Eliza

Recensione : PER FORZA O PER AMORE" di Mario Gianfrate

08:00

Buongiorno lettori,
oggi vi parlo di quella che sarà una delle mie ultime letture del 2016, Per forza o per amore. Donne di briganti nel profondo Sud di Mario Gianfrate.



Titolo: Per forza o per amore. Donne di briganti nel profondo Sud
Autore: Mario Gianfrate
Editore: Les Flâneurs Edizioni
Pagine: 104
Prezzo: €10,00 (cartaceo)

Trama. Al fianco di popolari capo briganti come il leggendario Sergente Romano c'erano donne molto giovani, appassionate, innamorate, idealiste e sognatrici nondimeno abili, scaltre, maliziose, impulsive e talora crudeli. Vittime e carnefici. In questa raccolta, dove storia e finzione letteraria si mescolano in maniera sapiente, Mario Gianfrate ci offre l'occasione di conoscere le tormentate vicende di cinque brigantesse pugliesi che mettono in luce le atroci difficoltà di vite spesso disperate, alla macchia, braccate dal "nemico" liberale nella stagione molto complessa che il Meridione ha vissuto negli anni immediatamente successivi all'unità d'Italia.


La  mia recensione.
Un po' saggio un po' romanzo, in questo libro troviamo qualche esempio di un fenomeno che non sarà nato con il nostro Paese ma che dopo l'Unità d'Italia ha imperversato per alcuni decenni soprattutto (ma non solo) nel meridione: il brigantaggio. I briganti erano veri  e propri fuorilegge che tramite attacchi, scorribande, rapine e sequestri si sollevarono contro il dominio sabaudo per riportare i Borboni nei territori delle Due Sicilie. Demoni armati e sanguinari per la politica, romantici avventurieri per la cronaca popolare. Lo abbiamo studiato a scuola, eppure di questo fenomeno poco resta impresso, se non qualche breve accenno per parlare di quella che è la ben nota Questione meridionale che imperversava in ogni ora di Storia passata sui banchi. Eppure poco si parla del ruolo che le donne hanno avuto in questo movimento. Vittime in alcuni casi, rapite e violentate, ma molto più spesso donne di briganti o vere e proprie brigantesse, quasi delle eroine che abbandonavano l'idea di una vita semplice e comune per seguire un amore o un amante in perenne fuga dall'ordine costituito, o esse stesse sollevatrici di masse alla ricerca di vendetta o di migliori condizioni di vita. Sono, quelle proposte, storie passionali e tristi, di quelle storie che sembrano sbucare fuori dalla penna di uno scrittore o create per un film ma che invece sono storie vere, in tutta la loro tragicità.
L'autore ci da qualche esempio di queste vite spezzate solitamente in giovanissima età. Troviamo quindi donne sedotte e tradite, amate fino all'ultimo respiro, colpite al cuore e in cerca di vendetta. C'era quindi tanto, anzi tantissimo, materiale da usare eppure non è stato fatto. Per ogni storia vengono raccontati i punti salienti della vita di queste donne restando però troppo in superficie. Spesso non viene dato un quadro della vita che Laura e le altre svolgevano prima, ma soprattutto poco viene detto della loro vita dopo essere diventate donne del brigante: cosa faceva la donna di un brigante, come si comportava, partecipava alle scorribande, era solo il letto il suo posto, cosa comportava far parte di una brigata... Tante le domande che mi sono rimaste e che solo superficialmente sono state affrontate. Inoltre alcuni eventi sono dati un po' per scontato. 
E' un peccato, perchè il libro è scritto in maniera chiara, con un buon ritmo e il potenziale c'era tutto, anche quello della storia, ma si rimane stretti in queste 100 pagine, troppo poche per dare un senso di completezza. Avrei voluto di più: più dettagli, più storie, più informazioni, più fonti.

Voto


Alla prossima


50 sfumature... di libri

Recensione: "50 SFUMATURE... DI LIBRI" di Lorena Laurenti

09:00

Buongiorno, lettori!
Natale è appena passato e tra poco ci aspetta la fine del 2016. Spero che abbiate passato delle feste serene e vi auguro tanta felicità e tranquillità per il prossimo anno ^.^
Nel frattempo, se volete leggere qualcosina, ecco qua il mio pensiero su un libro divertente e pazzerello adatto al capodanno!

*********************************************************************************

Titolo: 50 sfumature... di libri: Come passare una notte in libreria e uscirne vivi (forse)
Autore: Lorena Laurenti
Editore: Self Publishing
Prezzo: € 0,99 (ebook)
Pagine: 50
Genere: Racconto Game
Anno di pubblicazione: 2015

Trama
COMPOSIZIONE:
Principio attivo: humor. 
2 gr di audacia, 3 gr di magia, 10 gr di sensualità, 1 gr di eros, 2 gr di consapevolezza. Eccipienti: pazzia.
FORMA FARMACEUTICA:
Comodo e pratico e-book Kindle.
INDICAZIONI:
Se avete avuto una giornata grigia. Se siete stanche degli uomini inutili. Se amate la magia. Se avete un debole per gli aitanti personaggi dei libri. Se vi piace avere sempre l’ultima parola. Se amate voi stesse.
CONTROINDICAZIONI:
Alta presenza di fighi! Assumere moderatamente.
AVVERTENZE:
Può causare dipendenza.
INTERAZIONI:
Completamente interattivo: questo è un e-book game, significa che alla fine di ogni scena potrete decidere come continuare la storia.
SOVRADOSAGGIO:
In caso di sovradosaggio, consigliamo caldamente di regalare l’articolo a una o più amiche.
ATTENZIONE:
Be’, ragazze, preparatevi, perché le protagoniste di questo esilarante racconto siete proprio voi! 

*********************************************************************************

La mia recensione

I libri game sono tra i più divertenti al mondo; per vivere in prima persona un'avventura letteraria non c'è niente di meglio che immergersi in una storia del genere. Erano anni che non me ne capitava uno tra le mani, da quando ero bambina, e quando ho scoperto questo racconto ne sono stata entusiasta. Ho già letto diversi lavori di Lorena Laurenti e so che la sua prosa è scorrevole e corposa, mai prolissa, ed ero davvero curiosa di vedere cosa era riuscita a creare con una trama di questo tipo. Il risultato è un racconto piacevole, un po' folle e spiritoso!
Essendo un e-book game, ovviamente non c'è una struttura lineare; diversi sono i percorsi che si possono intraprendere assieme alla protagonista, varie sono le vicende che si prospettano davanti ai nostri occhi, di conseguenza anche il finale non è unico. Insomma, tutto dipende dalle scelte che si fanno nel corso della lettura e questa è la cosa che diverte di più. Non so se tutti avete letto libri game da bambini, ma io ne andavo matta allora e ne vado matta ancora oggi! Mi piace l'idea di poter decidere le sorti dei protagonisti e di scegliere la via che mi è più congeniale, è un po' come riscrivere la storia già intessuta dall'autore.
La Laurenti scrive bene, in modo fluido, i suoi personaggi sono schietti e le sue idee sempre originali. Se cercate qualcosa di diverso, che vi faccia fare qualche risata e vi permetta di vivere appieno un'avventura all'interno di una storia di fantasia, vi consiglio di dare una chance a questo racconto. Vi farà passare un quarto d'ora spensierato!



auguri

Buon Natale dallo staff di Italians Do It Better - Books Edition

08:48

Buona vigilia lettori carissimi! 
Quest’anno non vi lasceremo nemmeno nelle feste, siete contenti? Tolti i giorni proprio da pranzi che metterebbero k.o. chiunque, ci troverete qui con le nostre recensioni; le segnalazioni, invece, riprenderanno a gennaio.


Dunque, passate questi giorni  con le persone che amate, leggendo, riposandovi e cercando di non ingrassare troppo ;).


