresta" si era concluso, ritroviamo i nostri amati personaggi, ne conosciamo di nuovi, e vediamo proseguire questa affascinate storia. Nora, Ian e Elana i tre ragazzini di 13 anni, soprattutto Nora e Ian, sono più forti che mai, nonostante la loro giovane età hanno coraggio da vendere, e per salvare le persone che amano sono disposti a fare di tutto. Ci fossero più ragazzi cosi, forse il mondo sarebbe diverso.
Ci saranno durissime prove da superare, misteri da svelare e tradimenti da smascherare, insomma ne vedremo davvero delle belle.
Non dimentichiamoci della minaccia della Progenie che è sempre in agguato e i nostri protagonisti saranno in grave pericolo se non si guarderanno le spalle.
Io pensavo che l'autore non potesse superare il primo libro, invece ci è riuscito, ho notato un miglioramento non solo sul suo stile di scrittura, che era già ottimo, ma sulle descrizioni dei personaggi e sullo svolgimento delle azioni.
Se "La Grande foresta" era un libro avventuroso allora non avete fatto i conti con questo secondo capitolo. Non puoi fare altro che girare le pagine ammaliata dalle parole di Andrea e soprattutto con una forte curiosità, vuoi scoprire cosa succederà, se i protagonisti riusciranno a salvarsi, cosa si inventerà il nemico.
Il pericolo della guerra incombente ti tiene con il fiato sospeso e aspetti con trepidante attesa la scintilla che farà traboccare il vaso, e poi temi per la sorte dei protagonisti che hai imparato ad amare.
E' facile affezionarti a questi personaggi, sembra di conoscerli da una vita, grazie alle descrizioni che l'autore ci regala riusciamo ad entrare in sintonia con loro, anche con quello più burbero.
Nora mi è entrato nel cuore, è cosi dolce, ma anche molto coraggioso, e Ian, lui è cosi impavido e impulsivo da far tenerezza. Mi sono affezionata ad entrambi, ragazzini con caratteri opposti ma legati dallo stesso coraggio.
Come vi stavo dicendo prima, ho trovato un miglioramento dello stile di scrittura (che lasciatemelo dire, era già ottimo), è più scorrevole, fluido, ci sono più descrizioni, che ci aiutano ad inoltrarci ancora di più in questa meravigliosa realtà.
Una realtà cosi simile alla nostra, ma cosi diversa, è descritta talmente bene che sembra di esserci dentro, di riuscire a vedere e a toccare il paesaggio circostante, gli uomini, gli animali, quegli strani oggetti futuristici, e soprattutto queste terrificanti creature che fuoriescono dalla Nebbia Nera.

Ancora una volta Andrea è riuscito a sorprendermi e stupirmi, spero vivamente che ci sia un continuo di questa affascinante storia, magari con i ragazzi più grandi, sono curiosa di vedere cosa diventeranno, se cambieranno o se saranno sempre gli stessi.
Sono sicura che ci regaleranno altre emozioni, e io non vedo l'ora di immergermi di nuovo nel loro mondo. Sento già la loro mancanza.
Non vi ho parlato molto della trama, ma avrei rischiato di spoilerarvi qualcosa, quindi sono rimasta sul vago, ma fidatevi è una storia tutta da scoprire. Il libro è tutto un colpo di scena, ti sorprende, ti stupisce, quindi lasciatevi trascinare dagli Strider, non vi deluderanno.
Ringrazio l'autore per avermi dato la possibilità di leggere le sue opere, lo ringrazio per tutte le emozioni che mi ha fatto provare in questi suoi due libri, spero di leggerne
altri presto.




Ali di farfalla

C'è post@ per noi.. #262

08:00

Buona domenica :)
Come passerete questa giornata? Spero in compagnia di qualche bel libro!









I figli del disastro -Dario Degliuomini


Titolo: I figli del disastro
Autore: Dario degliuomini
Editore: Nativi Digitali Edizioni
Data di uscita: 8 febbraio 2018
Pagine:260
Prezzo: 3,99€ (ebook), 12,00€ (cartaceo)
Genere: fantascienza distopica/post-apocalittica

Trama:

9 dicembre 2013. Il Disastro si abbatte sulla Terra, lasciandosi dietro milioni di morti e nessun colpevole. In seguito, i leader mondiali scelgono di firmare l’Armistizio Totale, che interrompe ogni conflitto per tutto il tempo necessario alla ricostruzione.
Due anni dopo, i destini di tre persone apparentemente comuni si incrociano: Alessandro Altavista, uno studente universitario in piena crisi esistenziale e angosciato per il futuro; Clayton Weaks, un timido impiegato costantemente vessato e umiliato dai suoi superiori, innamorato dei libri e del teatro; Kameyo Ishimori, una brillante liceale in perenne conflitto con il padre, che da lei esige sempre il massimo, al punto da voler prendere tutte le decisioni che la riguardano.
Dentro di loro è racchiuso un potere immenso, che affonda le sue radici nelle origini dell’Universo stesso, in grado di riportare la luce in un mondo ferito o di farlo piombare definitivamente nel caos. Mentre cercano di trovare la strada per la salvezza dell’umanità, la memoria del Disastro continua a incombere sulle loro vite. Qual è la sua causa? Chi lo ha provocato? Nessuno sembra saperlo. O forse sì…



