Alessandra Macchitella

C'è post@ per noi... #289

09:00

Buongiorno a tutti!
Oggi quattro nuovi titoli che speriamo possano regalarvi interessanti spunti di lettura!
Buona domenica!








Titolo: Suicidi al sorgere del sole
Autore: Antonio Infuso
Edizioni: Intrecci Edizioni
Collana: Enne Intrecci 
Genere: Thriller
Formato:Cartaceo/Ebook
Prezzo: Cartaceo E 10/ Ebook E 3,99
Pagine: 96




Sinossi:
 ll suicidio di dieci uomini, ognuno preceduto dall'omicidio di una donna, all'alba di un solstizio o di un equinozio. Da tempo la Omicidi di Torino è inutilmente a caccia del regista del tragico rituale. L'ultima speranza è Stefano Vega, l'ex-commissario che - dopo la vicenda "Montesi/Grandi" - vive a Cuba con Irene Loi e Sergio Lama, ex poliziotti della sua squadra. Un accordo tra autorità cubane e italiane lo costringe a tornare a Torino. Con Irene, Sergio, Carmelo (suo ex collega e amico), Iannuzelli (suo vecchio informatore) e il giovane commissario capo della Omicidi, Davide Cavallero, Vega inizia una disperata lotta contro il tempo. Si addentrerà nel cuore nero dell'animo umano e si vedrà costretto a varcare i confini etici. Nell'eterna battaglia tra il bene e il male, occorre fare scelte drastiche e discutibili. Il tempo per gli scrupoli e i ripensamenti è scaduto nell'orologio morale di Stefano. E la giustizia, quella vera, ha sempre necessità di una spinta cinica ma onesta. Il perdono è un lusso, in una Torino bella e dannata. E Vega questo lusso non se lo può permettere.


Titolo: Erano Knochensturme
Autore: Emilia Anzanello
Edizioni: Autopubblicato 
Genere:Romazo Storico/Romantico
Data di uscita: Luglio 2018
Pagine: 1042
Formato:Ebook/Cartaceo
Prezzo: Ebook E 9/Cartaceo E 20

Sinossi:
Knochensturme" era il soprannome che le SS
delle altre divisioni corazzate avevano dato alla 3. PanzerDivision Totenkopf (altrimenti detta Teste di Morto, a causa del loro emblema, un teschio con le ossa incrociate).
"Knochensturme" si traduce come Tempesta di Ossa, oppure Tempesta di Scheletri, perchè l'Alto Comando Tedesco aveva l'abitudine di mandarli sempre in prima linea, dove i soldati della Wehrmacht, l'esercito normale, era nei guai, per tirarli fuori dagli impicci, e i Totankopf, anche a costo di innumerevoli perdite, non indietreggiavano mai, e la mortalità era così elevata che alla fine della guerra, di tutti gli effettivi che vi erano stati arruolati, ne erano sopravvissuti solo un terzo.
Questo è il racconto di alcuni di quegli eroi che, quando ormai le armate sovietiche avevano invaso i territori del Terzo Reich e tutto era perduto, pur consapevoli di essere sconfitti, rimasero a combattere fino all'ultimo, facendo dei loro corpi barriera al nemico venuto dall'Est.
Tra tutti, questa è la storia di Wilhelm, che una rovente passione legherà a MariaAnna, in un indissolubile amore che li vedrà trascinati nelle vicende dell'ultimo periodo della Seconda guerra mondiale, fino alla inevitabile resa tedesca e alla conseguente prigionia di Wilhelm nel campo lager americano POW A8 di Dietersheim, dove Maria Anna, che ne ha seguito le tracce per mezza Europa, lo trova, in fin di vita. La donna riuscirà a dimostrare al comandante del campo, il francese Julien, capitano del terzo Fucilieri Algerini, che Wilhelm è stato solo un soldato, e non l'orribile nazista che il comandante francese vorrebbe mandare a processo, e ne ottiene la liberazione. Riportato a casa dalla moglie, Wilhelm riesce a riprendersi e torna al suo vecchio lavoro di prima dell'arruolamento: il falegname. Riesce ad avere successo nella sua nuova attività, tanto da aprire le porte della sua falegnameria a molti ex camerati in miseria, ai quali nessuno, nella Germania post guerra, denazificata dagli statunitensi, vuole dare lavoro, perchè tutti ex membri delle SS. La trascorsa militanza e la dichiarata simpatia di Wilhelm per coloro che erano stati SS scatenano l'odio di un autorevole banchiere della città ove risiedono Wilhelm e MariaAnna, banchiere la cui famiglia era stata sterminata in un lager nazista, ed egli si pone, come unico scopo della vita, l'annientamento di Wilhelm, della sua famiglia e dei suoi amici. Lo scopo, perfidamente perseguito, quasi raggiunge l'obiettivo. Ma l'amore dei due sposi, divenuti nel frattempo genitori di due bambini, riesce, alla fine, ad avera ragione anche dell'ultimo nemico.    













Titolo: Santa
Autore: Alessandra Macchitella
Edizioni: Les Flaneurs Edizioni
Prezzo: E 11,00
Data di uscita: Agosto 2018
Formato: Cartaceo
Pagine: 120



Sinossi:
Santa e Luana sono due gemelle, l'una l'alter ego dell'altra. La prima è una ragazza scaltra, con un corpo da fata, desiderosa di successo; l'altra è una giovane volenterosa, dimessa, disillusa, che prova con fatica a farsi strada nel difficile mondo del giornalismo. A intrecciare le vite delle due donne arriva Paolo, riparatore di oggetti malandati, e di persone. Allora si scopre che niente era come immaginato e che Santa-Luana si portano dentro un grande segreto... Prefazione di Aldo Cazzullo.






Titolo: Ti presento il tuo ex    
Autore: Cinzia La Commare
Edizioni: Butterfly Edizioni
Genere: Contemporary Romance
Collana: Love self
Prezzo: E 2,99
Data di uscita: 7 agoto 2018





Sinossi: 
Thea Wilson è imprevedibile, schietta e sicura di sé. Il suo unico obiettivo è quello di farsi strada nella carriera giornalistica, non c'è spazio per altro nella sua vita, non di certo per l'amore. Anche se, dopo anni di solitudine, decide di cedere alle attenzioni di Josh, suo collega di lavoro al NY Voice Journal. Ma Thea non è solo tutto ciò che mostra, è anche una ragazza fragile e vulnerabile che ha voltato le spalle all'amore credendo di fare la cosa giusta. Quando la sua amica e coinquilina Katie si trova a chattare con un affascinante e intrigante sconosciuto, Thea sarà suo malgrado coinvolta e capirà che il passato - che ha cercato di dimenticare con tutte le sue forze - è tornato di prepotenza a farle ricordare che il cuore e la propria felicità meritano sempre il primo posto.