Lo Staff di IDIB

Chiara Santoianni

Recensione: MISSIONE A MANHATTAN - CHIARA SANTOIANNI

08:40

Titolo: Missione a Manhattan
Autrice: Chiara Santoianni
Editore: Edizioni Cento Autori
Collana: A cuor leggero
Pagine: 174
Sinossi: La 25enne Penelope Pinto ha ormai trovato la sua strada nel mondo editoriale. Dopo aver pubblicato il suo primo romanzo con la prestigiosa Martin & Cooper di Londra, è stata assunta nella casa editrice come addetta al marketing: le sorti dei più noti autori di bestseller - dopo l'impietoso editing dello spocchioso collega Edmund Zum Thor - passano per le sue mani. Tra party letterari e serate modaiole con l'amica inglese Olivia Parker-Kensington, e il rapporto con Robin, aitante space-clearer con la mania per l'ordine, la vita di Penny scorre tranquilla, con l'obiettivo di un suo nuovo romanzo e di un probabile avanzamento di carriera. Finché la sparizione di importanti documenti dal computer di Edy Thor non mette in discussione il futuro della casa editrice e, con esso, la promozione di Penelope! Non resta che mettersi sulle tracce del misterioso hacker, attraversando l'Atlantico fino a Manhattan per incontrare uno scrittore del Bronx, un politico rampante, una stagista arrivista, in una corsa contro il tempo: riuscirà Penelope a smascherare i colpevoli, a salvare la casa editrice e ad arrivare in tempo al matrimonio della sorella Carmela a Sorrento?

Recensione:
Dopo Cocktail di cuori, tornano le avventure di Penelope in quel di Londra e non solo, come avrete capito dal titolo.

Nel primo capitolo di questa saga, avevamo lasciato Penelope alle prese con la famiglia, la scrittura e l'idea di un nuovo fidanzato, Robin. Ora la ritroviamo alle prese col marketing di una casa editrice, sempre amica della party girl Olivia e che convive con Robin, il mago del riordino.

Penelope si ritrova suo malgrado invischiata nella sparizione di alcuni file al lavoro, ne va dell'intera casa editrice e del lavoro suo e dei suoi colleghi. Così, orchestra con Robin una missione nella Grande Mela, dove risiede lo scrittore di punta tra le prossime uscite e dove sembrano portare alcuni indizi.

La sorella di Penelope, Carmela, è in procinto di sposarsi e stressa sia la sorella che Olivia con i preparativi, immaginatevi una sposina isterica con poco tempo a disposizione per organizzare tutto!

Insomma, riuscirà Penelope a sistemare le cose al lavoro e a presenziare al matrimonio in famiglia senza intoppi?

Senza dirvi troppo, vi rivelo che nella sua missione Penelope non rischierà solo il proprio lavoro, ma anche la libertà e forse la vita!

Robin all'inizio l'ho trovato davvero fastidioso, troppo fissato con l'ordine e la pulizia, noioso ed algido ma, per fortuna, alla fine si rivela meglio di quel che sembra.

Una lettura interessante, a cavallo tra il giallo e il rosa. Alla fine chi avrà sottratto i file alla casa editrice e perché? Leggetelo per scoprirlo.




Amaranth

Recensione: "BAD GIRL (La studentessa e il potatore #0.5)" di Karen Waves

09:28

Finalmente torno a parlarvi della serie La studentessa e il potatore, di cui Bad Girl è la novella. Vi avevo già parlato del primo romanzo, Le Cesoie di Busan: l'avete letto?

Titolo: Bad Girl (La studentessa e il potatore #0.5)
Autore: Karen Waves
Editore: autopubblicato
Prima edizione: 4 luglio 2016
Pagine: 99
Prezzo: ebook - gratuito

Trama
Per Won-ho Valentina ricorda un sonetto di Shakespeare, anche se ha il carattere peggiore che abbia mai incontrato in una ragazza. Ma dal momento che ha da poco litigato col padre e si trova a un passo dal lavoro dei suoi sogni, ovvero fare il potatore, uscire con una studentessa occidentale sembra il minore dei suoi problemi.
Valentina, però, è più complicata di quello che Won-ho si aspetta: dice di no, poi di sì, alternando momenti di sarcasmo tagliente ad altri di fragilità e dolcezza.
Won-ho la insegue tra lezioni e incontri casuali sulla spiaggia, scoprendo di non essere attratto solo dalla bellezza straniera e dai lunghi capelli di oro rosso. Tuttavia tentare di sedurre una donna che lo guarda con franchezza, e sembra volerlo come lui vuole lei, potrebbe avere conseguenze inaspettate, come scoprirà al loro primo appuntamento, sulla baia di Busan...
Bad girl racconta l’inizio di un amore inatteso e appassionato tra due persone che per geografia, carattere e cultura sembrano nate per restare distanti, ma che quando si trovano non sanno resistersi.

***
Sarà breve, aveva detto Amleto, ma l’intervallo è mio.
Ormai prossimo alla laurea in letteratura, Won-ho sogna di diventare giardiniere e lavora part-time come potatore. Non è certo quello che vorrebbe suo padre, la cui frustrazione sfocia spesso in eccessi di rabbia, ma Won-ho non ha intenzione di cedere questa volta.
È il giorno del suo compleanno e sta per terminare la potatura al campus universitario, gli restano solo tre magnolie. Sta per apprestarsi a fare il primo taglio, quando la vede. Seduta sulla panchina vicino all'albero, una ragazza immersa nella lettura. Deve farla spostare. È la regola.
Peccato che Valentina non abbia alcuna intenzione di abbandonare la sua panchina senza lottare. È in quello scambio di sguardi e risposte taglienti che si accende in Won-ho la scintilla dell'interesse per quella ragazza straniera e il desiderio di averla.

Italo Calvino, Lezioni americane. Won-ho rise.
American girl, dopotutto, anche se italiana, a quanto pareva.


Bad Girl raccoglie la voce, i pensieri di Won-ho dal giorno in cui incontra Valentina, una ragazza occidentale bella e sfrontata, fino al loro primo appuntamento.
Lo so, penserete che vi stia facendo un torto nel rivelarvi la fine e in parte avete ragione. Spero che vi tranquillizzerete sapendo che, se non l'avete ancora fatto, potete leggere come è proseguita la loro storia ne Le Cesoie di Busan.
D'altra parte, anche se mi sembra un po' riduttivo, Bad Girl è la novella de Le Cesoie di Busan e ne condivide le vicende, sebbene assuma il punto di vista di Won-ho e si concentri su un lasso temporale più limitato. Questo è uno dei motivi per cui incoraggerei chi fosse interessato ma indeciso a iniziare dalla novella: non vi toglierà il piacere di leggere successivamente il romanzo.
Allo stesso modo, leggere Bad Girl dopo aver letto Le Cesoie di Busan è sorprendente perché, per quanto bene si possa sapere cosa avverrà, i pensieri di Won-ho, le sue emozioni aggiungono nuove sfumature alla storia.
La novella di Won-ho permette, dunque, di apprezzare l'evoluzione dei suoi sentimenti per Valentina: l'attrazione prepotente che il ragazzo di Busan sente fin da quando per la prima volta vede la straniera e gli impacciati tentativi di giustificare tra sé e sé l'idea di una storia senza coinvolgimento. Si scopre un Won-ho appassionato e romantico, legato alla potatura come ai poeti e nei suoi pensieri trovano spazi i versi di Dante e quelli di Shakespeare.
Mi è sembrato che la Waves assecondasse attraverso le scelte stilistiche la sensibilità di Won-ho: leggere le descrizioni dei pioppi illuminati dal sole, dell'onda che giunge e solleva la tavola da surf filtrate dalle emozioni del potatore mi hanno avvicinata al personaggio e hanno dato una buona spinta alla mia cotta per lui. Persino la potatura, attraverso gli occhi di Won-ho, diventa un'esperienza toccante e unica.
Benché sia il centro dell'attenzione del ragazzo, Valentina è in secondo piano nella novella e appare bella, ma anche più lontana, una meta da raggiungere.

Si raddrizzò. Quando una donna del genere ti si fa incontro devi stare eretto, le spalle dritte, pronto a combatterla. Poi vedi l’irritazione attraversarle il volto, perché tu hai il suo libro, sei venuto a cercarla e sa che dovrà dirti grazie, a meno che non sia troppo maleducata anche per questo, come verrebbe da pensare vedendo come ti squadra prima di tenderti la mano.

Valentina, insomma, rimane la stessa Valentina de Le Cesoie, mentre la Waves ci concede di conoscere aspetti di Won-ho che non ci erano noti, dagli amici al tenero rapporto con la madre e a quello conflittuale con il padre.
In quest'ottica, avendo già letto Il titolista di Bassano, ritengo che la novella sia propedeutica al secondo romanzo della serie. Sarà il mio debole per il potatore e per la poesia, ma ho apprezzato molto Bad Girl, che vi consiglio se siete in cerca di romanticismo ma anche del pepe che Won-ho e Valentina sanno aggiungere alla loro storia.

«Sei sempre così?» gli chiese lei sbuffando, ma non ritrattò.
«Solo quando ne vale la pena.»
Solo con te. Con cui posso essere quello che voglio, perché ci conosceremo soltanto per perderci.