L'inferno non ha nuvole - Federico Fabbri

Titolo: L'inferno non ha nuvole
Autore: Federico Fabbri
Data di uscita: 16 febbraio 2018
Editore: Les Flaneurs Edizioni

Trama
Denis arriva in un piccolo paese di montagna in un caldo pomeriggio d’estate. Solo, con uno zaino semivuoto, viene accolto a braccia aperte dalla comunità e si sente subito a casa. Sfogliando le pagine della sua vita, alcune cancellate dal tempo, ritroverà affetti e verità a lui sconosciute. Raggiunta la tranquillità e una vita stabile, sente però il richiamo di una terra lontana, che lo porterà ad affrontare nuovamente sé stesso in un’avventura ai limiti della resistenza fisica e psicologica. In quella perenne ricerca di sé e dei propri limiti.




Autore:
Nato nel 1978 a Santa Sofia, nel cuore della Romagna, si avvicina alla scrittura sin da ragazzo, quando inizia a fissare su carta pensieri ed emozioni. Quelle pagine vengono pubblicate, a distanza di anni, nella sua prima raccolta di poesie, “Sino alla fine”, dedicata al ricordo dell’amico fraterno Denis. Segue un secondo lavoro intitolato “PerSino poesie”. Nel 2014 lascia la poesia per cimentarsi in una autobiografia ironica nella quale i confini fra verità e finzione sono molto labili: “La mia vita durata 90 anni”, scritta a 36, finita di scrivere a 37, un’opera che sfugge alle regole della comprensione, che si beffa del tempo, che si riscatta in un finale inaspettato, profondamente radicato in sentimenti autentici e concreti.

Ali di Farfalla - Nadia Boccacci 



Titolo: Ali di Farfalla
Autore: Nadia Boccacci
Editore: Les Flaneurs Edizioni
Prezzo: 13,00€

Trama:
Quando si dice quanto l’amore faccia volare in alto e toccare il cielo con un dito, nessuno dice che poi, la probabile caduta, faccia arrivare giù, nell’abisso. E ferisca. Lo sanno bene Bianca e Dafne, donne che hanno amato troppo e ora portano sulla loro pelle, e nelle loro anime, i graffi di un amore che non ce l’ha fatta e, accompagnato alle altre difficoltà della vita, le ha portate a scendere sempre di più nel baratro. Fin dove non c’è più luce e bisogna rimboccarsi le maniche per trovare la via d’uscita, una preda della depressione e di una difficile malattia, l’altra vittima dell’ossessione sul controllo del suo corpo e del cibo. Ma a volte è difficile salvarsi da soli, e loro affidano il loro canto di dolore ad Andrea, uno psicoterapeuta gentile e paziente che le ascolta parlare e prepararsi a spiccare il volo verso una nuova vita.

Autrice:
Nadia Boccacci è nata a Colle di Val d’Elsa (Si) nel 1968. Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso l’università di Firenze, insegna italiano e inglese in una scuola primaria. Ama interagire con i giovani e tiene incontri letterari e corsi di scrittura creativa nelle scuole secondarie. Ha pubblicato Uno sguardo perso nel vuoto (2011), In viaggio con te (2012), I colori che ho dentro (2013), Con Les Flâneurs Edizioni ha già pubblicato il romanzo Non posso non guardarti negli occhi (2016). Ha scritto racconti e poesie che sono inseriti in antologie diverse. Attualmente sta scrivendo un libro didattico per la scuola primaria e il suo sesto romanzo.


Remembrance. L’ultimo contratto - Marco Falco 


Titolo: Remembrance. L'ultimo contratto
Autore: Marco Falco
Editore: Les Flaneurs Edizioni
Prezzo: 2,99€

Trama:
Quando Cingar, il più abile ladro di Tarlastin si sveglia, vede solo una cosa tutt’intorno: cenere. Gli ferisce la gola, gli consuma gli occhi e affatica i suoi passi incerti. Non ricorda nulla, né perché si trova in quello strano deserto, né come ci sia arrivato. O da quanto tempo sia lì. L’unica cosa che gli è d’aiuto, e sembra impossibile crederlo, è la guida di un corvo che lo scruta misterioso e lo guida fino a Lagast, fra le città più grandi da lui conosciute. Qui, il giovane ladro viene accolto nel palazzo della nobile Eleonor Darrington che, inaspettatamente, lo attendeva ormai da tempo. Da quel momento inizia per Cingar un viaggio per recuperare la memoria perduta e prendere in mano le redini di una vita, che non è più come l’aveva lasciata. Sarà pronto a ricordare?


Autore:
Nato a Bari nel 1994, diplomato in qualcosa di cui si è pentito sin dal principio e non ha nulla a che vedere con la scrittura, Marco Falco scrive per passione dall’età di tredici anni, e racconta storie da tempo prima. Ha scritto “Remembrance” all’età di diciotto anni, suo primo romanzo concluso e pubblicato. Lettore e videogiocatore incallito, trova il tempo di scrivere campagne di gioco come Game Master di diversi giochi di ruolo e occasionalmente giocare lui stesso.