Concetta

Recensione: UN IMPREVISTO DA FAVOLA - ILARIA CARIOTI

09:01

Buongiorno lettori, oggi diamo spazio ad una nostra collaboratrice occasionale, Concetta.
Ecco la sua recensione.

Titolo: Un imprevisto da favola
Autore: Ilaria Carioti
Editore: Autopubblicato
Genere: Narrativa contemporanea sentimentale
Pagine: 250

Sinossi: Gaia, nonostante le difficoltà cui la vita l’ha messa di fronte, non cessa mai di affrontarla con ottimismo e quel sorriso che la rende unica. Dopo l’abbandono del padre e la morte della madre, l’unico legame che le rimane è Giorgio, il suo adorato fratellino Down che ama più di ogni cosa e di cui si sente responsabile.
Gabriel, soprannominato da tutti “principe”, è bello, forte, arrogante e…  un trafficante efferato che vive sopra le righe.
Due persone agli antipodi, due mondi paralleli che sembrano fatti di opposti, fin quando il destino non decide di incrociare le loro strade.
L’uomo subisce un terribile incidente che gli devasta una parte del volto e l’anima. Costretto all’esilio, dalla legge e dalle ossessioni che lo perseguitano, si rifugia nella sua grande e confortevole dimora, iniziando una “non vita” fatta di solitudine.
Tormentato dal fato crudele e dagli errori del passato, non si augura altro che trovare il modo per porre fine a un’esistenza inaccettabile.
Quando tutto ormai pare perduto, però, Gaia entra timidamente nella sua quotidianità, sconvolgendola.
Bisognosa di soldi per mantenere se stessa e Giorgio, non può rifiutare un’allettante proposta di lavoro, anche se si tratta di fare i bagagli e trasferirsi a casa del tanto temuto “principe” per un impiego da cameriera.
Gabriel non potrà non provare curiosità per quella strana creatura che, nonostante i problemi, sorride a ogni nuovo giorno con un incomprensibile ottimismo.
Gaia pur temendo la brutta reputazione dell’uomo, scopre allo stesso tempo di esserne attratta: il suo intuito le dice che non sia terribile come tutti lo descrivono.
Una favola moderna, liberamente ispirata a La bella e la bestia, dove due mondi diversi, personalità opposte, per uno strano scherzo del destino, si incontrano. La vita insegna che tutto può succedere e che la sostanza va oltre le apparenze, sempre.


Recensione: 
Gabriel, il “principe”, conduce un’esistenza lussuriosa sempre circondato da belle donne pochi amici e tanto denaro.
La sua vita sopra le righe corre veloce fino a quando un brutto incidente metterà fine a tutto ciò.
Caduto nel baratro della disperazione arriva Gaia, ragazza della porta accanto con il suo viso d’angelo.
La stessa autrice, a fine romanzo, ci tiene a sottolineare che il suo intento è quello di far sognare per un attimo il lettore allontanandolo dal grigiore della vita quotidiana, creando una parentesi romantica e una suspance continua ad ogni piè sospinto. Colpisce molto la freschezza di Gaia, la sua semplicità, il suo ottimismo nonostante la vita le abbia segnato il cuore con profonde cicatrici. Gabriel, invece, arriva ad avere ferite sul volto che gli segnano il cuore, trasformandolo in una persona migliore. Entrambi i protagonisti crescono, si evolvono e si confrontano senza mai giudicarsi, anzi porgendo l’uno la mano all’altro,
In definitiva, una lettura piacevole che consiglio a tutti.


Concetta

Annie

Recensione: "Chloe" di Leila Awad

08:00

Titolo: Chloe
Autore: Leila Awad
Editore: Autopubblicato
Pagine: -
Prezzo: € 2,99 (ebook) € 12 (cartaceo)

TRAMA
Chi la segue sui Social Network pensa di conoscere tutto di Chloe Bennett: calca le passerelle più importanti, vive a New York, ama fare colazione da Tiffany ed è fidanzatissima. Quello che non sanno è ciò che si nasconde dietro la patina di dorata perfezione, oltre le copertine e i selfie con le amiche. Alla sua carriera manca solo la grande occasione che la consacri nell’Olimpo delle top-model, che arriva sotto forma di un piccolo regno europeo. Anche di Brygge si sa ben poco, ma quando vi viene organizzata una settimana della moda assurge agli onori della cronaca con le sue scogliere, le strade acciottolate e, soprattutto, i suoi rampolli reali, giovani, belli e scapoli! Quando Chloe incrocia gli occhi verdi del bel principe è come fare un tuffo nel passato. I pettegolezzi si inseguono, lo scoop sembra servito, ma nulla è come appare e, per la seconda volta, la modella si trova costretta a decidere tra il grande amore e il proprio futuro.

LA MIA OPINIONE

Quello di Chloe Bennet è il nome più quotato tra le modelle del momento. Da qualche anno ormai gli stilisti lottano per averla alle loro sfilate ed è sulle copertine delle riviste più importanti. 
Da quello che appare sui suoi social tutta la sua vita sembra perfetta, ma dietro alle foto perfette si nasconde un passato non troppo semplice, tanto lavoro e un segreto che certo non le faciliterebbe la carriera.
A migliaia di chilometri da New York, dove Chloe vive, si trova il piccolo regno di Brygge, una monarchia che per uscire dall'anonimato e modernizzarsi sta organizzando diverse iniziative, tra cui una settimana della moda ad opera della principessa Josefien.
Chloe non può rinunciare a partecipare, ma sa anche che Brygge è il posto da cui è scappata otto anni prima e dove ha lasciato una parte del suo cuore e che fare i conti con il suo passato potrebbe non essere così semplice...