La Cifra Corretta

RECENSIONE: "La Cifra Corretta" di Simone Palmanti

09:00

Titolo: La Cifra Corretta
Autore: Simone Palmanti
Editore: Lettere Animate
Formato: Kindle-Cartaceo
Pagine: 108
Prezzo: Kindle €0,99- Cartaceo €8,50

Sinossi:
Un ragazzo, alla ricerca di una verità importante, incontra qualcuno che cambierà per sempre la sua vita, rubandogliela.
Come spesso accade, il destino, attraverso accadimenti inattesi e percorsi imprevedibili, fa incontrare persone che in altre circostanze non ne avrebbero mai avuto l’occasione.

Con motivazioni differenti, due fratelli altoatesini, una improbabile coppia ispano-ligure di sconclusionati investigatori, un tranquillo impiegato di una azienda di trasporti internazionali ed una rampante ragazza dai capelli rossi, devono unire gli sforzi per scoprire il motivo di un omicidio camuffato da suicidio.

Recensione:
Jonas Mair si è davvero suicidato, lasciandosi travolgere da un treno in corsa? A "investigare" sulla strana vicenda ecco comparire una serie di personaggi, i quali, con motivazioni differenti, si ingegneranno per scoprire di più sulla morte del giovane Jonas.
L'autore ha dato vita ad un thriller dalle tinte ironiche, che tratta una tematica, quella dello sfruttamento dell'immigrazione clandestina, purtroppo drammaticamente attuale. Attraverso la sottile comicità dei personaggi, delineati da dialoghi fluidi e battute che fanno sorridere, il romanzo avanza senza intristire il lettore, ma anzi, lo sprona ad addentrarsi nella vicenda, per scoprire la verità.
Dall'improbabile coppia di investigatori privati Raffaele e Antonio, sempre pronti a punzecchiarsi, alla focosa rossa Milena e il suo "partner" Palmieri, goffo impiegato, passando dagli altoatesini Ferdinand e Gunther, tutti i personaggi presentano caratteristiche molto ben definite e ciascuno a modo suo è legato a Jonas.
 Il ritmo del romanzo è scorrevole, non annoia mai. Se avete voglia di leggere un racconto a tinte gialle, ma capace di strapparvi un a risata, è il libro che fa per voi!






Aniceto Fiorillo

C'è post@ per noi... #194

09:00

Buona domenica a tutti lettori!
Ecco quattro nuove letture!










L'uomo dalle iridi a specchio di Mariana Fujerof

Autrice: Mariana Fujerof
Titolo: L’uomo dalle iridi a specchio
Pag: 128
Prezzo: € 13
Editore: Les Flaneurs Edizioni
Sinossi
Tenebroso e seducente, ma affetto da un male che gli impedisce di esporsi alla luce solare, lo scrittore torinese Amedeo Gastaldi è costretto a vivere nell’ombra, con tempi diversi da quelli dei suoi simili ma con un’irriducibile passione per la vita e la bellezza. Fine esteta ammirato e invidiato, quanto egocentrico e sprezzante, Amedeo ha un concetto di giustizia del tutto personale che lo porta a sopprimere ogni elemento perturbatore del suo quieto vivere.
L’uomo dalle iridi a specchio ha un solo legame profondo ed esclusivo: quello con la sorella, scultrice afasica che vive in una sperduta villetta in collina e che reca ancora nell’animo i segni di una tragedia dell’infanzia. Sullo sfondo di una serie di circostanze scabrose e inconfessate dovranno entrambi fare i conti con i propri demoni, chi rimpossessandosi del proprio nome e chi espiando infine le proprie colpe.

Biografia: Mariana Fujerof è l’autrice del controverso romanzo Il Veleno nell’Anima, pubblicato nel 2013 con Butterfly Edizioni. I suoi scritti spaziano dalla narrativa al teatro, attingendo ai suoi molteplici interessi fra cui la lirica, la danza e il cinema.

Estratto: “Il suo era uno sguardo tenebroso e beffardo al tempo stesso, che sapeva destabilizzare chiunque si arrischiasse a scrutarlo per sondargli l’animo, con l’unico risultato di ritrovarsi di fronte a una sorta di schermo riflettente che gli restituiva la propria immagine, senza nulla rivelare di Amedeo…”

Paris, toujours Paris

Autore: Antologia di autori vari
Titolo: Paris, toujours Paris
Prezzo: € 0,99 
Editore: Les Flaneurs Edizioni
Sinossi
Tra romantici salti nel passato e bruschi ritorni al presente, Parigi è di volta in volta un desiderio, un approdo, un sogno, una realtà, un ricordo. Trasfigurata dagli occhi dei protagonisti di questi undici racconti, la città dell’amore per eccellenza, è ora dama silenziosa e affascinante, ora consigliera loquace e saggia.
Il lettore passeggerà incantato per le strade parigine, ammaliato dai suoi monumenti, dall’eterno fluire della Senna; entrerà nel Louvre e nel Museo D’Orsay, sarà rapito dal fascino gotico di Nôtre-Dame e dai colori dei vicoli di Montmartre. Si siederà a meditare ai tavolini dei café o dei bistrot e non mancherà di ammirare la città dalla Torre Eiffel… Un magico viaggio a occhi aperti è servito!

Biografia: Undici autori raccontano una Parigi vissuta e sognata: Federica Loreti, Flavio Andriani, Davide Bottiglieri, Milica Marinković, Tinta, Manna Parsi, Paola Potenza, Mariachiara Moscoloni, Serena Plutino, Orietta De Giorgi, Giovanna Ferrara.

Estratto: Poche città al mondo possono vantare il fascino senza tempo di Parigi. Una città dai mille volti, romantica, elegante, misteriosa, a volte persino sfuggente. In questa raccolta di racconti undici autori, come veri e propri flâneurs, ce l’hanno raccontata a modo loro, facendoci assaporare i suoi profumi, i suoi sapori e i suoi colori. Perché Parigi è semplicemente Parigi.


Kilometro zero di Aniceto Fiorillo

Titolo: “Kilometro Zero”
Autore: Aniceto Fiorillo
Editore: Nativi Digitali Edizioni
Data di uscita: 16 novembre 2016
Genere: Romanzo di Formazione, Romanzo di Viaggio
Prezzo: Ebook 3.49€, cartaceo 10€
Sinossi:
“Sarei andato via, perché a vent’anni deve essere così, devi andare, e io sentivo un fuoco dentro che faceva vibrare tutto il mio corpo. Era bellissimo ascoltarlo e diventare un’unica cosa con esso, anche tu una fiamma!"

Il giorno in cui Bruno perde i genitori, qualcosa in lui si rompe. L’irrequietezza non si arresta, né dinanzi all'università, né tantomeno davanti alle donne e alla droga. Per sfuggire al dolore, decide di partire. Un viaggio verso l'Ucraina, lungo i Carpazi, attraverso i misteri di Kiev e gli eccessi di Odessa, fino alla surreale Kilometro Zero, il paese di origine della madre, dove il Danubio sfocia nel Mar Nero. Il cammino del giovane ci mostrerà una parte nascosta e affascinante di Europa e lo porterà a superare i fantasmi del suo passato.

L'autore: Aniceto Fiorillo , nato a Cesa (Napoli) nel 1979, dopo la laurea in Lettere viaggia per l’Italia e per l’Europa, sia per piacere ma soprattutto alla ricerca di un qualsiasi lavoro che gli permettesse di scrivere senza pensieri: a Brussel, incontra il Pilota e la sua comunità di brasiliani belgi, imparando l’inglese e il francese, perché vuol sentirsi cittadino europeo, ma il grigio del cielo belga lo rende triste, e scappa verso il mare dell’isola di Malta. Qui si imbatte in una dozzina di russi che contrabbandavano in diamanti e che avevano deciso di scassarlo (picchiare una persona fino a ridurlo in fin di vita), e mentre tentava di sfuggire agli ex bolscevichi, incontra una bellissima sudtirolese che lo conduce a Bolzano, dove si impegna nell’insegnamento e nel cercare di farsi una famiglia con relativa prole. Ma il Signore per lui ha in serbo altri piani! Ritorna a Napoli, dove gestisce un video-noleggio-libri, naturalmente abusivo; finchè, un giorno, di inverno, e di forte vento, non giunse la Finanza che gli intimò di chiudere in blocco l’attività. Non si perse d’animo e con tanta voglia e molti denari, scelse la città di Roma come sua nuova sposa. A Roma con amici fonda una piccola casa di produzione (Kinoklan), e realizza diversi corti che partecipano sia a festival italiani che europei. Si trasferisce a Bolzano dove lavora come insegnante, per poi ritornare di nuovo a Roma. A ottobre uscirà il suo primo romanzo edito da Nativi Digitali, Kilometro Zero. “Il pilota e la comunità brasiliana” è il primo racconto che pubblica, altri stanno aspettando.