Spero che queste segnalazioni siano di vostro gradimento!
A presto^^   

Amaranth

Recensione: LA PARANZA DEI BAMBINI di Roberto Saviano

09:00

Veloce si nasce in mare, veloce si è pescati, veloce si finisce nel rovente della pentola veloce si sta tra i denti, veloce è il piacere.

Titolo: La paranza dei bambini
Autore: Roberto Saviano
Editore: Feltrinelli - novembre 2016
Pagine: 348
Prezzo: cartaceo - € 18,90; flessibile - € 9,90; ebook - € 6,99

Trama
Dieci ragazzini in scooter sfrecciano contromano alla conquista di Napoli. Quindicenni dai soprannomi innocui - Maraja, Pesce Moscio, Dentino, Lollipop, Drone -, scarpe firmate, famiglie normali e il nome delle ragazze tatuato sulla pelle. Adolescenti che non hanno domani e nemmeno ci credono. Non temono il carcere né la morte, perché sanno che l'unica possibilità è giocarsi tutto, subito. Sanno che "i soldi li ha chi se li prende". E allora, via, sui motorini, per andare a prenderseli, i soldi, ma soprattutto il potere. "La paranza dei bambini" narra la controversa ascesa di una paranza - un gruppo di fuoco legato alla Camorra - e del suo capo, il giovane Nicolas Fiorillo. Appollaiati sui tetti della città, imparano a sparare con pistole semiautomatiche e AK-47 mirando alle parabole e alle antenne, poi scendono per le strade a seminare il terrore in sella ai loro scooter. A poco a poco ottengono il controllo dei quartieri, sottraendoli alle paranze avversarie, stringendo alleanze con vecchi boss in declino. Paranza è nome che viene dal mare, nome di barche che vanno a caccia di pesci da ingannare con la luce. E come nella pesca a strascico la paranza va a pescare persone da ammazzare. Qui si racconta di ragazzini guizzanti di vita come pesci, di adolescenze "ingannate dalla luce", e di morti che producono morti.

***

È un episodio rivoltante quello che apre La paranza dei bambini e presenta la banda di Nicolas, ’o Maraja. Sono in molti quando accerchiano un ragazzo la cui colpa è quella di avere messo troppi like alle foto di Letizia, la fidanzata di Nicolas. La punizione che gli infliggono è esemplare e annientante; in men che non si dica è sulla bocca di tutti.
Ma ’o Maraja non ha tempo di godersi una così piccola rivalsa e può rimandare il momento in cui calmerà la fidanzata che, a quanto pare, non è contenta del suo gesto. Capirà.

Perché non c’era tempo da perdere. Non c’era tempo per crescere.

Anche se ha quindici anni, Nicolas non ha tempo perché vuole entrare al Nuovo Maharaja, un locale di Posillipo, e avere il posto assicurato. ’O Maraja aspira a fare soldi e non ha importanza come, ma soprattutto vuole il potere di comandare ed essere rispettato.
Va bene, allora, anche spacciare perché non importava nulla, a loro, di come si facessero, l’importante era farne e poi allargare il giro, fare una paranza per conquistare un quartiere dopo l’altro.

È solo un romanzo, ma non è difficile credere alla realtà raccontata da La paranza dei bambini. ’O Maraja, Drone, Stavodicendo e gli altri personaggi principali sono certamente nati dalla penna di Saviano e dalla necessità di raccontare qualcosa di vero, a partire dal sogno di comandare e tenere in pugno tutta Napoli.
La scelta di un narratore onnisciente non è sufficiente per mantenere le distanze dalle vicende. Il lettore è, anzi, calato dentro ai pensieri di Nicolas, un ragazzo che potrebbe essere come tanti altri e, invece, sogna che il suo nome, ’o Maraja, sia noto, rispettato, temuto. A poco a poco, inevitabilmente si assume la sua visione della realtà in una sorta di sovrapposizione che non riesce a cancellare l’orrore che le sue imprese possono suscitare.
La brama di arrivare, di affermarsi, più opprimente della sete di denaro, è mitigata dalla freddezza calcolatrice che permette a ’o Maraja di guidare i suoi amici e di fare di quel gruppo una famiglia di fratelli che si sono scelti, che hanno riconosciuto la sua autorità e sono diventati una paranza. La paranza è famiglia, cancella i legami di sangue, ne crea di nuovi.

La paranza finisce subito come nasce così muore. Frienn’e magnanno, friggendo e mangiando.