Una fiaba moderna. Nell'anno del royal wedding di Harry e Meghan, Leila Awad propone un romance completamente incentrato su una monarchia moderna, che seppur fittizia ha molte caratteristiche delle monarchie nord europee. E se c'è una cosa che ho molto apprezzato di questo romanzo è proprio l'idea di questo piccolo regno fiabesco, che tra foreste, montagne e castelli ha un fascino incredibile. Il setting sicuramente merita molto ed ha anche un suo ruolo non indifferente nella storia.
Ma parliamo di Chloe, la protagonista di questo romanzo: nel complesso mi è piaciuta, perché compie un suo percorso di crescita nel corso del romanzo e attraverso il suo racconto possiamo comprendere bene la differenza tra la ragazza che ha lasciato Brygge e quella che vi torna, otto anni dopo. Duro lavoro, tanti sogni ma anche tante delusioni: Chloe è una persona nuova quando torna nel piccolo regno innevato, ma deve ancora mettere a posto alcune tessere del suo puzzle personale per essere felice.
Mi sono piaciuti molto anche i personaggi secondari, soprattutto Edvard, l'erede al trono, e Candice, una delle migliori amiche di Chloe. Menzione speciale per Sebastian, che è adorabile.
A questo punto dovrei parlarvi anche di Alex, il protagonista maschile di questo romanzo...ma non lo farò. Per saziare la vostra curiosità dovrete leggere il romanzo.

Unica pecca di questo romanzo, che proprio per questo non mi ha tenuta incollata alle pagine come mi aspettavo, è il ritmo narrativo. In questa storia si alternano momenti lenti ad altri descritti in modo troppo frettoloso e per questo il romanzo non scorre bene. Inoltre, di tanto in tanto, la scena viene lasciata ad alcuni dei personaggi secondari, incentrandosi su di loro ed anche in questo caso il ritmo narrativo viene spezzato. Per quanto io fossi curiosa, ci sarebbero stati altri modi di riferire le loro azioni.

Nel complesso ho trovato Chloe una lettura molto romantica, anche se non perfetta, ma sicuramente consigliatissima per tutte le lettrici che di principi e principesse non ne hanno mai abbastanza!




c'è posta per noi

C'è post@ per noi.. #288

10:00

Buona domenica, lettori!
Eccoci con una nuova puntata della nostra rubrica "C'è post@ per noi".











Una settimana per (non) innamorarmi - Silvia Castellano


Titolo: Una settimana per (non) innamorarmi
Autrice: Silvia Castellano
Editore: Butterfly Edizioni
Data di uscita: 10 settembre 2018
Collana: Love Self
Genere: Romance
Pagine: 300
Prezzo: 2,99€

Trama: 

Kenzie Stewart ha ventidue anni ed è la pecora nera della famiglia. Sua nonna è la classica signora ricca fissata con le apparenze e ha pianificato minuziosamente la vita di Kenzie e dei suoi fratellastri. Kenzie, però, ha sempre fatto a modo suo, e sua nonna non manca occasione di farglielo pesare. Da quando ne ha ricordo, inoltre, non sopporta i matrimoni, ma alla festa di fidanzamento della sua migliore amica Lily non può proprio mancare. Lì incontra Adrian: bellissimo, coi capelli scuri e gli occhi di un blu intenso… Sembra un principe delle fiabe. Ma in realtà è un gigolò.
Kenzie non riesce a toglierselo dalla mente, è attratta da lui, ma non è disposta a condividerlo con le altre.
Quando sua nonna la chiama per ricevere la conferma che il suo fidanzato andrà con lei al matrimonio di sua sorella Keira, Kenzie non riesce proprio ad ammettere di essersi lasciata con David e promette che ci andrà accompagnata. Disperata, chiede l’aiuto di Adrian, che dovrà fingersi il suo fidanzato per una settimana.
Ce la faranno a convincere tutti, soprattutto sua nonna? E riuscirà Kenzie a non innamorarsi dell’affascinante e carismatico Adrian?




L'estate dentro me - Giovanna Mazzilli 


Titolo: L'estate dentro me
Autrice: Giovanna Mazzilli
Editore: Butterfly Edizioni
Data di uscita: 28 agosto 2018
Collana: Love Self
Genere: Romance
Prezzo: 2,99€

Trama: 
Per Apollonia il mare è sempre stato terapeutico. Non un mare qualsiasi ma proprio quello della riviera romagnola, dove ha trascorso tutte le estati della sua infanzia e adolescenza. Per mettere, in modo definitivo, una pietra sopra al declino psicologico e fisico vissuto negli ultimi anni, decide di tornare su quella spiaggia. I ripetuti flashback di una vita felice, che sembra ormai troppo lontana, la accompagnano mentre ripercorre le solite vie e incrocia le stesse persone di un tempo. Ma è l'incontro con Enrico, il suo più grande amore, che risveglierà le emozioni assopite e ne creerà di nuove. Apollonia proverà a riconquistarlo, abbattendo le mura che, senza volerlo, aveva innalzato con quel segreto, cercando di proteggere il suo cuore frantumato. L’estate è esplosa e ignorare i momenti trascorsi insieme è difficile... Riuscirà Enrico a dimenticare l’abbandono e a credere di nuovo in lei, recuperando in fondo al suo cuore quel sentimento che le aveva confessato l’ultima estate prima di partire? E Apollonia rifiorirà come un girasole in cerca dei raggi luminosi di questa stagione calda?


Il Re della Luce. L'Esercito Leviatano - Federico Carro

Titolo: Il Re della Luce - L'Esercito Leviatano
II parte della saga "Il Re della Luce"
Autore: Federico Carro
Editore: Self publishing
Data di uscita: settembre 2018
Collana: Love Self
Genere: Fantasy
Pagine: 298
Prezzo: 19,00€

Trama: 

Dopo gli avvenimenti ne Il re della luce - L'ordine degli dèi oscuri, nel quale Fedrick riesce a raggiungere il suo amore Isabel a Torino, egli deve lasciare la fanciulla inerte nei meandri del castello del padrone Oscuro, per andare a distruggere il male del mondo che sovrasta con i suoi artigli ogni essere vivente. Nel contempo il padrone Oscuro, alias Dar Queen, mette in atto il suo piano Darkerd, trovando così il fulcro pensante della Terra e risvegliando il Leviatano del Sistema solare. Cercando di combattere contro il padrone Oscuro, Fedrick viene a sapere da quest'ultimo che l'intera città di Torino è stata rasa al suolo dall'occhio del Leviatano appena risvegliato e che tutti i sospiri degli esseri viventi hanno cessato d'esistere. Fedrick, nel cercare di vendicare tutte le persone del mondo, durante lo scontro con Dar Queen viene scaraventato via oltre i meandri della galassia, ove innanzi a codesto scenario il Leviatano si completa sotto lo sguardo pieno di compiacimento del padrone Oscuro. Unendosi al Leviatano, diventando così una cosa sola, Dar Queen parte verso una direzione ignota, in un oblio intramontabile in un universo oscuro...




