c'è posta per noi

C'è post@ per noi... #302

08:00

Buongiorno lettori!
Come stanno procedendo le vostre vacanze natalizie? Spero tutto bene e che abbiate trovato sotto l'albero qualche bel libro. Ma noi qui di Italians pensiamo già al 2019 che sta per arrivare e alle calze della Befana. Ok i dolcetti, che non possono mancare, ma perché non trovarci anche qualche lettura? E oggi sono qua (munita di fetta di pandoro) per proporvi qualche uscita recente... 


Stelle controvento
di Marianna Carrara e Maria Pia Latorre
Les Flaneurs Edizioni 
cartaceo €12,00
26 novembre 2018 | scheda Les Flaneurs Edizioni


Rosa è un’adolescente inquieta e impulsiva. La sua vita non è affatto facile: un padre assente, una madre malata. Inoltre, ha appena lasciato la sua Roma per trasferirsi dai parenti più vicini in un paesino dell’entroterra lucano. Come affronterà questo enorme cambiamento senza i suoi amici, l’affetto materno e privata perfino di internet? Prevarrà la noia, la rabbia, la voglia di fuggire? E se una voce dal passato misterioso di quel borgo riuscisse, invece, a trattenerla e a farla addirittura innamorare?


Numeri amori & guai
di Silvestra Sorbera
selfpublishing | 200 pagine
ebook €0,49 | cartaceo €5,49
26 novembre 2018 | scheda Amazon 


Lei è un ingegnere. Lui anche.
Lei è ambiziosa e determinata. Lui pure.
A lui piace comandare. A lei di più.
Roberto e Claudia vivono a Roma, si conoscono, si scontrano, si odiano, si amano e poi si odiano di nuovo.
Ce la faranno due calcolatori, poco inclini ai bisogni degli altri, a sopravvivere alla vita di coppia?




Il piccolo faro e il delfino blu
di Daniela Tresconi
NPS Edizioni 
cartaceo €8,00
1 dicembre 2018 | scheda NPS Edizioni


"Il piccolo faro" si sente inutile, messo da parte dal fratello maggiore, moderno e più tecnologico. Vorrebbe girare il mondo, guidare a sé le grandi navi da crociera, invece è costretto a rimanere lì, su una scogliera ai margini del porto, chiedendosi se potrà mai dimostrare il suo valore. L'occasione arriva in una notte di tempesta...
"Il delfino Blu"
Blu è un delfino curioso, sempre in cerca di novità, attratto dalla vastità di ciò che lo circonda. Un giorno conosce Marco, un ragazzo solitario, preso in giro dai compagni, e dal loro incontro nascerà una splendida amicizia. 
Due racconti di scoperta, crescita personale e amore per il mare.
Contiene alcuni disegni da colorare, realizzati a mano dall'autrice.



Cosa c'è sotto l'albero?
 Fiabe, racconti e leggende dal mondo vol.1 e vol.2
AA.VV
La bottega dei traduttori (a cura di)
Youcanprint 
cartaceo €15,00 (volumi venduti separatamente)
17 ottobre 2018 | scheda IBS vol.1 e vol.2


"«Cosa c'è sotto l'albero?» Fiabe, racconti e leggende dal mondo da scartare insieme" è la prima raccolta collettiva che porta la firma dei membri de La bottega dei traduttori. Si tratta di una serie composta da due volumi, ognuno contenente undici storie, tutte illustrate da un disegnatore professionista. Racconti appartenenti a culture differenti, tutti però accomunati da un unico comune denominatore: il Natale. All'interno di questi libri si ritrovano racconti, favole e leggende selezionati, tradotti e revisionati dai partecipanti al progetto, fruibili da lettori di tutte le età. Alphonse Daudet, Guy de Maupassant, Ramón del Valle-Inclán sono solo alcuni dei nomi degli autori scelti per questa raccolta, i cui scritti vanno ad alternarsi a leggende tramandate nel corso dei secoli e contributi di scrittori meno gettonati ma non per questo meno interessanti. Tra sacro e profano, queste pagine accolgono narrazioni che vedono come protagonisti angeli e diavoli, folletti e streghe, ricchi e poveri, animali parlanti e personaggi classici del mondo religioso. Storie che fanno sognare o riflettere, che sanno emozionare, che talvolta si trascinano dietro un pizzico di amarezza o malinconia.