Chick girl, azalee per Veridiana di Roberta De Tomi

Titolo: Chick Girl – Azalee per Veridiana
Autrice: Roberta De Tomi
Editore: Delos Digital
Anno di pubblicazione: 2016
Genere: Erotico
Pagine: 92
Sito autrice: robbilandia.blogspot.com
Sinossi:
Veridiana è una giovane donna, collezionista di pasticci generati dal suo carattere impulsivo e immaturo. Reduce dall'ennesimo guaio combinato sul lavoro e decisa a indagare sui non detti dell'amica Melania, risponde a un annuncio in cui si propone come accompagnatrice al misterioso Mister Zone. Successivamente esce dalla sua stanza per chiarirsi con l'amica. Da quel momento il profumo del muschio bianco e delle azalee entreranno a far parte della sua vita, costellata da un guaio di "penne di gallina e mattoni" da cui soltanto un uomo potrà salvarla, come le predisse una zingara, cinque anni prima. 

Biografia: Nata in provincia di Modena, "damsiana" con la passione dei libri, dell'arte e dello spettacolo, ha all'attivo alcune pubblicazioni tra cui "Come sedurre le donne" (HOW 2 Edizioni, 2014), "Magnitudo apparente" (Lettere Animate, 2014) e "Il maledetto residuo nel cuore" (Rupe Mutevole Edizioni, 2015). Gestisce un paio di blog, è ideatrice dell'evento Words! e lavora in ambito culturale.


Allison Wade

Recensione: Capelli di ferro di Allison Wade

09:00

Titolo: Capelli di ferro
Autrice: Allison Wade
Editore: Wade Books
Pagine: 117
Ebook: 1.84 Euro
Cartaceo: 7.63 Euro
Sinossi:
Rapunzel non è come le principesse delle fiabe.
I suoi lunghi capelli sono fili di ferro e ha un'incontenibile fame di sangue.
Il mondo al di fuori della torre non è come quello raccontato nei libri. C'è la città e poi il deserto e la guerra.
Il richiamo della libertà per Rapunzel è più forte di ogni altra cosa e la porterà a lasciare la sua prigione sicura alla ricerca di una vita migliore.
Ma quando chiudi i libri e affronti il mondo reale, non sempre le cose sono come le immaginavi.



Il mio pensiero:
Questa storia rivisita la fiaba di Raperonzolo e l’ambienta in un futuro in cui il mondo è dilaniato dalle guerre e dalle bombe. Ammetto che sono stata attirata da questo titolo soprattutto perché è un retelling e infatti l’inizio della storia mi è piaciuto molto: c’è una donna incinta che ha voglia di assaggiare dei raperonzoli e il marito che, nonostante sappia sia illegale, li ruba nel giardino di Gothel. Quindi il libro comincia in modo abbastanza fedele alla fiaba classica per poi prendere una piega originale e curiosa: Rapunzel ha i capelli di ferro. Impossibili da tagliare, ma abbastanza malleabili da poter assumere qualsiasi forma, la ragazza li usa per creare delle vere e proprie sculture: alberi, fiori, uccellini. In una scena molto bella si vede Rapunzel che, chiusa e isolata nella sua torre, si diverte a costruire con i suoi capelli una gabbia di ferro protettiva intorno a sé.

Benché la trama inizialmente sembrasse interessante, questo libro non mi ha convinto del tutto. Non sono riuscita ad apprezzarlo soprattutto per due motivi. Il primo è che lo stile è semplice e poco coinvolgente, sono presenti delle ripetizioni e anche se è una particolarità che si può trovare spesso nelle fiabe, soprattutto per fissare alcune caratteristiche chiave dei personaggi, rendevano le descrizioni ancora più banali. Il secondo motivo è che la trama segue un andamento troppo lineare: ogni personaggio davanti ad un problema compie un’azione e poi passa al momento successivo, non si interroga se esistono diversi modi per affrontare la questione, se poteva agire in modo diverso, perché preferire quella soluzione ad un’altra. Mi sono ritrovata a chiedermi almeno un paio di volte perché non vi fossero delle complicazioni, perché alcuni personaggi scegliessero di fare qualcosa che secondo me poteva essere parecchio controproducente e insensato. Avrei preferito più cura e dettagli nel corso dei capitoli, per dare maggiore chiarezza e coerenza alla trama. Anche perché l’inizio era carino, ma poi andando avanti la storia diventa un poco forzata e lacunosa.

Il principe salva la principessa e dopo mille peripezie i due vivono insieme felici e contenti. Ma io non sono una principessa dalla chioma dorata. Sono una reietta, un mostro, una creatura tenebrosa dai capelli di ferro. Salgo sul davanzale, afferro i fili intrecciati e inizio a scendere. La mia vera storia è ancora tutta da scrivere.





Alessia Martinis

Recensione: "IL FANTASMA DEL NONNO NEL NASO" di Alessia Martinis

08:55


Titolo: Il fantasma del nonno nel naso
Autore: Alessia Martinis
Genere: Narrativa/Fantasy
Casa editrice: La Sirena Edizioni

Sinossi: Michele è un ragazzo timido che lavora come programmatore per un’azienda informatica. La sua vita fa schifo. Il capo non perde occasione per umiliarlo, la collega che gli piace approfitta della sua gentilezza per fargli fare anche il suo lavoro. Come se non bastasse, una sera riceve una chiamata in cui lo avvisano che suo nonno è in ospedale in punto di morte. Sembra che al peggio non vi sia fine ma Michele dovrà ricredersi quando il fantasma del nonno appena morto ricomparirà scegliendo, come sua dimora personale, nientemeno che il naso del nipote, iniziando a perseguitarlo. 


Si dice che quando un'anima, alla morte del corpo, resta imprigionata in questo mondo è perché ha qualche questione in sospeso. Riuscirà Michele a scoprire cosa vuole da lui il vecchio e a riprendersi il suo naso?

Recensione:

Questo libro è la storia di Michele de Grassi, un giovane programmatore profondamente innamorato di una collega e massicciamente sfruttato dal datore di lavoro.  Il libro parte da un terribile fatto che lo riguarda da vicino: la morte dell’adorato nonno.

“ Inspiro a pieni polmoni la scia di profumo agli agrumi che ha lasciato dietro di sé e mi siedo alla sua scrivania, proprio sulla poltroncina dove poco fa ha appoggiato il suo sedere sodo. La salivazione aumenta”.

In particolare, la vicenda da cui tutto ha inizio è la telefonata della dottoressa Neri del reparto terapie intensive, con cui viene comunicato a Michele che il nonno ha avuto un ictus e le sue condizioni si sono rapidamente aggravate. Il padre di Michele era morto tempo prima e il giovane, a tutti gli effetti, rimaneva l’unico parente prossimo.

“ Perché è successo così all’improvviso? Non ho fatto nemmeno in tempo a salutarlo”.

Ora, l’aspetto tragicomico della vicenda è che dalla morte del nonno in poi, la vita di Michele sarà investita da una conseguenza piuttosto particolare. Nello specifico, un terribile mal di testa gli causerà la fuoriuscita di un muco giallognolo (scusate i dettagli, poco edificanti ma indispensabili) da cui prenderà forma addirittura il nonno da poco defunto, tornato sulla terra in tale singolare forma, al solo scopo di aiutare il nipote nella sua crescita interiore.

“ La pozza si anima davanti a me, e diventa un blocco giallognolo da cui prendono forma i lineamenti del nonno”.

Da questo punto in poi, la vita di Michele sarà spassosa a dir poco, il nonno sempre presente (anche se nella sua narice) lo guiderà in diverse situazioni, spinto da un obiettivo preciso: insegnare al nipote il valore del coraggio, la forza di ribellarsi ai bulli, la forza di scegliere un lavoro che possa valorizzare le sue reali capacità.

“ Insomma ti sei rassegnato? Se smetti di lottare, la situazione non potrà mai cambiare. Così ti adagi, e giorno dopo giorno sprofondi nella merda … davvero desideri continuare lavorare per un tipo del genere?”.