Fa rabbrividire e quasi ferisce la spietatezza di cui sono capaci ’o Maraja e i suoi paranzini. Colpisce la quasi totale mancanza di scrupoli in questi ragazzi educati alla violenza e all’uso delle armi dalle serie tv, dai film e soprattutto da youtube.
Dal punto di vista stilistico la scrittura di Saviano, alla quale mi approccio per la prima volta (shame on me!), mi ha sorpreso moltissimo. La lettura è scorrevole e, sebbene gli eventi siano numerosi e il ritmo incalzante, la narrazione è condotta con saldezza e nemmeno per un attimo ho avuto l’impressione di essermi persa in uno dei vicoli in cui i ragazzi svoltano nelle loro corse in motorino.
Ho particolarmente apprezzato l’inserimento di espressioni dialettali che contribuiscono alla collocazione spaziale delle vicende e vivacizzano la narrazione. Come esplicita Saviano in una nota conclusiva, il napoletano proposto non è quello parlato e non segue la trascrizione classica, ma è frutto di una ricerca dell’oralità propria di una lingua all’interno di un romanzo che deve rimanere accessibile ai più.
Con La paranza dei bambini Saviano svela i meccanismi della criminalità organizzata e raccontando l’ingresso di un gruppo di ragazzini in un mondo grande e pericoloso, denuncia la trasformazione in atto nel sistema della mafia. La storia di Nicolas, Dentino, Biscottino e gli altri non è una storia universale, ma si percepisce la conoscenza profonda di una situazione mutevole e tra le righe emerge una realtà scomoda, spesso edulcorata, che anche i fatti di cronaca ci costringono a smettere di ignorare.

A Napoli non esistono percorsi di crescita: si nasce già nella realtà, dentro, non la scopri piano piano.





Amabile Giusti

Recensione: ODYSSEA: OLTRE IL VARCO INCANTATO di Amabile Giusti

08:00

Titolo: Odyssea: Oltre il varco incantato
Serie: Odyssea #1
Autore: Amabile Giusti
Editore: Autopubblicato
Pagine: 419
Prezzo: € 2,99 (ebook) € 20 (cartaceo)

TRAMA
Per anni, fin da quando era una bambina molto piccola, Odyssea ha condotto una strana vita nomade, in giro per il mondo insieme a sua madre. Una vita che le è sempre sembrata più una fuga che un viaggio.
Finché, una notte, attraverso un varco incantato nascosto in un bosco, la madre la riporta a Wizzieville, dove è nata, e lei scopre di appartenere a una cerchia di persone speciali, dotate di rari poteri. 
Improvvisamente immersa in una realtà straordinaria, fatta di incantesimi, creature fantastiche e filtri magici, Odyssea affronta mille nuove emozioni. 
Ben presto, però, si rende conto che dietro la facciata idilliaca e fatata di Wizzieville brulica il Male e che un nemico sanguinario, che perseguita la sua famiglia da generazioni, è tornato sotto mentite spoglie per attuare un crudele disegno.
Il timore per la propria incolumità, tuttavia, non è l'unico sentimento a scuotere le fondamenta della sua anima: un'altra emozione inattesa, non meno impetuosa, ferisce il suo cuore inesperto. L'amore. Il primo amore. 
D'altro canto, come potrebbe una sedicenne, che ha sempre vissuto lontana da tutto e da tutti, resistere al fascino di Jacko, un bellissimo giovanotto di poche parole, che tutti al villaggio considerano una canaglia?
Un romanzo romantico e avventuroso, il volume che dà il via alla serie fantasy dedicata a Odyssea Bennet.
Benvenuti a Wizzieville, un lungo viaggio vi attende.

LA MIA OPINIONE


In occasione della ripubblicazione del romanzo da parte dell'autrice, ho deciso di proporvi la mia recensione di questo primo volume della serie di Odyssea, che ho molto apprezzato. 
Prima di tutto c'è da dire che questo libro mi ha ricordato la serie di Harry Potter, non per la trama in sé, ma per quel senso avvolgente di magia che ho ritrovato.

Odyssea, protagonista del romanzo, anon ha idea di possedere dei poteri magici finché la madre non la porta a Wizzieville, sua città d'origine, e le svela la verità sulla sua natura. Tutto è improvviso, e la nostra protagonista all'inizio non può che essere spaesata. 
Ody scopre prima di tutto un mondo di affetti di cui fino ad allora era stata privata o del quale aveva saputo molto poco, ma soprattutto si ritrova in un mondo dove la magia fa parte della vita quotidiana. 
Tra la conoscenza delle nonna materna e la scoperta del suo passato, in particolar modo di suo padre, comincia la sua avventura, in un mondo molto diverso dal nostro, dove Wizzieville è la città ideale in cui vivere.
Sono proprio le descrizioni della piccola grande magia di Wizzieville che mi hanno colpita prima di tutto, dalla fontana con l'unicorno alle piante magiche. Sono descrizioni accurate ma sulle quali l'autrice non si dilunga eccessivamente, e trovo questo compromesso ottimo per non annoiare il lettore.
In realtà a Wizzieville però non è tutto rose e fiori, e di questo Ody si renderà conto prestissimo. Saranno i racconti della nonna, i libri del padre e il suo istinto a guidarla verso la scoperta di una storia che per dodici anni ha ignorato ma di cui adesso deve affrontare le conseguenze.
Ma tra le persone che Odyssea conosce non c'è soltanto la sua famiglia, ma anche altri abitanti della magica cittadina, i fratelli Lindia e Stylo, il dolce Jordy ma soprattutto il misterioso e affascinante Jacko, del quale non tarderà ad invaghirsi.
Il rapporto che si intreccia tra tutti i personaggi è complicato, ma ricco di emozioni. Soprattutto il rapporto tra Ody e Jacko è molto particolare, fatto di amore ed odio, apprezzamenti ed incomprensioni. I due sono inconsapevolmente partecipi di un unico destino, ma è proprio questo elemento che li avvicina ma che allo stesso tempo li allontana.
In alcuni passi ho trovato Jacko particolarmente antipatico e orgoglioso, avrei voluto strozzarlo, ma questo sicuramente fa parte del suo personaggio, che scopriamo piano piano.
L'autrice nel complesso è riuscita a creare un ottimo romanzo, emozionante e coinvolgente, pieno di colpi di scena. Sicuramente il pregio più grande è il fatto che al lettore riesce semplice immedesimarsi nelle vicende che coinvolgono Odyssea, perchè dopo le prime pagine si finisce praticamente nell'occhio del ciclone degli eventi.
Non c'è un capitolo che potrei definire noioso o povero di eventi o poco misterioso. Questo libro è un ottimo mix di magia, mistero e azione, e sicuramente un ottimo primo mattoncino per i prossimi volumi della saga.
Molti misteri sono stati svelati alla fine di questo primo libro, ma il finale è sicuramente apertissimo e sicuramente pronto a riservare sorprese per i prossimi volumi.