Alla prossima


Così chiamò l'eterno

Recensione: Così chiamò l'Eterno, di Guia Risari

07:00

Così chiamò l'Eterno, di Guia Risari




Titolo: Così chiamò l'eterno

Autore: Guia Risari

Editore: Stampa Alternativa

Data di pubblicazione: 2018

ISBN: 978-88-6222-634-9

Pagine: 200, 

Prezzo: € 16,00

Sinossi:
Si tratta di una parodia della Genesi, un'opera umoristica e scanzonata che nasconde una riflessione profonda sull'esistenza.
Da un lato c'è un Eterno, cultore delle scienze esatte e della perfezione; dall'altro la materia proteiforme e i viventi imprevedibili che cambiano il corso degli eventi, sconvolgendo il senso della creazione. 
Poi c'è Lucifero, che brilla di luce propria, nel bene e nel male.


Recensione:


Oggi sono qui a recensire Così chiamò l'eterno, di Guia Risari. Questo romanzo è una rivisitazione in chiave ironica e scanzonata della Genesi, raccontata in modo intelligente e divertente. Ammetto di non aver letto molte parti della Bibbia, ma ho sempre trovato affascinante la Genesi, nella quale Dio crea la perfezione del tutto nel giro di pochi giorni, per poi lasciare nelle mani delle sue creature i loro destini. Ormai la scienza ci ha spiegato che la creazione dell'universo non è stata così veloce, ma la Genesi rimane una delle parti più conosciute della Bibbia. 


Ho scelto di leggere questo libro anche perché mi piacciono le parodie e le trovo un sistema perfetto per far riflettere, quando come in questo caso sono fatte con intelligenza e con la giusta dose di ironia.
Il protagonista è nientedimenoche l'Altissimo, l'Eterno, l'Ineffabile. Un Dio che soffre di noia e di solitudine e che per questo crea pianeti ed esseri viventi da osservare e che possano fargli compagnia nel lento scorrere dell'eternità.


La storia scorre seguendo i punti cardine della Genesi, partendo quindi dalla creazione della Terra, Dio prosegue con i vari esseri viventi, fino a decidere di creare Lucifero, che secondo me è il personaggio più interessante, vista la sua continua ricerca di comprensione e di conquista di ciò che non capisce e che non ha. 
Lucifero è perfetto, immortale, bellissimo, ma si ritrova a invidiare ad Adamo la sua fisiologia imperfetta e la sua necessità di avere una compagna. Riconosce il valore della sua perfezione, ma non per questo riesce a pensare a un'eternità solitaria, quando prova a spiegarlo all'Ultraterreno lui non riesce a comprendere il desiderio del suo Angelo e gli crea altri angeli, cosa che lo renderà tutt'altro che felice.


Gli altri personaggi, li conosciamo tutti, sono Adamo ed Eva: lui rozzo, forte e rassicurante, lei portata alla protezione. Entrambi spinti dai desideri primordiali, come tutti gli altri animali che abitano il pianeta.


Lo stile dell'autrice è ironico e molto scorrevole, rende la lettura un vero piacere. Il linguaggio ricco e sempre adatto al contesto della narrazione permette di apprezzare l'ironia e l'intelligenza di questa rivisitazione della Genesi che molto probabilmente rileggerò. Faccio i complimenti all'autrice.






c'è posta per noi

C'è post@ per noi... #301

08:36

Buona domenica lettori! Rieccoci con le nostre segnalazioni domenicali tutte nel segno del tricolore, come sempre.











Titolo: Il Cuore degli Dèi
Autore: Dario Lo Cascio
Casa editrice: Lettere Animate
Genere: fantasy
Anno di pubblicazione: 2018
Pagine: 372

Sinossi: Gli Dèi hanno donato all’uomo il Cuore, la saggezza, un gioiello dal potere infinito. Ma l’uomo ne ha approfittato e ora il Cuore è perso per sempre. Dopo secoli di oblio però un ragazzo senza memoria del passato sembra lì;ultimo possibile collegamento con l’oggetto che tutti bramano. Aiutato da alcuni, inseguito da altri, Demian partirà per un lungo viaggio alla ricerca delle sue origini e, soprattutto del Cuore degli Dèi, che potrebbe gettare luce sulla nebbia che lo circonda. Due antiche organizzazioni che lo braccano, una corsa verso un futuro ignoto tanto quanto quello che ha alle spalle. Senza potersi davvero fidare di nessuno.

L’autore: Dario Lo Cascio (Palermo, 1985), è giornalista di professione e scrittore per passione. Dopo aver completato gli studi si dedica al percorso accademico, culminato con una laurea magistrale nell’ambito della comunicazione, conseguita nel 2016 all’Università degli Studi di Messina. Parallelamente la carriera lavorativa, con la collaborazione con diverse testate e l’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti nel 2014.
Senza trascurare la scrittura. Oltre a Il Cuore degli Dèi, suo primo romanzo, dal 2016 rende disponibile tramite piattaforma di selfpublishing una raccolta di racconti realizzati negli ultimi dieci anni, intitolata Sedici protagonisti indisponenti.