Un piccolo libro ricco di messaggi positivi, che insegna l’importanza di scovare, dentro di noi, il coraggio necessario per cambiare ciò che non va nella nostra vita.
Un regalino delizioso e originale per le prossime festività natalizie.

Chi fra noi, alla fine, non vorrebbe rivedere coloro che ci hanno lasciato? (Anche se in modo magari meno “disgustoso” …)

“ Bravo ragazzo, alla fine sei maturato, non hai più bisogno che mi prenda cura di te”.
“ Grazie nonno. Non l’avrei mai fatta senza di te”.











Angela Castiello

Recensione: Uno scatto per sempre - Angela Castiello

08:30




Titolo: Uno scatto per sempre
Autore: Angela Castiello 
Editore: Butterfly Edizioni
Pagine: 200
Prezzo: ebook - € 2,99; cartaceo € 14,00 
Data di uscita: 16 novembre 2016

Trama
Nel negozio di giocattoli "My little world" tutto è perfettamente allestito in occasione dell'Hoboken Italian Festival, ma Madison, 27 anni, titolare di quell'angolo dedicato ai più piccoli, ha il cuore a pezzi. La sua attività, che per lei ha un valore affettivo, rischia di chiudere, il suo ex le dà il tormento dopo averla ferita nel modo più vile e i suoi sensi di colpa per la morte dei genitori sfociano in attacchi di panico. Convinta di non meritarsi l'amore di nessuno, aspetta solo il suo ennesimo fallimento.
A scuoterla dal suo torpore è il famoso fotografo trentenne Jayden Myers. Abituato alla bella vita e alle belle donne, esclusivamente per dolci notti infuocate, alla celebrità e al denaro, è in cerca dello scatto perfetto.
Madison e Jayden non hanno nulla in comune, eppure - quando i loro sguardi si incrociano - non riescono a porre freno alla travolgente passione che li unisce.
Nel mondo del gossip e dei paparazzi nulla è semplice... E mentre tutti invitano Madison a stare lontano da lui perché è un tipo inaffidabile, i giornalisti non fanno altro che parlare di quella donna arrivata dal nulla ma con il chiaro intento di ottenere del successo facile...
Per Jayden, che segue i propri istinti e guarda sempre da dietro un obiettivo anziché col cuore, sarà una scommessa pericolosa lasciarsi andare ai sentimenti...



Recensione: 

Se mi chiedessero di scegliere una sola parola per descrivere questa storia, scegliere ad occhi chiusi: DOLCEZZA.
Questo libro è di una dolcezza disarmante; non riesco a trovare una parole migliore, vi giuro.
La protagonista è la dolcezza in persona, il protagonista idem. 
Non fraintendetemi, non si tratta di quella dolcezza mielosa di cui ci stanchiamo in un secondo, è qualcosa di diverso che ti tocca nel profondo. 

Protagonisti di questa storia sono Madison e Jayden, non possono essere più diversi, vivono vite diverse finchè il destino non li farà incontrare. 
Per Jayden è scattato qualcosa fin dall'inizio, l'ha vista di sfuggita ed è rimasto cosi colpito che l'ha voluta conoscere a tutti i costi.
Madison, invece, ha un passato difficile alle spalle e si porta ancora dietro tutta la sofferenza che la rendono diffidente verso gli altri, soprattutto verso il genere maschile. 
Per Madison lasciarsi andare è difficile e Jayden non si lascia di certo intimorire dal suo carattere e soprattutto dai suoi blocchi. 
La nostra protagonista ha la sofferenza nel cuore, ma l'arrivo di Jayden scatena in lei una reazione al dolore, con lui si sente forte e soprattutto si sente felice. 

Uno scatto per sempre si riesce a leggerlo in un battito di ciglia e vi spiego i motivi:
1. La storia è molto carina, non riesci a staccarti dalle pagine finché non ci troviamo nell'ultima pagina.
2. Lo stile di scrittura dell'autrice rende fluido tutta la lettura; è leggero, semplice, armonioso e brillante. Mi sono veramente persa tra le sue pagine. 
Quando ho finito la lettura mi sono sentita abbandonata, non volevo che finisse, è stato un ottimo compagno di avventure, lo rileggerei altre mille volte.

Se non l'aveva capito (XD) sono rimasta colpita, sicuramente leggerò altre creazioni di questa autrice. Vi consiglio assolutamente questa lettura, non lasciatevi sfuggire la storia di Madison e Jayden :)


4 cuoricini e mezzo


Spero che la mia recensione vi sia piaciuta.
Aspetto i vostri commenti ^^


c'è posta per noi

C'è post@ per noi... #193

10:15

Buona domenica, Lettori!
Avete riempito la vostra casa di addobbi natalizi? La mia è attualmente un work in progress. Spero di arrivare pronta per le feste! Piuttosto, avete scelto i libri che vi faranno compagnia tra cenoni e pranzi?
Proviamo a scoprire assieme se nella nostra posta c'è quello che fa per voi!







La commedia dei pazzi di Marco Pennella


Titolo: La commedia dei pazzi 
Autore: Marco Pennella
EditoreLettere Animate
Pagine: 112
Prezzo: ebook - € 1,99; cartaceo - € 11,00

Trama

La commedia dei pazzi narra del viaggio di Dante Co-razzesi, giovane laureato in psicologia che vive in un presente immaginario dove la legge Basaglia non è mai stata proposta. Questo ha permesso ai manicomi di espandersi incontrastati, dando vita al C.D.M. ( Centro di depurazione mentale ). Dante si ritroverà catapul-tato nella sede più spaventosa, quella di Firenze, dove padiglione dopo padiglione scoprirà i metodi utilizzati per curare la psiche dei soggetti defi niti ‘’ pazzi ‘’. La situazione però non è destinata a restar critica: alcunzi pazienti, infatti, hanno messo su un organizzazione, la Resilienza, per provare a combattere il C.D.M. dall’in-terno. Ma anche il Primario della clinica ha le sue carte da giocare, il più astuto e spietato criminologo italiano: il dott. Virgilio Guidi.

Nato ad Avellino ( 1992 ), Marco Pennella mostra da sempre interesse e passione per la scrittura e ardente curiosità per la psicologia. Terminati gli studi al liceo sociopsicopedagogico ‘’ Virgilio Marone ‘’ , prosegue il suo corso di studi in Scienze e tecniche psicologiche presso l’università di Chieti – Pescara ‘’ Gabriele d’Annunzio ‘’.

Legione Magica (Spettabile Demone #2) di Anonima Strega


Titolo: Legione Magica
Autore: Anonima Strega
Editore: autopubblicato - 11 novembre 2016
Pagine:
Prezzo: ebook - € 1,99

Trama

Maya è sul tetto di un palazzo, non ha più nulla da perdere, ed è decisa a farla finita. L’apparizione di un uomo bellissimo dalle ali piumate la distrae dal suo proposito e la trascina in un vortice di passione e visioni che al risveglio la lascia senza memoria. Così la rinviene Damien, demone caduto dal passato discutibile e un gran caratteraccio, che si ritrova tuttavia costretto a portarsela dietro in un mondo di creature magiche di cui Maya mai avrebbe immaginato l’esistenza. Entrambi sono interessati a rintracciare l’essere che si è dileguato sul tetto: Damien perché potrebbe guadagnare la redenzione, seppur a costo di vincolarsi ai servizi segreti magici guidati dal potente Magus Jeremiah; Maya perché capisce a poco a poco di non essere la comune mortale che ha sempre creduto, e di essere legata da un ciclo di reincarnazioni irrisolto a questo misterioso Seth di Atlantide, che non pare intenzionato a farsi ritrovare...

In questo romanzo autoconclusivo incontriamo di nuovo alcuni personaggi di “Spettabile Demone” e della trilogia “Le spose della notte”.

ANONIMA STREGA si occupa da sempre di tematiche legate all’occulto. Preferendo tutto quanto concerne l’universo femminile neopagano, è di conseguenza al contempo molto romantica, anche se l’oggetto dei suoi desideri esce spesso dalle righe, così come i personaggi delle sue storie. Crede fermamente che gli elementi del creato siano guida e strumento, sia per le streghe, sia per i protagonisti di avventure d’amore paranormali, come quelli della trilogia “Le spose della notte” e dei romanzi “Spettabile Demone”, “Il Diavolo e la Strega” e “L’Alchimista Innominato”. In una vita precedente ha già avuto a che fare con i libri, ma i vaghi ricordi sono perlopiù negativi, e per libertà di movimento si dichiara disinteressata a qualsiasi proposta editoriale. Il suo antro è situato in un luogo nascosto, custodito da una gatta nera d’angora e una coppia di anziani troll norvegesi. Da lì dispensa consigli magici attraverso anonimastrega.blogspot.it.