Alessia D'Oria

C'è post@ per noi... #261

08:00

Buongiorno a tutti, cari lettori!
Oggi vi proponiamo tre nuovi titoli che ci sono stati segnalati.
Curiosi di scoprirli?










Titolo: Il respiro della pioggia
Autore: Maggie Ricetto
Editore: Lettere Animate
Pagine: 256
Prezzo: € 2,99 (ebook) € 12,32 (cartaceo)

TRAMA
Due vite, un segreto. Electra sogna di sfondare come cantante, ma in attesa che ciò avvenga si accontenta di lavori precari, come le sue relazioni.Quando rivede Marco, il fratello della sua migliore amica di ritorno da Londra, Ele rimane colpita dall’uomo che si ritrova davanti, così diverso dai soliti ragazzi, così diverso da Mattia.Tra loro inizia a nascere un sentimento che lei non conosce, in grado di abbattere le sue difese. Perché Ele ha un segreto, un segreto inconfessabile. Marco è dolce e premuroso, e sembra disposto a tutto per difenderla. Ma cosa lo ha spinto a lasciare Londra, e perché dice di non poterci tornare? Cosa lo lega a Ele, oltre all’amore?


Titolo: L'ultimo istante
Serie: Promises Series Vol.2 
Autore: Alessia D'Oria
Editore: Butterfly Edizioni
Pagine: -
Prezzo: € 2,99 (ebook)

TRAMA
Vincenzo De Luca sa che l'unico modo per proteggere Angela Sorrentino è farsi odiare e allontanarla. I giovani si amano ma non possono stare insieme perché fanno parte di due famiglie mafiose avversarie. Costretto a dimenticarla per non mettere in pericolo la sua vita, non ha fatto i conti con il coraggioso e inarrestabile amore di Angela. Entrambi non riescono ad arrendersi al destino crudele che li vuole divisi e vorrebbero continuare ad amarsi a qualsiasi costo. Il prezzo da pagare per questo disonore però è troppo alto e il loro rapporto sembra condannato in partenza. Nonostante la disperazione, le ingiustizie, i sacrifici e i soprusi, Angela è convinta che il loro amore sia forte e indistruttibile. Animata dalla rabbia, dalla sete di vendetta e dall'odio per la sua condizione, è pronta ad affrontare tutto il dolore che ne conseguirà se qualcuno scoprisse la loro relazione segreta, perché al suo fianco non ha paura di niente e a una vita senza di lui preferirebbe la morte.

Titolo: Tulipani a Dicembre
Autore: Alessia Maineri
Editore: Les Flaneurs
Pagine: 222
Prezzo: € 15,08 (cartaceo)

TRAMA
Anna e Gloria vivono di silenzi. Entrambe conoscono i vari volti della violenza: quella che lascia lividi, quella che toglie il respiro, quella che strappa l'innocenza e trattiene il futuro. Solo il silenzio ha raccolto le loro storie, ha coperto le loro ferite quando ogni parola e ogni gesto infliggevano invece nuovi colpi. E da quando si sono incontrate per la prima volta in una corsia di un ospedale, e si sono vicendevolmente scelte, il silenzio è diventato il tramite fra i loro cuori, permettendo loro di darsi una possibilità, di aprirsi all'amicizia dopo una vita fatta di lacrime e terrore. Mano nella mano, le due giovani iniziano un cammino che le porterà faccia a faccia con i propri demoni e che le renderà consapevoli della grande forza insita nella fragilità. "Tulipani a dicembre" è la storia di una rinascita. Una speranza che sboccia nella neve, laddove nessuno lo avrebbe mai creduto possibile.



Fabiola

Recensione: Small Town Boys, di Runny Magma

09:00


Titolo: Small Town Boys

Autore: Runny Magma

Casa editrice: Self Publishing

Genere: Narrativa lgbt

E-Book: Sì

Prezzo: € 2,99 su Amazon

Pagine: 224

Uscita: 10 Novembre 2017


Sinossi: 

Un vecchio diario. Un ragazzo cocciuto. E un mistero da risolvere...