Titolo: Meccanismi d’amore e altri ingranaggi
Autore: Clemente Ernesto Aiello
Casa Editrice: Santelli Editore
Data di pubblicazione: 26/11/2018
Pagine: 198

Sinossi: Meccanismi d’amore e altri ingranaggi recupera memorie lontane e sepolte, nella speranza di
trovare un solido fondamento d’identità che si è smarrito durante un continuo confronto con la realtà viva e spesso crudele del presente. La raccolta di poesie tenta di riaffermare un dialogo tra uomini e donne, aggrappati alle speranze residue di una solidarietà che possa permettere di definire
la vita “umana”. Una musicalità plasmata su componimenti di breve e media lunghezza forgia un ritmo ricercato sul verso libero, alla ricerca di una via nello smarrimento dell’esistenza.


Titolo: Ciò che non viviamo.
Autrice: Maria Capasso
Casa Editrice: Un cuore per capello
Genere: Introspettivo, romantico.
Pagine: 64
Formato: ebook e cartaceo.

Sinossi: Dove finisce ciò che non viviamo e i sentimenti repressi?
Da nessuna parte, restano dentro di noi ad ammuffire.
Viola e Micol hanno finto di non accorgersi che la loro non era un’amicizia, ma qualcosa di molto
più profondo, vivendo nell’ombra di un sentimento mai rivelato.
Avranno un epilogo felice oppure incerto?

L’autrice: Mi chiamo Maria e sono nata a Napoli nel 1992. Da piccola ho coltivato la passione per la lettura. Crescendo ho coltivato passioni come la scrittura e approfondimenti su diversi tipologie di letteratura, e biografie su miei scrittori preferiti. Leggere e scrivere per me è necessario come la colazione al mattino: indispensabile!


Titolo: Placebo
Autrice: Giulia Savarelli
Casa Editrice: Santelli Editore
Data di pubblicazione: 29/11/2018
Pagine: 68
Genere: new weird

Sinossi: Placebo è una bambola di porcellana che passa il suo tempo libero vendendo siringhe piene di illusioni, cibo clandestino che ormai nutre gli animi stanchi delle persone, divenute nel corpo e nell’anima nient’altro che esseri di plastica e materiali sintetici. C’è però un motivo se Placebo, con
il suo volto aggraziato e le sue delicate movenze, ha scelto proprio questo mestiere: deve guadagnare almeno cento monete d’argento per potersi avvicinare a Frisson, giovane danzatore di carillon del quale è follemente ossessionata e dimostrare a lui e a tutto il suo mondo che sotto il peso di una pelle sintetica può ancora battere un cuore e scorrere del sangue, sinonimi di vita, ma di vita vera. La Bambina che disegnava fumetti, il Clown, le Maschere apatiche, una schiera di soldatini di piombo vivono luoghi bizzarri e decadenti insieme alla bambola, impersonando questioni attuali e problematiche, quali tossicodipendenza, prostituzione e sete di potere.





Diana Mistera

Recensione: Il demone dello specchio - Diana Mistera

08:00


TitoloIl demone dello specchio 
Serie: Orpheus #2
Autore: Diana Mistera
Editore: Lettere Animate
Pagine: 282
Prezzo: cartaceo - € 13.60; - ebook - € 2,99

Trama
Per Geena, giovane sensitiva e Orpheus, il suo amato rocker, non è semplice trovare del tempo da passare insieme.Una vacanza in Romania sembra il momento ideale per poter finalmente vivere la loro storia d’amore, ma quella che doveva essere una vacanza romantica si trasformerà ben presto in un incubo. Alcune carte verranno scoperte. Geena verrà a conoscenza di cose del suo passato che la segneranno per sempre e Orpheus ritroverà i ricordi perduti.Il Demone dello Specchio è l’attesissimo seguito di Orpheus, dove tutto quello che pensavate di sapere verrà capovolto.




Recensione


Prima di iniziare volevo scusarmi con l'autrice per l'enorme ritardo con cui arriva questa recensione; sono stati dei mesi un po' frenetici e ho avuto pochissimo tempo per le letture.
Ma ora torniamo a noi! Per chi non ha letto il primo libro sconsiglio la lettura di questa recensione in quanto potrebbero esserci possibili SPOILER.