L'autore

Nato a la Spezia il 15 Giugno 1991, Federico Carro cresce a Vernazza, circondato dalla natura radiosa di quei luoghi, trascorrendo il suo tempo immerso nel panorama del mare e delle colline, disegnando e dipingendo paesaggi, traendone ispirazione per le sue successive opere. Dopo le scuole medie, Federico si iscrive al Liceo Artistico Cardarelli di La Spezia, dove il suo lato artistico emerge sempre di più, rivelando il suo interesse per il mondo della scrittura. Di lì a poco scrive la bozza del suo libro “Il segreto del verziere”. Terminata la scuola, Federico comincia a lavorare da suo zio, gestore di un bar – ristorante situato a Vernazza. Nel frattempo Federico comincia ad imitare nella danza il suo idolo Michael Jackson, prendendo lezioni di Hip – Hop. Con il tempo, comincia a risparmiare soldi per prendere lezioni private di pianoforte e canto, ampliando i suoi interessi alla musica Blues e Jazz. Mentre il suo interesse per la musica pop e il Jazz cresce esprimendosi nella composizione di nuove opere musicali, Federico continua a scrivere il suo romanzo “Il segreto del verziere”, e nel frattempo, insieme ad un suo amico sassofonista, riesce a creare un piccolo gruppo. Federico decide quindi di far decollare il progetto del suo album, e trova uno studio di registrazione indipendente a Carrara chiamato Nautilus Rec Studio. Grazie all’aiuto del suo fonico e di altri collaboratori che gli danno supporto, Federico riesce a completare l’album, intitolandolo “Come un lampo”. Contemporaneamente riesce a terminare il suo libro “Il segreto del verziere” e altri video musicali quali “Lovely storm” e “Replace my soul”. Concentrandosi di seguito sulla promozione del cd e del suo romanzo, crea un video promozionale del suo libro, utilizzando gli scorci ed i luoghi misteriosi che fanno da cornice a Vernazza. Leggendo storie, miti e leggende del Medioevo, si interessa all’arcaicità di Torino, dalla quale ha tratto ispirazione per “L’ordine degli Dèi Oscuri”, il primo romanzo della saga Fantasy: “Il Re della Luce”



Il giro giusto - Carlo Picca


Titolo: Il giro giusto
Autore: Carlo Picca
Editore: Les Flaneurs Edizioni
Data di uscita: 20 settembre 2018
Prezzo: 9,00€

Trama:
Se credete che nel mondo dei libri tutto sia perfetto ed entusiasmante e non mancate ai suoi grandi appuntamenti mondani, tocca anche chiedersi cosa si nasconda spesso dietro tutto ciò, non credete? Qual è l’ombra che, guardinga, si nasconde dietro le luci dei riflettori, puntati su quegli oggetti meravigliosi chiamati “libri”? L’ennesima presentazione a cui assiste Ippolito diventa quella giusta per farlo eruttare dopo anni e anni di lavoro appassionato. Perché, lui lo sa bene, anche i libri devono fare parte del giro. Del giro giusto, però!




Biografia: Carlo Picca, pugliese, si è laureato in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Bari. Ha esperienze in campo scolastico come insegnante di lettere, ed editoriale come consulente letterario, attività che svolge per alcuni autori ed editori. Attualmente è direttore di collana per la sezione poesia della casa editrice Les Flâneurs. Nel 2011 ha aperto una libreria specializzata per bambini a Rutigliano (Ba), che conduce con passione organizzando eventi letterari e laboratori didattici, letture animate, incontri con Autori. Dal 2011 è iscritto come pubblicista all’Ordine dei Giornalisti ed è blogger dei magazine culturali Libreriamo e Fame di Sud. Ha pubblicato nel 2016, per FaLvision Editore, un lavoro critico sperimentale sul poeta italiano Sandro Penna che è stato insignito nel 2017 del premio internazionale, per la categoria saggi, curato dall’Istituto di Cultura di Napoli e dalla rivista letteraria internazionale Nuove Lettere. Sempre per FaLvision, nel 2017, ha anche pubblicato Giancarlo, un racconto per ragazzi a partire dai dieci anni, sulla tematica del coraggio.



A presto^^

Gaia Cassarri

Recensione: Il ballo del diavolo e altri racconti - Gaia Cassarri

10:00

Titolo: Il ballo del diavolo e altri racconti
Autrice: Gaia Cassarri
Genere: fantasy, racconti
Editore: Autopubblicato con Streetlib
Anno di pubblicazione: 2018
Pagine: 205
Prezzo: 1,99€ (ebook), 8,99€ (cartaceo)

Trama: 

In questa raccolta di racconti fantastici strane creature, angeli dalle ali spezzate, una versione inedita di cappuccetto rosso e tanti altri personaggi ci parlano di temi attuali e spinosi come il femminicidio o la morte del pianeta, ma anche di sogni, speranza e amore. Contiene il racconto “La ricamatrice”, terzo classificato al concorso nazionale La Farnia d’oro 2017 e “Il viaggiatore”, quinto classificato al concorso nazionale San Lorenzo 2017.





Recensione

"Il ballo del diavolo e altri racconti" non è un libro come gli altri, ma nelle sue 205 pagine raccoglie 8 novelle. Sono dei racconti che non hanno nulla in comune e infatti hanno protagonisti diverse e raccontano storie diverse l'uno dall'altra. 
Nonostante la brevità di ogni storia, il messaggio che vuole trasmettere l'autrice arriva chiaramente al lettore. 

Hanno un tocco fantastico ma, nonostante questo, vengono trattate tematiche attuali, spesso delicate come il femminicidio. Ho apprezzato che l'autrice abbia voluto affrontare tematiche cosi spinose e soprattutto ho apprezzato la delicatezza con cui sono state trattate.
Non voglio svelarvi nulla della trama delle 8 novelle in quanto potrei, accidentalmente, rivelarvi dei punti salienti delle storie stesse. 

Ogni novella, come vi dicevo prima, conta solo poche pagina ma le sensazioni che trasmettono sono pari ad un racconto di più pagine. Sono una lettrice che predilige un numero di pagine abbastanza elevate, mi piace che una storia sia raccontata e sviscerata in ogni  sua sfaccettatura, con queste novelle mi sono bastate quelle poche pagine affinchè mi sentissi appagata dalla storia. E' un fatto abbastanza insolito per me. 