Missione a Manhattan di Chiara Santoianni


Titolo: Missione a Manhattan
Autore: Chiara Santoianni
Editore: edizioniCentoAutori
Pagine: 176
Prezzo: cartaceo - € 7,50

Trama

La 25enne Penelope Pinto ha ormai trovato la sua strada nel mondo editoriale. Dopo aver pubblicato il suo primo romanzo con la prestigiosa Martin & Cooper di Londra, è stata assunta nella casa editrice come addetta al marketing: le sorti dei più noti autori di bestseller − dopo l’impietoso editing dello spocchioso collega Edmund Zum Thor − passano per le sue mani. Tra party letterari e serate modaiole con l'amica inglese Olivia Parker-Kensington, e il rapporto con Robin, aitante space-clearer con la mania per l'ordine, la vita di Penny scorre tranquilla, con l'obiettivo di un suo nuovo romanzo e di un probabile avanzamento di carriera. Finché la sparizione di importanti documenti dal computer di Edy Thor non mette in discussione il futuro della casa editrice e, con esso, la promozione di Penelope! Non resta che mettersi sulle tracce del misterioso hacker, attraversando l’Atlantico fino a Manhattan per incontrare uno scrittore del Bronx, un politico rampante, una stagista arrivista, in una corsa contro il tempo: riuscirà Penelope a smascherare i colpevoli, a salvare la casa editrice e ad arrivare in tempo al matrimonio della sorella Carmela a Sorrento?

Ritornano le avventure di Penelope, la protagonista di Cocktail di cuori! Che stavolta, tra la City di Londra e i grattacieli di Manhattan, dovrà risolvere il mistero della scomparsa di un libro e salvare le sorti della sua casa editrice.

Chiara Santoianni, scrittrice, giornalista, counselor e docente, pubblica dal 1984 e ha collaborato a numerosi quotidiani e periodici italiani. È autrice del saggio Popular music e comunicazioni di massa (ESI, 1993), del manuale Sicurezza informatica a 360° (Edizioni Master, 2003), del libro per ragazzi Preso nella Rete (Sesat Edizioni, 2012). Ha scritto inoltre il romanzo umoristico Il lavoro più (in)adatto a una donna (Cento Autori, 2011) e i romanzi di chick lit Il diario di Lara (ARPANet, 2009), Provaci ancora, Lara! (ARPANet, 2012) − vincitori delle edizioni 2008 e 2012 del concorso ChickCult −, Cocktail di cuori e Missione a Manhattan(Cento Autori, 2015 e 2016). È autrice e curatrice della raccolta di racconti di chick lit Volevo fare la casalinga (e invece sono una donna in carriera) (Albus 2012) e, dal 2015, della collana di Cento Autori "A cuor leggero". Inoltre, è autrice delle guide turistiche Enogastronomia, Turismo Balneare, Turismo Giovanile, Turismo Enogastronomico (Electa Napoli, 2004-2006); co-autrice delle guide di viaggio Pacific Coast (Edimar, 1999) e Napoli. Costa e isole (De Agostini, 2002). Suoi racconti sono contenuti nei volumi collettivi Lavoro in corso (Albus Edizioni, 2008), Timing semiserio per un matrimonio quasi perfetto (ARPANet, 2011), Non proprio così (Giulio Perrone, 2011), ManifestAmi (2013). Ha scritto per anni la rubrica Numerando per la rivista d’informatica “Internet Magazine”. Ha inoltre ideato e realizzato il sito web Chiara’s Angels − finalista al Premio DonnaèWeb e all’Italian eContent Award 2006 − e il blog di recensioni librarie Spazio Autrici. La sua passione, oltre alla scrittura, è la tecnologia in tutte le sue forme.

Che ne pensate? C'è il libro che fa per voi?


Bianca Rita Cataldi

Recensione a confronto: Riverside #2 - Dollhouse di Bianca Cataldi

09:00



Titolo: Dollhouse (Riverside #2)


Autore: Bianca Rita Cataldi

Numero di pagine: 150ca

Formato: ebook

Prezzo: €1,99

Venduto su Amazon, presente su Kindle Unlimited


Sinossi:
Riverside, Regno Unito. Dopo il traumatico risveglio in una realtà parallela che non le appartiene, Amabel riesce suo malgrado ad ambientarsi, trovandosi finalmente a suo agio tra i suoi allievi della Lucretius Grammar School, l’amabile collega Rachel e l’impertinente Damian, un suo giovane alunno che è anche il suo unico contatto con la realtà dalla quale proviene. Benché si stia ormai abituando all’insolita situazione, Amabel è comunque costretta a continuare le sue ricerche al fine di comprendere i motivi di ciò che le è accaduto e trovare un modo per tornare a casa. Intanto, l’incubo della bambola dai capelli rosa torna a visitarla dopo sei anni di silenzio. Come Amabel scoprirà ben presto, il segreto dei suoi incubi affonda le sue radici in un’antica favola slava della quale dovrà conoscere ogni aspetto per capire la complessità della sua situazione. Tuttavia, qualcosa trama nell’ombra e Amabel dovrà stare all’erta: è sufficiente un solo errore per spezzare per sempre l’equilibrio e far precipitare Riverside nella rovina.

Ecco il link alla prima recensione: Riverside

Cosa ne pensa Fabiola:


Il secondo volume della saga di Riverside ha soddisfatto le mie aspettative, per questo sono molto felice di poterlo recensire.
L'autrice ha uno stile pulito, chiaro e scorrevole, in particolar modo ho apprezzato i dialoghi, che risultano a mio parere naturali e realistici.

La storia viene ripresa esattamente da dove l'avevamo lasciata alla fine del primo libro, con la festa durante la quale Megan, la ragazzina dalle sembianze della bambola dai capelli rosa di Amabel, era apparsa suonando il pianoforte a ricordare alla donna il suo incubo ricorrente dell'infanzia.

Nella lettura riceveremo finalmente molte delle risposte che alla fine del primo libro erano rimaste in sospeso, il personaggio di Damian manterrà il suo ruolo centrale e diventerà molto importante per Amabel, che anche attraverso il suo aiuto otterrà qualche informazione in più sui motivi della sua presenza in quella vita nuova alla quale lei lentamente si affezionerà sempre di più, spingendola a chiedersi se mai tornerà indietro.

Non intendo dare altri dettagli riguardanti la trama - che ancora una volta è uno dei punti forti del libro e che è sviluppata in modo coerente e interessante - o i ruoli dei vari personaggi, perché in questo libro nulla è come sembra e sono sicura che chi di voi deciderà di leggerlo lo farà con più piacere seguendo il racconto dell'autrice, che è molto brava a gestire le informazioni e riesce a mantenere vivo l'interesse del lettore fino alla fine del libro. 

Come avevo scritto per il primo volume: consiglio questo libro a chi ama le storie un po' horror e un po' magiche, ma anche semplicemente a chi cerca qualcosa di originale, fresco e ben scritto.




Cosa ne pensa Mary:

E' stato magico tornare a Riverside, devo ammettere che questa storia mi era mancata più di quanto immaginassi. Ma veniamo a noi, voglio parlare assolutamente di questo libro.

E' una storia che mi ha affascinato tantissimo nel primo volume, il suo alone di mistero mi aveva intrigato e conquistato.
Dollhouse riprende esattamente dove il primo ci aveva lasciato, anche in questo libro il mistero sta alla base di tutte le vicende, alcuni misteri ci verranno in parte svelati, alcune verità salteranno fuori però penso che la strada sul chiarire del tutto il mistero sia ancora in salita.
La cosa che mi piace assolutamente di questa serie è proprio il mistero, l'essere all'oscuro di tutto. Durante alcune parti della lettura mi sentivo frustrata perché non riuscivo a capire la verità che si celava dietro questa storia, ma la parte più razionale di me non faceva altro che ringraziare l'autrice per avermi regalato questa piccola perla.
Preferisco non entrare nel profondo della trama, perché ho il timore di rivelarvi anche il più piccolo ed innocuo dei suggerimenti, sono dei libri che vanno assaporati senza nessun intralcio. Posso dirvi che valgono veramente la pena, sono in grado di catturarvi e di non lasciarvi più andare, sarete pervasi da un'incredibile curiosità che non vi lascerà modo di respirare finché non riuscite a venire a capo di questa storia.