Niccolò sta vivendo l’estate fra la maturità e l’università. Ha una cotta per l’ex Professore di Filosofia, una zia single un po’ sfigata e le idee poco chiare sul suo futuro. Questa monotonia viene interrotta dalla scoperta di una tragedia avvenuta trent’anni addietro a un coetaneo dell’epoca, gettatosi sotto un treno per sfuggire al bullismo e all’omofobia. Niccolò si convince che non si sia trattato di suicidio ed è intenzionato a fare giustizia. Correrà il rischio di mettersi nei guai o quello di trovare la sua strada?

Recensione:

Oggi vi parlo di Small Town Boys, un libro scritto da Runny Magma, un autore che non conoscevo e che ora sicuramente terrò d'occhio.

Il libro narra di Niccolò, un ragazzo che ha appena finito le superiori e che sta passando l'estate difficile nella quale tutti chiedono di decidere cosa si farà da grandi. Niccolò non ha scelto l'università, non è neanche sicuro di volere proseguire negli studi al contrario dei suoi migliori amici che invece paiono decisi e determinati. 
Il ragazzo ha una cotta per il suo ex professore di Filosofia, Bruno, il personaggio che lo porterà, senza volerlo, a conoscere la storia di Loris: un ragazzo gay che pare essersi suicidato trent'anni prima a causa del bullismo di cui era vittima e dell'omofobia che lo circondava.

Il romanzo fa parte della narrativa lgbt proprio perché tratta il tema dell'omofobia e del bullismo, più che una storia d'amore. È raccontato attraverso canzoni del periodo di Loris, quindi musica anni '80 da Karma Chameleon, a the Riddle, a Smalltown Boy, ciascuna fa da sottofondo a un capitolo e ci accompagna insieme a Niccolò attraverso questo viaggio investigativo che gli permetterà di capire un po' meglio cosa è cambiato nel suo paese negli ultimi trenta anni.

La trama mi ha presa da subito e, anche se all'inizio sinceramente credevo che forse Niccolò si stesse lasciando trasportare un po' troppo dalla fantasia nella sua ricerca della verità, proseguendo mi sono ritrovata appassionata alla sua ricerca, che diventa anche un modo per il ragazzo di capire un po' meglio anche se stesso, perché sono convinta che alla fine non conti dove arriviamo, ma il viaggio che ci ha portati alla soluzione e questo è il senso del romanzo, per me: un viaggio, quasi come quello che si racconta ne L'Alchimista di Coelho, durante il quale si ritrova se stessi e la speranza.

I temi trattati in questo libro sono difficili e pesanti: omofobia, bullismo, violenza, suicidio, ma sono trattati dall'autore in modo delicato, seppure non superficiale.
Faccio i complimenti all'autore e vi consiglio di leggere questo libro.
 




Fiorenzo Catanzaro

Recensione: "La Setta" di Fiorenzo Catanzaro

09:00


Titolo: La Setta
Autore: Fiorenzo Catanzaro
Edizioni: PortoSeguro Editore
Pagine: 236
Prezzo:€13,90
Formato: Cartaceo
Genere: Giallo

Trama:
Giovanni Profeti, ex profiler dell'FBI dal passato tormentato, si trasferisce a Montregnoli, un piccolo paese della campagna fiorentina. La sua vita scorre tranquilla, lontana dai fantasmi da cui era fuggito, fino a quando la cittadina non viene sconvolta dal ritorno improvviso di Anna, una giovane donna scomparsa inspiegabilmente un anno prima. Ciò che emergerà dai ricordi di Anna catapulterà Giovanni nel mondo delle sette a sfondo satanico e della stregoneria.

Recensione:
Giovanni Profeti, ex agente dell'FBI ed investigatore privato, si trasferisce a Montregnoli, un paesino tra le colline toscane, per iniziare una nuova vita, lontana dal crimine, una vita fatta di semplicità e gente genuina.
Un giorno però, la figlia di un abitante del paese, scomparsa da un anno, riappare nel suo orto, in stato confusionale e coperta di sporcizia.
La semplice vita di Giovanni sembra interrotta e sarà chiamato a far luce sul mistero che ha portato alla sparizione della giovane Anna, finendo per addentrarsi in una complessa e torbida vicenda che lo riporterà a contatto con le persone che aveva lasciato dopo aver deciso di abbandonare il suo lavoro. 
La scomparsa di Anna sembra che porti ad una pista decisamente singolare: una strana setta dedita alla "purificazione" delle streghe... e Giovanni, seppur fuggito da una vita che ormai gli era stretta, sembra proprio non possa fare a meno di indagare.
La Setta è un giallo all'italiana, che mi ha piacevolmente tenuta incollata al libro fino alla fine, anche grazie ai personaggi, tutti talmente reali che sembra quasi di guardare un film... e il cui finale mi ha lasciato appagata ma perplessa... forse sarà il primo di una lunga serie?