Sono rimasta sorpresa dallo stile di scrittura dell'autrice, fresco, pulito, scorrevole, ma mai banale o noioso; è uno stile graffiante che cattura l'attenzione del lettore finchè non viene girata l'ultima pagina. 
Sono contena di aver letto questa creazione di Gaia Cassarri, è stata in grado di farmi provare diverse emozioni. Ringrazio l'autrice per avermi permesso di leggere le sue storie e vorrei tanto leggere qualche altro suo romanzo. 
Vi consiglio di leggere queste novelle, sono sicura che cattureranno la vostra attenzione. 






Mariangela

RECENSIONE: "Nell'ombra delle donne: scelte d'amore" di Simona Polimene

09:00




Titolo: Nell'ombra delle donne- scelte d'amore

Autore: Simona Polimene
Edizioni: Self published
Pagine: 92
Formato: Cartaceo/Digitale
Prezzo:Cartaceo E 12,00/ Digitale E 6,99






Sinossi
Una donna messa davanti a una scelta impossibile affronta un crudele destino, una ragazzina alla ricerca della propria identità si catapulta nel mondo degli adulti in una sola estate, una manager in carriera vive nell'ombra del passato, una donna riflette sull'evoluzione dell'amore, una stalker non accetta il rifiuto dell'uomo che ama, una moglie anestetizzata dalla routine trova riscatto nell'infedeltà e la depressa “pescatrice di perle” sguazza negli abissi della propria anima.
Sette donne che si ritraggono con il cuore in mano, sette soliste che ci accompagnano attraverso un universo femminile complesso e talvolta disperato. Donne mancanti di un pezzo, di un frammento che spesso riaffiora tra le righe di ogni storia. Chi sceglie di restare, chi di cambiare, chi di lasciar andare, chi di lasciarsi andare e chi sceglie di voler restare uguale, insomma, donne determinate che scelgono in un mondo veloce e indifferente che non lascia spazio a chi non sa scegliere.


Recensione:
Sette donne per sette racconti di vita, non solo d’amore, alcuni dei quali mi hanno lasciato senza fiato, mi hanno commosso e fatto riflettere.
Simona Polimene costruisce ogni storia attorno a una donna diversa: dalla vedova che non riesce a lasciar andare del tutto il marito, alla ragazzina adolescente che nel giro di un’estate decide di provare tutto ciò che pensa la renderà adulta; alla donna che è certa di aver perso la passione e l’amore per il marito, ma che inaspettatamente la ritrova quando crede sia tutto ormai sopito.
I romanzi d’amore non sono il mio genere preferito, ma questo esce dai canoni del genere amoroso, per entrare in quelli degli  episodi di vita vissuta, esplorando le tragedie, i sogni e i segreti di ogni donna comune, che potremmo essere noi, una nostra amica, la nostra dirimpettaia.


Uno scorcio perfetto dell’esistenza e delle mille facce dell’amore, che vi farà divorare questo racconto fino all’ultimo respiro...














Black Touch di Dalila Khbizy

C'è posta per noi... #287

09:30

Buona domenica, Lettori! 
Questa settimana abbiamo accolto una delle nostre nuove collaboratrici, Zuleika, che ci ha parlato di Quando le ombre si fanno lunghe di Rita Salvadori. Presto potrete leggere anche la sua presentazione, ma nel frattempo desideriamo darle il benvenuto insieme a voi: a me il compito di farlo a nome di tutto lo staff.
Intanto siamo già arrivati alla metà del mese ed è il momento di dare un'occhiata alle proposte che autori e case editrici ci hanno inviato. Pronti?



Black Touch (Disasterology Saga #1) di Dalila Khbizy




Titolo: Black Touch (Disasterology Saga #1)
Autore: Dalila Khbizy
Editore: Publimedia - 2017
Pagine: 456
Prezzo: cartaceo - € 15,00

Trama
Megan Stonheaven non avrebbe mai voluto immischiarsi nelle faccende paranormali della sua bizzarra famiglia; avrebbe preferito rimanere in camera sua, circondata da una miriade di cuscini, con una cioccolata calda in una mano e un libro nell’altra. Chimere e fantasmi, streghe e biblioteche incantate, affascinanti esorcisti e pericolosi giochi di potere se li sarebbe aspettati solo in qualche fantasiosa trama cinematografica, non dal suo destino.
Coraggio, paura, amore, una sana dose di umorismo e… la morte costantemente dietro l’angolo.

Biografia dell'autrice
Dalila Khbizy è nata in Puglia, ma vive e studia nel Veneto. Con uno stile armonioso e uno humour frizzante Dalila entra nei cuori dei lettori con molta leggerezza e semplicità, catapultandoli in mondi di cui non potranno più fare a meno. Black Touch è il suo romanzo d’esordio.

Link utili


Splendida Chimera di Pietro Fronterré


TitoloSplendida Chimera
Autore: Pietro Fronterré
Editore: Intrecci Edizioni
Pagine: 186
Prezzo: cartaceo - € 12,00

Trama
Seguito di Canto Breve, un sogno, una splendida chimera che si realizza. Hanna Stroenberg e Nino Armenia si rivedono e scoprono d’amarsi, sullo sfondo di un paese torrido e sanguigno, come i sentimenti che vi scaturiscono. Pozzallo sembra fatta per innamorarsi. Un romanzo intriso di sole, di mare, di passioni e di arte, continuazione ideale del lavoro precedente dell’autore.



Si moriva dal caldo di Mirco Giulietti



TitoloSi moriva dal caldo 
Autore: Mirco Giulietti
Editore: Intrecci Edizioni
Pagine: 292
Prezzo: cartaceo - € 15,00

Trama
È l’estate del 1974, la scuola è appena finita, i mondiali di calcio stanno per cominciare e il protagonista, un ragazzino affetto da leggera balbuzie e da un inesplicabile miscuglio di voglia di protagonismo e di passare inosservato, vede la vita della minuscola località in cui vive sconvolta dalla morte violenta e misteriosissima di una vicina: la signorina Marella, ereditiera di una bella villa di campagna ed ex cantante beat. Il ragazzino intraprende le sue personalissime indagini, prima per gioco, insieme alla sua banda di amichetti, e poi da solo, immedesimandosi nel ruolo di paladino della giustizia del suo eroe dei fumetti Tex Willer, arrivando ad un inaspettato epilogo.

Pippa della palude di Simona Barugola 


Titolo: Pippa della palude
Autore: Simona Barugola
Editore: Intrecci Edizioni
Pagine: 96
Prezzo: cartaceo - € 10,00

Trama
C’è stato un tempo in cui era troppo facile essere scambiate per streghe. Crescere in una palude, tra insetti e calderoni, in un regno senza corona è difficile per la giovane Pippa. Un’ombra tramerà contro di lei ostacolando il nascente sentimento per Rinaldo, ma ci sarà chi veglierà su di loro. Malintesi, incendi, fughe e la paura di essere scambiata per una creatura del maligno segneranno la strada verso la rivincita.