Per quanto riguarda Dollhouse, non mi ha deluso assolutamente, è il degno continuo di Riverside. L'autrice ha uno stile di scrittura che incanta, è semplice ma magico, le sue parole riescono a prendere vita. I suoi personaggi Idem.
Fra qualche giorno inizierò il terzo e già non sto nella pelle, ovviamente avrete modo di leggere un'altra delle mie recensioni. Per ora non posso fare altro che consigliarvi sia Riverside che Dollhouse e sono sicura che riusciranno ad attirarvi nel loro mondo.


4 cuoricini e mezzo



Fabiola e Mary

Amaranth

Segna-Libro #19 | Consigli natalizi

10:20

Le luminarie per le strade, i panettoni nei supermercati... sembra che sia Natale da due mesi. Fortunatamente non è ancora arrivato e siamo in tempo per trovare i regali giusti.
Se siete ancora indecisi, io ho qualche consiglio per voi.







La Spia del Mare di Virginia de Winter 

La Spia del Mare è uno di quei romanzi che potrebbero accontentare i gusti di molti, dai più romantici agli amanti del mistero e del paranormal e persino gli appassionati di romanzi storici.
Io l'ho letto poco dopo l'uscita e l'ho amato come i precedenti romanzi della de Winter, la serie Black Friars e Il Cammeo di Ossidiana che, in effetti, meriterebbero di trovarsi in questo post. 



Titolo: La Spia del Mare
Autore: Virginia de Winter
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 25 novembre 2016
Pagine: 404
Prezzo: € 19,00

Venezia, 1741. Cordelia Sheffield è una spia inglese, bella, intelligente e letale. Cassandra Giustinian invece è una nobile veneziana dalla grazia incantevole, colpita da una misteriosa malattia. Nessuno sa che sono gemelle, che dividono un'unica vita e l'amore per lo stesso uomo: lo splendido Cassian d'Armer, una spia del Doge, tormentato da un passato di guerra e violenza. Quando gli Inquisitori della Serenissima allungheranno le loro ombre sui segreti dei Giustinian, Cassian rischierà ogni cosa per salvare dalla morte la donna che ama. La lotta lo legherà fatalmente a tre uomini: un nobile francese fuggito dalla Corte di Versailles, un pari di Spagna in esilio volontario e un giovane abate, Giacomo Casanova, perfetto spadaccino e donnaiolo impenitente che li guiderà attraverso le calli e i balli fastosi, nella frenesia del meraviglioso carnevale veneziano. Agenti segreti e alchimisti, crudeli assassini coi volti della Commedia dell'Arte convergono nella Serenissima e danno avvio a un pericoloso gioco di spie, alla ricerca di un mistero sepolto sul fondo della laguna, dove una fanciulla dorme in una bara di cristallo, custode di un segreto che potrebbe far vacillare l'esistenza stessa della Repubblica di Venezia.

Tiger Fighters. Il nodo del Tempio di Dilhani Heemba

Tiger Fighters è un altro romanzo che ho amato: dopo aver letto altri libri di Dilhani Heemba e avevo idea di cosa aspettarmi ma, fidatevi, si è superata e questo è unico. Nella mia recensione vi avevo raccontato quanto Tiger Fighters sia originale; in libreria non troverete un romanzo simile.

Titolo: Il nodo del Tempio (Tiger Fighters #1) 
Autore: Dilhani Heemba
Editore: autopubblicato
Prima edizione: 14 giugno 2016
Pagine: 551
Prezzo: Ebook - € 2,99; Cartaceo – € 16,11


L'India ha distrutto l'Occidente e ora ha un governo dittatore che inquina il mondo. I Tiger Fighters, in cambio del sangue di Shiva, hanno promesso di combattere i demoni e il governo, erigendo templi e stringendo nodi, distruggendo fabbriche e assassinando.
La famiglia di Daksha è stata allontanata quando suo padre li ha maledetti, ritenendoli responsabili della morte della madre. Anni dopo, il padre incendia un tempio per vendicarsi e scioglie involontariamente uno dei nodi che trattiene i padri dei demoni, i rakshasa. I Tiger Fighters partono alla ricerca di Daksha, nella speranza che possa rivelare loro dove sia l'uomo e obbligarlo a rifare i nodi. Daksha, però, li ha rinnegati per tutta la vita, crescendo in fretta sulle strade di Delhi, tra incontri clandestini e cacce ai demoni e frequentando gli ambienti più marci dei ricchi imprenditori e, proprio ora che è a capo del gruppo governativo che combatte sul campo i Tiger Fighters, non ha alcuna intenzione di stare dalla loro parte. O almeno crede. Perché la strada della vendetta non appare più così facile, quando ci sono di mezzo le ingiustizie, la morte e un passato non del tutto privo di ricordi felici che ora sembra darle la caccia. 

Albion di Bianca Marconero

Albion è il primo di una saga urban fantasy italiana che meriterebbe di essere letta da tutti e che, vi assicuro è un bellissimo regalo da fare ai lettori più giovani. Dalla penna della Marconero, la leggenda di Artù torna in vita in una chiave di lettura moderna e non scontata che, di libro in libro, coinvolge sempre di più.




Titolo: Albion 
Autore: Bianca Marconero 
Editore: Limited Editions Books 
Prima edizione: 1 giugno 2013 
Pagine: 400
Prezzo: € 14,90 


Cresciuto senza madre, e dopo aver perduto il fratello maggiore – morto in circostanze misteriose –, nel giorno del funerale dell’amatissimo nonno, Marco Cinquedraghi riceve la notizia che gli cambierà la vita: deve lasciare Roma e partire per la Svizzera.
È infatti giunto il momento di iscriversi all’Albion College, la scuola in cui, da sempre, si diplomano i membri della sua famiglia. 
Ma il blasonato collegio riserva molte sorprese. Tra duelli di spade e lezioni di filologia romanza, mistici poteri che riaffiorano e verità sepolte dal tempo che riemergono, Marco scoprirà il valore dell’amicizia e capirà che l’amore, quello vero, non si ottiene senza sacrificio. 
Nelle trame ordite dal più grande dei maghi e nell’eco di un amore indimenticabile si ridestano legami immortali, scritti nel sangue. Fino all’epilogo, tra le mura di un’antica abbazia, dove Marco conoscerà la strada che le stelle hanno in serbo per lui. Il destino di un re il cui nome è leggenda. 


I libri della serie:
Ciclo del primo anno
Albion (Albion #1)
I wish you a Merry Xmas (Albion, racconto di Natale - su Wattpad)
Albion. Ombre (Albion #2)
Il principe spezzato (Albion #2.5)

Albion. Eredità (Albion #3) - prossimamente

La prima cosa bella di Bianca Marconero


Di nuovo la Marconero: per me è una garanzia. La prima cosa bella, però, non è il romanzo che vi potete aspettare semplicemente leggendo la trama: c'è l'amore che arriva quando meno te lo aspetti, l'amicizia e la famiglia, ma soprattutto la vita che decide per te che è ora di crescere. 
Dante, il protagonista, ha un punto di vista disincatato, eppure un po' miope. Se amate il cinema e le citazioni, poi, non potete proprio perdere questo romanzo.



TitoloLa prima cosa bella
Autore: Bianca Marconero 
Editore: Newton Compton
Pagine: 317
Prezzo: ebook - € 2,99; cartaceo - € 5,90


Tra una birra nel solito posto, un esame all’università e una sosta in fumetteria, la sua vita scorre più o meno tranquilla. Ma una sera come tante, in uno dei soliti posti, arrivano anche delle ragazze e da quel momento il mondo di Dante verrà completamente capovolto. Si ritroverà promosso al ruolo di regista in un film amatoriale, si innamorerà senza essere riamato, e a sua volta non ricambierà una ragazza che invece si innamora di lui. E in un susseguirsi di eventi imprevisti e imprevedibili, Dante scoprirà che nulla è come aveva immaginato…



Trentatré  di Mirya

È la prima volta, da quando ho letto questo romanzo, che mi trovo nella situazione di doverne parlare per iscritto. Non è un caso se l'ho inserito in questa lista di consigli: l'ho amato davvero tanto, ma vi assicuro che non è facile trovare le parole giuste.
Trentatré  è diventato uno dei miei libri preferiti, uno di quelli che rileggerò sempre volentieri perché continuerà a darmi tanto, a ricordarmi quanto può essere meravigliosa la vita. E okay, okay. Dovreste leggelo perché non sono in grado di dirvi tutto ciò che questo libro è: per me è stata una sferzata di positività e chi mi conosce sa che è qualcosa a cui tengo, che ricerco e in cui credo.
Trentatré  vi farà ridere e vi farà piangere. Vi ho avvisati: non lasciatevelo sfuggire!