Adolf nel Paese delle Meraviglie

C'è post@ per noi... #260

09:00

Buongiorno a tutti!
Siete pronti per una nuova carrellata di proposte tra cui scegliere quella più intrigante per voi?! 


Titolo: Fade into you
Autore: Sirio T. Winter
Edizioni: Self-publishing
Grafica cover:Winterly Graphics - Covers&Design
Genere: Contemporary Romance
Formato: Kindle
Pagine: 160

Sinossi:
Perdersi.
Per ritrovarsi, cinque anni dopo, l’uno di fronte all’altra. 
E perdersi ancora, nel miele degli occhi di Lou, tra le braccia di una donna che ha nascosto chissà dove la Prinsessa sognante che era un tempo.
Un tempo che sembra essersi fermato nell’istante in cui vi siete sfiorati la prima volta.
C’era la neve. C’era Katty. C’eri tu, con il cuore freddo come adesso.
C’era lo stesso, disperato desiderio di assaggiare quel miele.



«Non posso parlare per tutti, ma so perché batte il mio, di cuore. Solo perché amo te.»




La lasci entrare.

Nella tua casa, nella tua vita. 
Perché nonostante il dolore, nonostante il rancore e quella neve che non sembra voler smettere di avvolgerti, sai che lei è la tua casa. La tua vita.
E sai che vi perderete ancora, per poi ritrovarvi.
Tu e la tua Prinsessa.
Sei pronto, anche se ancora non lo sai.
Lo sei sempre stato.
Perché anche tu sai per quale ragione batte il tuo cuore.
Per chi.
Lei.
Lou.




Titolo: Tu credi nell'amore?
Autore: Cinzia Marini
Edizioni: Lettere Animate
Genere: Romanzo rosa
Pagine: 184
Formato: Kindle- Cartaceo
Pagine: 184
Prezzo: Kindle €2,99 - Cartaceo €10,45

Sinossi:
Diletta è operatore socio sanitario in una casa di riposo del suo paese, Macerata. Sta per sposarsi con Vittorio quando inaspettatamente lui la lascia dopo averla tradita. Diletta, presa dallo sconforto, decide che non si innamorerà mai più, perchè l’amore, quello vero, non esiste, almeno finchè non incontra Alessio, giovane avvocato, sensibile e altruista, fidanzato con Carlotta, acerrima nemica di Diletta fin dai tempi delle superiori. Quando di nuovo la vita la pone di fronte ad una scelta difficile, Diletta dovrà decidere se affrontare le sue paure e ritrovare l’amore o rinunciare a lottare per sè stessa e la propria felicità.




Titolo: Adolf nel paese delle Meraviglie
Titolo originale: Adolf in Wonderland
Autore: Carlton Mellick III
Traduttore: Carlo Vitali Rosati
Edizioni: Vaporteppa - Antonio Tombolini Editore
Genere: Fantasy, Distopia, Bizzarro Fiction
Pagine: 190
Prezzo: €3,99

Sinossi:
In un mondo dominato dalle idee del nazismo, due ufficiali delle SS sono sulle tracce dell’ultimo uomo imperfetto che minaccia la purezza dell’umanità.



Uno degli ufficiali si ritrova all’improvviso da solo in uno strano paesino nel mezzo del deserto, senza memoria, incapace di ricordare perfino il proprio nome. Sulla sua divisa c’è scritto Adolf Hitler, e tutti gli strani abitanti del luogo lo chiamano così. Adolf ricorda solo un dettaglio del proprio passato: la missione per trovare l’ultimo uomo imperfetto.




Il mondo in cui si muove però sembra impazzito: le persone che incontra sono ben oltre la semplice imperfezione, sono autentici mostri dai corpi deformi e dalle menti deviate. Nulla è giusto, nulla è come dovrebbe essere: neppure il giorno e la notte si alternano come dovrebbero e perfino il confine tra la vita e la morte non è più invalicabile.


Adolf non può fare altro che attraversare un mondo sottosopra, concentrato su una missione che è ormai l’unica ragione della sua esistenza.

                                                        


Segna - Libro

Segna-Libro #22

08:45

Buongiorno lettori, rieccoci con nuovo un segna-libro!
Di recente sono entrata in contatto con dei libri a tema salute di cui vorrei parlarvi.

Titolo: Vitamina D - Regina del sistema immunitario
Editore: Terra Nuova Edizioni
Pagine: 128

Sinossi: Serve a prevenire e contrastare malattie autoimmuni e cronico-degenerative, protegge dall’obesità e dai disturbi del sistema nervoso, rafforza il sistema immunitario e ha una funzione antitumorale. È la vitamina D, un vero toccasana per la nostra salute ma la cui carenza è sempre più diffusa. Si stima che oltre un terzo della popolazione mondiale abbia bassi livelli di vitamina D, mentre in Italia si arriverebbe addirittura all’80%. Eppure, come spiega il dottor Paolo Giordo nel libro "Vitamina D, regina del sistema immunitario", «un giusto apporto garantirebbe la prevenzione di molte malattie, anche gravi». Inoltre, «va preso atto del fatto che, in caso di malattie conclamate, la vitamina D ad alte dosi ha effetti terapeutici evidenti e assai significativi».