 Che ve ne pare?


Quando le ombre si fanno lunghe

RECENSIONE: QUANDO LE OMBRE SI FANNO LUNGHE - RITA SALVADORI

08:57



  Titolo: Quando le ombre si fanno lunghe
  Autore: Rita Salvadori
  Editore: Autopubblicato
  Data di pubblicazione: Maggio 2018
  Genere: romanzo contemporaneo, romance
  Pagine: 150
  Formato: eBook e cartace
  Prezzo: cartaceo €10,40; eBook €1,99




Sinossi:


Un viaggio interiore, un romanzo d'amore e di consapevolezza. Irène scopre l'esistenza di un nuovo modo di vivere grazie all'incontro con Maddalena, una scrittrice di fiabe, che diventa per lei una sorta di guida spirituale. Sarà infatti lei ad insegnarle l'importanza di indossare occhiali con lenti colorate per guardare il mondo; sarà sempre lei ad insegnarle l'importanza dell'osservazione di sé al fine di raggiungere una maggiore consapevolezza e una maggiore presenza. Sarà, infine, Maddalena a prendere teneramente per mano Irène in un viaggio alla scoperta di se stessa e di un misterioso manoscritto lasciato incompiuto e nascosto in una chiesetta medievale fra le colline marchigiane. Incompiuto perché in attesa di una persona speciale che continui la storia iniziata tanti anni prima. Il romanzo è una storia d'amore fra quattro anime che all'infinito si rincorrono e si perdono per poi ritrovarsi ad un livello superiore, in una dimensione temporale in cui i confini fra passato, presente e futuro, magicamente, si annullano.

Recensione:

Irène è un’anima grigia, talmente assuefatta dall’infelicità da non riuscire quasi più a percepirla, incapace di riconoscersi inerme di fronte allo scorrere rutinario e vuoto degli eventi. È l’incontro casuale con Maddalena, in una libreria di Parigi, ad aprire uno spiraglio di luce nella vita della donna: un urto accidentale, la caduta di alcuni libri, lo scambio di poche parole. Irène si sente totalmente disarmata di fronte a quella strana figura – quasi irreale – che in pochi istanti sembra averla intimamente capita. Maddalena emana un’aura atavica, è una donna con una profonda consapevolezza di sé e del fluire delle cose, così solida e luminosa da spingere Irène a sceglierla come ancora di salvezza.

Un incipit quasi onirico fa accomodare il lettore tra le pagine del romanzo di Rita Salvadori, un racconto a tratti concreto, talvolta metaforico, che vede Irène e Maddalena legate da una profonda intesa spirituale, l’una vittima della tenebra, l’altra portatrice di luce, destinate a salvarsi vicendevolmente.

A Maddalena spetta il compito di insegnare alla fragile amica come guardare il mondo con occhi nuovi, per questo decide di parlarle di un misterioso manoscritto rimasto incompiuto, nascosto nelle lontane colline marchigiane, in paziente attesa della penna giusta per essere concluso. La partenza di Irène verso l’Italia, alla ricerca di questo testo, coinciderà con l’inizio di un profondo viaggio interiore che la porterà a stravolgere il suo modo di vedere le cose. Grazie al potere della scrittura sprigionato dal manoscritto, Irène ripercorrerà gli stessi passi mossi da Maddalena molti anni addietro, scoprendo la vera natura del loro legame.

Quando le ombre si fanno lunghe è un romanzo delicato; il racconto si appoggia su elementi concreti ma al contempo assume le vesti del sogno, così da far percepire al lettore sin da subito di trovarsi di fronte a una sorta di allegoria. Con uno stile intenso e ricercato, Rita Salvadori mette in scena un racconto denso di significati senza mai rischiare di appesantire il lettore. Protagonista indiscusso del romanzo è l’amore, che nulla ha a che vedere con il concetto di possessione o di limitazione, ma che coincide totalmente con la libertà. Amare significa anche dover accettare di soffrire pur di lasciare all’altro la libertà di seguire il proprio disegno. La Salvadori lascia largo spazio anche alla scrittura, vista come esperienza salvifica e purificatrice: è solo grazie a carta e penna, infatti, che Maddalena riesce a rinnovare la completa padronanza di sé che tanto la contraddistingue, differenziandola dalle persone comuni.

Un romanzo raffinato ed elegante, consigliato a tutti quelli che da un libro cercano quel qualcosa in più. 





            







Amaranth

Recensione: IL RAGAZZO MORTO E LE COMETE di Goffredo Parise

09:02


Pubblicato quando Parise aveva appena vent’anni, Il ragazzo morto e le comete non riscosse alcun successo. Eppure, a mio avviso, è ancora oggi (o forse, soprattutto oggi) un romanzo sorprendente per la spontaneità e l’ardore dei sentimenti e per il racconto spensierato e insieme doloroso della guerra.


Titolo: Il ragazzo morto e le comete
Autore: Goffredo Parise
Nuova edizione: Neri Pozza - 12 maggio 2016 (edizione speciale) 
Pagine: 201
Prezzo: cartaceo - € 14,90; ebook (Adelphi) - € 8,99

Trama
Pubblicato per la prima volta nel 1951 presso Neri Pozza, "Il ragazzo morto e le comete" - "un libro lirico e cubista (cioè romantico) sull'amicizia tra due ragazzi, al tempo dimenticato del tramonto e della fine dell'Occidente", come ebbe a scrivere Parise - sorprese critica e pubblico al suo apparire per il carattere fortemente innovativo della sua prosa e della sua struttura narrativa. È la storia di un ragazzo fisicamente morto ma "non morto del tutto" che rivive tra sogni e incubi la sua giovinezza in una piccola città in disfacimento. Ed è la storia del suo amico Fiore che non smette di cercarlo per un ultimo saluto, sino a rintracciarlo, prima di perderlo per sempre in una notte di nevischio in riva al mare. Un romanzo di "geniale impurità... sospeso tra storia e fiaba, incanto e grottesco, allucinazione e macabro, vita e morte"

***

«[…] essi sono pure immagini; che sempre illudono e sempre deludono. Ombre. Il ricordo dei padri».