TitoloTrentatré
Autore: Mirya 
Editore: autopubblicato
Pagine: 317
Prezzo: ebook - € 2,99; cartaceo - € 5,90


Trentatré sono i giorni che Dio Si impegna a trascorrere sulla terra, senza i Suoi poteri, prima che Suo Figlio acconsenta ad aiutarLo nell’Apocalisse; ma scopre subito che l’umanità è un abito scomodo da indossare. Trentatré sono i giorni di cui la ricca Grace dispone per persuadere quel vecchio pazzo convinto di essere Dio che l’universo non deve finire; ma c’è un asino dagli occhi azzurri a complicarle la vita e a lei non resta che cercare di trasformarlo in un unicorno rosa – e magari farlo innamorare. Trentatré sono i giorni in cui il povero Michele deve affrontare i suoi demoni, per liberarsi del marchio di Caino e imparare di nuovo ad avere fiducia; ma c’è una rossa intenzionata a combattere contro di lui che invece forse potrebbe combattere al suo fianco, se solo lui si aprisse a lei e ai sentimenti. Trentatré sono i giorni necessari a cambiare per sempre le vite del vecchio Giò, di Amir, di Juliette, di Giò Giò, di Consuelo e di tutti coloro che ruotano attorno allo stesso locale, quel locale che in fondo può assomigliare a una casa, come loro in fondo possono assomigliare a una famiglia. Perché la fortuna non è positiva né negativa, le cose migliori accadono per caso e il mondo è pieno di incastri.

Le stanze buie di Francesca Diotallevi

Questo è uno dei romanzi che volevo, volevo leggere. Sì, due volte.
L'ho letto grazie una catena di lettura e poi me ne sono innamorata: prima che potessi prenderne una copia, mi è stato regalato. Sono molto fortunata e c'è chi sa esaudire i miei desideri.
Le stanze buie è un romanzo storico con molto mistero: se avete visto il film The others e vi è piaciuto, dovreste leggerlo. È un esordio, ma non ve ne accorgerete.


Titolo: Le stanze buie
Autore: Francesca Diotallevi
Editore: Mursia
Pagine:400
Prezzo: cartaceo - € 22,00


Torino, 1864. Un impeccabile maggiordomo di città viene catapultato nelle Langhe: per volere testamentario di un lontano zio, suo protettore, dovrà occuparsi della servitù nella villa dei conti Flores. Il protagonista si scontra così con il mondo provinciale completamente diverso da quello dorato e sfavillante dell'alta società torinese e con le abitudini dei nuovi padroni e dei loro dipendenti. Nella casa ci sono un conte burbero, una donna eccentrica e anticonformista, ma anche sola e infelice, un cameriere dalla doppia faccia e una vecchia che sa molte cose, ma soprattutto c'è una stanza chiusa da anni nella quale non si può assolutamente entrare. A partire da questo e da altri misteri il maggiordomo si troverà, suo malgrado, a scavare nel passato della famiglia per scoprire segreti inconfessati celati da molto tempo e destinati a cambiare per sempre la sua vita.

GodBreaker. La vendetta degli Dei di Luca Tarenzi


Questo, un po' come Le stanze buie, è in realtà un romanzo difficile da reperire. Me ne dispiaccio moltissimo, soprattutto perché continuerò a consigliarlo e perché cerco, quando possibile di regalarlo. GodBreaker è un fantasy di alto livello: nulla, dai personaggi alla trama e all'ambientazione, è scontato. Se lo regalerete (o ve lo regalerete), capirete che avreste dovuto farlo prima. 

Titolo: GodBreaker 
Autore: Luca Tarenzi 
Editore: Salani Editore 
Prima edizione: giugno 2013 
Pagine: 476
Prezzo: Brossura - € 15,90 

Gli dèi esistono. Camminano in mezzo a noi, vivono dentro e fuori la realtà di tutti i giorni, hanno macchine, uffici, soldi… Ma non tutti. Alcuni stanno morendo, travolti dalla perdita di tutti i loro seguaci; altri combattono una lotta spietata per tenersi il proprio posto nel mondo, usando tutti i loro poteri per conquistarsi l’agiatezza, e agire in incognito.





Sogni di carta di Melania D'Alessandro


Sogni di carta è un libro per bambini, ma anche un po' per gli adulti che hanno dimenticato il potere della lettura o che, forse, non l'hanno mai scoperto. Archimede e Gulliver sapranno darvi i giusti consigli, mettervi sulla giusta strada e a poco vi faranno innamorare dei libri e delle avventure che vi aspettano tra le loro pagine. 


Titolo: Sogni di Carta
Autore: Melania D'Alessandro
Editore: Leucotea
Prima edizione: 23 febbraio 2016
Pagine: 137
Prezzo: cartaceo - € 13,90


Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.

La principessa sbagliata di Ester Trasforini

Ma siete ancora lì a chiedervi se e perché leggerlo? Non perdete tempo e fatelo!
La Trasforini nel suo libro ha messo una principessa spilungona, un drago, una boscaiola (sì, una boscaiola!) e uno zombi. Questi elementi proprio non vi bastano? Allora dovete sapere che non è proprio come sembra e sì, riderete, ma avrete anche modo di pensare.
Angharad vi racconta molto meglio di me cosa aspettarvi da questo libro nella sua recensione, ma io vi dico: prendete e leggetelo tutti!


Titolo: La principessa sbagliata  
Autore: Ester Trasforini
Editore: Gainsworth Publishing- 12 maggio 2016 
Pagine: 250
Prezzo: Ebook € 3,99 - Cartaceo € 16,50

Ci sono una torre, un drago e una principessa da salvare. Sembra l'inizio di una fiaba classica, ma quando la boscaiola Gemma, spinta dal desiderio di arricchirsi, decide di partire per liberare la figlia del re, tutto inizia a girare per il verso sbagliato.
Armata di ascia e di una magia di dubbia utilità, Gemma giunge sulla montagna e mette in fuga il drago, ma finisce per ritrovarsi lei stessa fuggitiva in un'avventura dove niente è ciò che sembra​, ​principessa compresa. Tra scontri, visioni, amore e uno zombi spaventapasseri, Gemma affronterà le sue paure e scoprirà che il lieto fine, forse, va cercato oltre gli abiti che si indossano.

Gens Arcana  di Cecilia Randall

Avete ragione: Gens Arcana  è un libro un po' più datato degli altri, ma dovreste lo stesso leggerlo e regalarlo, soprattutto se avete un debole per le ambientazioni storiche. La Randall offre al lettore la possibilità di viaggiare nella Firenze rinascimentale e lo affascina con il Potere Arcano...


Titolo: Gens Arcana
Autore: Cecilia Randall

Editore: Mondadori 
Prima edizione: 10 ottobre 2010 
Pagine: 622
Prezzo: Rilegato - € 20,00; Flessibile - € 11,50; ebook - € 6,99




Firenze, 1478. Valiano de' Nieri è discendente di una delle più antiche e nobili famiglie italiane di Arcani. Essere Arcano significa poter invocare la quinta essentia, il quinto elemento di Natura capace di combinarsi con gli altri quattro - Aria, Acqua, Terra e Fuoco - e di governarli. Il potere arcano è immenso e può determinare le sorti dell'umanità intera: per questo si tramanda solo attraverso il lignaggio del sangue e va protetto e tenuto segreto. Ma Valiano ha rifiutato i suoi poteri e la sua "predestinazione", è fuggito e cerca di vivere normalmente lavorando come apprendista liutaio. Quando però suo padre Bonconte muore in circostanze misteriose e il suo amato fratello Angelo viene rapito, Valiano capisce di non potersi più sottrarre al proprio destino: il machiavellico cugino Folco de' Nieri sta scalando il potere all'interno della famiglia e, pur di realizzare la sua ambizione, è pronto a sfruttare una conoscenza proibita - e Valiano deve fermarlo. Sullo sfondo della magnifica Firenze di Lorenzo de' Medici, le gesta arcane si mescolano a quelle della congiura dei Pazzi in un vortice a cui nulla e nessuno potrà sottrarsi...

Spero che i miei consigli vi tornino utili!
Fatemi sapere e raccontatemi se avete scelto altri libri e perché!