L’autore: Laureato in medicina e chirurgia all'Università Cattolica di Roma, il dottor Paolo Giordo è specializzato in neurologia e in biotipologia e metodologia omeopatica presso la Scuola superiore di medicina olistica dell'Uuniversità di Urbino; è diplomato in fitoterapia all’università della Tuscia di Viterbo e ha conseguito vari titoli di perfezionamento in discipline olistiche e nutrizione. Si è perfezionato in terapia chelante presso la Sitec (Società italiana di terapia chelante) e nel metodo Gerson al Gerson Institute di San Diego (USA) con tirocinio presso la clinica Gerson di Tijuana in Messico. Si è specializzato nell’utilizzo del metodo con alte dosi di vitamina D studiando con il professor Cicero Galli Coimbra a Sao Paolo, in Brasile. Promuove la conoscenza delle terapie non convenzionali attraverso libri, conferenze,
partecipazioni televisive, riviste, eccetera.

La mia opinione:
Ho scelto questo libro poiché da anni mia madre assume questa vitamina per l'osteoporosi e volevo documentarmi.
Il libro inizia con la chimica, l’autore ci spiega, infatti, come avviene la sintesi della vitamina D.
Sono rimasta scioccata dal fatto che gli schermi solari, per proteggerci dai danni del sole, impediscano l’assorbimento di tale vitamina. Resta quindi il dilemma, osteoporosi o melanoma? Difficile rispondere!
Possiamo incrementare la vitamina D con integratori alimentari naturali, a base di alghe, ma anche con gli alimenti che ne sono più ricchi come il tuorlo d’uovo, il pesce ed alcune verdure.
Non immaginavo, ma nel libro ci sono alcune ricette ad hoc per incrementare l’apporto della vitamina D, sono abbastanza particolari ma devo dire che quella del Dessert Orientale mi ha allettato.
E’ presente un questionario che dovrebbe far supporre la carenza di tale vitamina ma, secondo me, ci rientreremmo tutti o quasi, risulta un tantino allarmante.
Altra cosa che ho scoperto è che la vitamina D non è utile solo per la sintesi del calcio nelle ossa, ma anche per altre patologie di tipo dermatologico, mentale e sistemico.

In definitiva, una lettura interessante.



Titolo: Superfood mediterraneo
Editore: Terra Nuova Edizioni
Pagine: 120

Sinossi: Sesamo, mandorle, pistacchi, semi di girasole e di zucca, nocciole e mandorle sono veri e propri superalimenti, ricchi in nutrienti e utili per mantenere un sano equilibrio generale. Sono fonti di proteine vegetali, minerali e grassi buoni, omega 3 e 6, fibre e antiossidanti come la vitamina E. Una manciata di semi oleosi nella dieta può addirittura prevenire l’aumento di peso all’interno di un regime calorico controllato. Inoltre aiutano nella prevenzione del diabete, delle malattie cardiache e di quelle infiammatorie, sostengono lo sviluppo osseo e la produzione di energia.
Le oltre 90 ricette del libro suggeriscono come utilizzare semi oleosi e frutta secca in tutte le portate, dalla colazione al dolce. In queste pagine gli ingredienti della tradizione mediterranea
sono sapientemente combinati con altri di paesi più lontani (bacche di goji, semi di chia, alghe), arrivati sulle nostre tavole grazie alla sempre maggiore attenzione per un’alimentazione in grado di associare sapore e salute.


L’autrice: Alice Savorelli è nata e vive a Ravenna. Si è diplomata alla Sana Gola di Milano in cucina vegan-macrobiotica. Giornalista pubblicista, si occupa di cucina naturale e sostenibile attraverso corsi, seminari e un blog. Collabora con il mensile Terra Nuova.

La mia opinione:
Ormai siamo sempre più attenti alla nostra alimentazione, o almeno cerchiamo di esserlo. A casa mia ogni tanto si introduce qualcosa di nuovo, in particolare i miei genitori provano semi vari e cercano di mangiare alcuni frutti secchi nella giusta misura.
Ma cosa sono i supercibi delle nostre tavole? Sicuramente la frutta secca non tostata ne salata ed i semi oleosi.
Il libro di fatto è un ricettario, ma con la breve premessa ho imparato molte cose, tipo che le nocciole sono tra la frutta secca più digeribile, come si ricava abbastanza facilmente il latte vegetale, che i semi piccoli vanno tritati altrimenti non hanno nessun effetto.

Inutili dire che molte ricette mi abbiano parecchio stuzzicato, per citarne qualcuna: smoothie cioccolato e datteri, chips di rape rosse, cracker crudisti pomodoro e peperoni, pesto di pomodorini con menta e nocciole, pomodori gratinati con menta, sesamo e pistacchi, rape rosse saltate con noci, menta e crema di aceto balsamico, crema di cocco e mandorle con zenzero e curcuma, biscottini alle noci. Insomma, mi è venuta fame solo a leggerle!

Ottimo ricettario per i vegani ma direi stuzzicante anche per i curiosi, alcune ricette risultano un po' complesse per preparazione (necessità di avere un essiccatore, per esempio) o per ingredienti poco usuali ma, onestamente, ne assaggerei diverse.