In una città veneta il ragazzo di quindici anni vive il primo dopoguerra rimpiangendo la spensieratezza che sembra essere finita insieme alla guerra. Il mondo in cui si muove il ragazzo di quindici anni (questo è il solo modo con cui ci è dato conoscere il protagonista) è pervaso da una sottile inquietudine, accentuata da presenze minacciose e allo stesso tempo intriganti, come Primerose e la madre di quest’ultima. Più densa è, invece, la malinconia che percorre i paragrafi dedicati agli affetti del ragazzo di quindici anni: figure, che pur nella loro eccentricità, appaiono luminose e vitali.
Accanto alla dimensione narrativa in cui il ragazzo di quindici anni è ancora vivo, ma tende inevitabilmente verso la morte, se ne sviluppa una seconda in cui il protagonista è morto ed è ricordato dagli amici Fiore e Antoine.
Nel mondo del ragazzo di quindici anni e dei suoi amici non sempre per i morti l’esistenza finisce perché non hanno ancora finito di pensare e tornano ad abitare tra i vivi, godendo di quel che gli rimane da vivere prima di scomparire del tutto. Proprio come vita e morte non conoscono confini, dunque, la narrazione fa coesistere momenti inconciliabili e passato e presente finiscono con il confondersi.
Leggere Il ragazzo morto e le comete è difficile e non è semplice nemmeno ricostruire una trama che renda, se non giustizia, almeno un’idea del romanzo. Tuttavia, può essere soddisfacente per il lettore l’impegno e lo sforzo compiuti per comprendere o almeno non perdersi nella visionarietà che, a più livelli, caratterizza l’esordio di Parise.
L’accostamento dei piani temporali diversi si accompagna all’alternanza delle voci narranti. La narrazione si svolge per lo più in terza persona, ma non mancano parti in prima persona, in cui un personaggio interviene con monologhi densi e sentiti, spesso rivolgendosi al lettore nel segno di una sovversione costante della regola.
I momenti che seguono da vicino le azioni del protagonista sono intrisi dei suoi ricordi e dei suoi pensieri, tanto da dare l’impressione che sia egli stesso a narrare le proprie vicende, quasi se ne fosse già allontanato. Se il discorso indiretto caratterizza queste sequenze narrative, gli altri capitoli sono dominati dal dialogo tra Fiore e Antoine. Il primo non riesce a rassegnarsi alla perdita: alla mente ritornano le avventure in bicicletta e allo zoo, quando ancora i tedeschi non lo avevano distrutto; le sigarette americane, le gambe delle ragazze e i luoghi preferiti dal ragazzo di quindici anni. Antoine, invece, è una guida e, insieme, una figura sfuggevole, avvolta da una malinconica incapacità di rassegnarsi al disfacimento dei passati splendori e sempre impegnata a cercare un ruolo da interpretare.

Quando il sole è rimasto in cielo per tutta la giornata non è possibile pensare che un momento o l’altro tramonterà e ci sarà nebbia e gelo.

L’interpretazione del romanzo, pur essendo breve, è complessa, richiederebbe di analizzare più aspetti dell’opera e, probabilmente, anche un paio di riletture. Eppure, ha il pregio di ripagare il lettore regalandogli scene potentemente liriche che riequilibrano la vertigine del surrealismo.
Se la riflessione sulla morte e sul suo rapporto con la vita, pur non chiudendosi a una lettura univoca, è immediata, è proprio la descrizione di un mondo in parte assurdo a garantire suggestione al racconto e la possibilità di celare al suo interno molteplici riferimenti.
Personalmente, per esempio, non ho trovato secondario il richiamo alla realtà storica vissuta non solo dai personaggi del romanzo ma dallo stesso autore, sebbene la narrazione sembra volersi sottrarre a essa in ogni modo. Il dopoguerra, diversamente ma non meno della guerra, non è un tempo facile da vivere e il suo superamento onirico rappresenta, nella scrittura di Parise, l’unica possibilità di affrontarlo.

«Ormai soltanto l’assurdo è la speranza, l’estrema salvezza».

La visionarietà di alcune scene rappresenta l’unico modo per dare senso e per sopravvivere a un tempo esso stesso assurdo. E così, il romanzo diventa un’ampia metafora della scrittura che, attraverso l’immaginazione, concede speranza.
Al di dell’ardita costruzione e del rifiuto di modelli più classici, che preservano ancora l’originalità dell’esordio di Parise, Il ragazzo morto e le comete rimane il racconto della purezza struggente dell’amicizia tra due ragazzi.

«Piova o sole il diavolo si pettina»






Alexandra Maio

C'è post@ per noi... #286

08:00

Buona domenica lettori!
Come ogni domenica siamo pronte a segnalarvi alcune delle nostre proposte di lettura sempre rigorosamente made in Italy.









Titolo: L'uomo con la testa di scarabeo
Autore: Roberto Gassi
Editore: Les Flaneurs
Prezzo: € 15

TRAMA
Un piccolo paese a sud del Sud, in bilico tra la terra e il mare. Una vecchia Citroën DS Squalo. Quando monsieur Blanche sceglie tra tutti quell'insolito taxi, non sa ancora di aver trovato nell'autista proprio la persona che era stato mandato a cercare. Da quel momento la vita di Erol Ciorba ha una brusca svolta: dietro una ricompensa che gli permetterebbe di estinguere ogni debito e sognare un futuro migliore, dovrà intraprendere un lavoro di spionaggio per conto di una multinazionale. Nella più importante filiale del Mezzogiorno, infatti, stanno accadendo cose al di fuori del controllo del Gruppo: sparizioni, strani incidenti, movimenti sospetti di cui è necessario scoprire l'origine. Erol accetta e notte dopo notte entra a stretto contatto con le storie sui generis dei colleghi magazzinieri, con le continue violenze e vessazioni perpetrate da alcuni, con un nuovo amore. E con un segreto scoperto per caso, seguendo un misterioso scarabeo Ercole. Fin quando un killer vestito di nero inizia a seminare il panico tra gli autonominatisi Faraoni, sulle note dei Red Hot Chili Peppers.

Titolo: Non dirlo al cuore
Autore: Viviana Guarini
Editore: Les Flaneurs
Pagine: -
Prezzo: € 15

TRAMA
Sessa. È questo il nome inciso di nero su una piccola imbarcazione bianca attraccata nel porticciolo di Bari, sempre nello stesso punto, quasi abbandonata a se stessa e al trascorrere indissolubile del tempo. I passanti la guardano e si chiedono cosa possa celarsi dietro quel nome così singolare. Se lo chiede anche Luppola, tutte le volte in cui ritorna a quel molo a guardare l'orizzonte di una vita che ha mutato forma, standosene come quella barca, in silenzio e indiscreta a leccarsi le ferite, attaccandosi alla forza dell'amore che tutto toglie e tutto dà. E forse entrambe hanno una storia da raccontare.



Titolo: Ti amo più di prima
Autore: Antonella Maggio e Giovanni Novara
Editore: Butterfly Edizioni
Pagine: -
Prezzo: € 1,99

TRAMA
Roxanne Miller è una ragazza madre dal carattere esuberante, sempre pronta al sorriso nonostante il passato turbolento. Gestisce una pasticceria con un'amica nel centro della piccola cittadina di Vicksburg, nel Mississippi.
Daniel Banks è il suo migliore amico, l'unico che le è stato vicino nei suoi momenti più difficili e che non l'ha mai allontanata quando molti le hanno voltato le spalle. Attraente e sempre perfetto, sindaco del paesino e fidanzato storico di una donna che non vede l'ora di farsi mettere l'anello al dito. Ma soprattutto amico, fratello, confidente e alleato di Roxanne, la giovane dai capelli rossi e dagli occhi incantevoli che gli ha dato il coraggio di ribellarsi dai bulli quando era solo un bambino indifeso.
Sono sempre stati, l'uno per l'altra, la colonna portante, l'àncora di salvezza. C'è un'unica regola da rispettare: non infrangere mai l'amicizia, perché provare dei sentimenti per l'altro è off-limits. Ma una notte in cui i confini vengono superati cambierà per sempre il loro modo di vedersi... E nessuno dei due saprà se è stato il loro sbaglio più grande o la cosa più giusta...

Titolo: Meglio sola che male innamorata
Autore: Alexandra Maio
Editore: Butterfly Edizoni
Pagine: -
Prezzo: € 1,99

TRAMA
Tullio Venturi è un uomo d'affari dal grande fascino, tanto bello, sicuro di sé e ricco quanto irraggiungibile. Adria Agostini è il suo opposto: timida, impacciata e ancora irrimediabilmente vergine. Innamorata da sempre di quel ragazzo viziato che ha avuto occhi per tutte tranne per lei, sogna due cose: diventare una famosa bag designer e conquistare il cuore dell'uomo per cui ha una cotta segreta. Tutto sembrerebbe facile visto che lavorano fianco a fianco, se non fosse che Adria non si sente alla sua altezza e soprattutto se la dea dell'amore non ce l'avesse tanto con lei... Ogni volta che ha la possibilità di stargli vicino succede qualcosa che la mette in ridicolo e inoltre Tullio ha una famiglia... Ma forse dietro alla sua vita dorata ci sono crepe che non tutti vedono e quando lui avrà bisogno di una babysitter per sua figlia e chiede aiuto a quell'amica d'infanzia, la convivenza forzata li metterà in difficoltà facendo provare loro sensazioni sconosciute...



La soffitta di zia Jole

Recensione: La soffitta di Zia Jole - Rita Salvadori

08:53


Titolo: La soffitta di zia Jole
Autore: Rita Salvadori
Casa editrice: autopubblicato
Pagine: 122
Anno: 2018
Anno: 2018
Prezzo: cartaceo - € 17,70 ; ebook - € 3,99

Trama: La soffitta di zia Jole è un racconto magico, leggero, delicato e profondo. Un viaggio nei sentimenti, un percorso esplorativo all’insegna dell’arte e della bellezza. è un romanzo a colori in cui ogni colore rappresenta una voce narrante e ogni voce narrante è il riflesso di un particolare stato di coscienza.
Zia Jole, Joseph, Jeremy e Annie, gli attori della storia, sembrano di primo acchito molto distanti fra loro, come se appartenessero a mondi sensoriali completamente diversi; in realtà, le loro vite si intrecciano in modo magistrale per dipingere un unico quadro: l’opera variopinta dell’Amore.
Il romanzo, che si chiude con un finale a sorpresa, è un puzzle di sensazioni ed emozioni senza spazio e senza tempo, racchiuse in una cornice di passione e di amore.”


Recensione:

Se siete alla ricerca di un romanzo romantico, particolare e fortemente incentrato sull’amore verso l’arte, questo di cui vi parlo oggi non vi lascerà delusi. La particolartità de “ La soffitta di zia Jolie” risiede, infatti, nel nell’uso dei colori. Essi caratterizzano le diverse voci narranti e risultano indispensabili al lettore per seguire la trama del racconto. Lasciatevi trascinare dai colori.

Ogni capitolo è “magicamente avvolto da una cornice colorata” che rispecchia, altresì, i diversi sentimenti che riguardano i singoli protagonisti.

Mi ha particolarmente colpita la voce narrante nel passo attribuito al povero Jeremy, ormai in coma in un letto d’ospedale. Immobile nel corpo, libero di andare avanti e indietro nel mio tempo e nel mio spazio. Non crediate che in questa storia ci sia un unico narratore visibile. C’è anche una voce trasparente che solo i lettori più attenti udiranno. Ci saranno tracce su un cammino innevato. Seguitele!


“Sembro ciò che non sono, ma sono finalmente ciò che sono... Libero da ogni catena terrena! Ho lasciato la pesantezza del mio corpo a chi ancora pesante vuole essere. Vedo la mia figura distesa su un letto e sento un’infinita tenerezza per tutti gli sforzi che essa ha compiuto per tanti anni al fine di sostenermi. Ti ringrazio, umile strumento di vita, ma adesso io sono vita. Brillo di gioia e la mia essenza è un sorriso ingenuo e divertito. Ogni cosa è nuova e vecchia allo stesso tempo. Ogni sentimento è in continua trasformazione; io sono in continua trasformazione. Sono i fiocchi di neve, sono le nuvole, sono le montagne che scorgo all’orizzonte, sono l’orizzonte ed il vento che porta per il mondo i pensieri di ogni uomo." 


A far da sfondo a questa splendida storia che parla di fratellanza, amore ed arte, una magica soffitta, quella di zia Jolie, che con il tempo si trasforma da semplice luogo “ fisico”, a “realtà parallela”. Una sorta di cornice magica.


“Le pareti dello studio di zia Jole non erano più pareti! Pareva che avessero subìto l’attacco di una pittrice appassionata della vita, e fossero state invase da una miriade di disegni riempiti da colori, sfumature e tonalità raffiguranti l’essenza briosa e profumata della primavera.
Il soffitto si era trasformato in un cielo azzurro, pulito e sconfinato.”

Un racconto magico, colorato dalle mille sfumature dell’animo umano.