In questo secondo capitolo ritroviamo i personaggi lasciati in "Orpheus". Geena e Orpheus sono sempre più innamorati, anche se non è facile per loro poter trovare il tempo da trascorrere insieme; vivono due vite troppo diverse. Nonostante ciò riescono a ritagliarsi del tempo e partono insieme per la Romania. Non sarà proprio un viaggio di piacere perchè Geena dovrà condurre un'intervista che sarà determinante per la sua tesi di Laurea.
Nella recensione del primo libro (la potete trovare qui) avevo palesato il mio "scontento" nel fatto che non solo il libro finiva con un grande punto interrogativo ma che non ci veniva spiegato nulla, infatti avevo definito quella lettura come un'introduzione a quella che sarebbe stata poi la storia vera e propria. Non mi ero sbagliata, infatti, in "Il demone dello specchio" entriamo nel vivo della storia e ci vengono fornite una serie di delucidazioni che ci aiuteranno a mettere i tasselli nei posti giusti.
Tutte le certezze che abbiamo acquisito durante la lettura vengano capovolte più volte rendendo la lettura intrigante e avvincenti.

Le verità che abbiamo scoperto rispondono in maniera esauriente a tutte le domande che mi ero posta. Finalmente riusciamo ad inquadrare bene la situazione generale, possiamo fare delle congetture sul futuro svolgimento dei fatti anche se l'autrice abilmente è riuscita a capovolgere tutta la situazione, distruggendo le ipotesi che mi ero costruita. Ho imparato a non dare nulla per scontato.

Anche per "Il demone dello specchio" abbiamo un finale che ci lascia l'amaro in bocca, dovremo aspettare il prossimo libro per sapere cosa succederà.

La storia mi è piaciuta un sacco, i nuovi elementi aggiunti sono stati geniali e trattati in maniera adeguata. L'unica nota negativa è stata l'indecisione della protagonista.


In conclusione, vi consiglio di leggere questa serie in quanto merita un'occasione.
Spero di poter leggere il continuo tra breve tempo.



4 cuori -







Casa Surace

Recensione QUEST'ANNO NON SCENDO di Casa Surace

08:00


Quest'anno non scendo 
di Casa Surace
Sperling & Kupfer | 290 pagine
ebook €8,99 | cartaceo €16,90
27 novembre 2018


Antonio Capaccio è un giovane del Sud trapiantato al Nord. Dopo anni da fuorisede, tra università e stage, sta finalmente per raggiungere l'agognato obiettivo di ogni precario: il posto fisso. Ma è un sogno che si realizza a caro prezzo: Antonio dovrà restare a Milano durante le imminenti feste di Natale. Potrebbe sembrare una buona notizia, ma non per una famiglia del Sud: sua madre Antonietta, ricevuta la telefonata sul baldacchino che la porta in processione per le vie del paese nelle vesti di Santa Lucia, grida disperata, tra la folla scoppia il caos e mezzo paese finisce in ospedale. Al capezzale della moglie, Rocco Capaccio si gioca tutte le promesse che un uomo non farebbe mai, purché lei si risvegli. Arriva a giurare di portarla fino a Milano per trascorrere il Natale insieme al figlio. E allora, miracolosamente, la donna apre gli occhi. Inizia così, a bordo di uno scassatissimo furgone Volkswagen anni Settanta, il viaggio verso Nord della famiglia Capaccio: genitori, nonni, fratello, zia, cugini e pure amici al seguito. Qualcuno affronta quei mille chilometri di asfalto con un desiderio segreto nel cuore: chi vuole fuggire per sempre dal paese, chi sfondare nella musica, chi ritrovare un amore perduto. Ci saranno sorprese e avventure, imprevisti e rivelazioni, tra epiche sfide di nonne ai fornelli, gemellaggi etilici Sud-Nord, nuovi amori e vecchi rancori. La famiglia rischierà di scoppiare, la destinazione sembrerà irraggiungibile. Ma al grido «Nulla separa una famiglia a Natale», i Capaccio saranno pronti a sfoderare un intero arsenale di astuzie e tradizioni pur di compiere quella missione impossibile. Tuttinsieme: perché una famiglia è una famiglia solo quando non si divide. Con "Quest'anno non scendo", gli autori e fondatori di Casa Surace - Simone Petrella, Daniele Pugliese e Alessio Strazzullo - firmano il loro primo romanzo.


La mia recensione.
Cosa succede se Antonio viene finalmente assunto a tempo indeterminato in una ditta milanese e non riesce a tornare a casa a San Vito per le feste di Natale? Un vero e proprio '48, con tanto di incidente durante la processione di Santa Lucia che porta tutta la banda del paese al pronto soccorso. Ma al grido di " La famiglia Capaccio non lasciava nessuno indietro. Mai" tutta la famiglia di Antonio fa armi e bagagli, carica il Volkswagen Transporter T25 panna e marrone e parte alla volta di Milano per fare una sorpresa al figlio. Il tragitto non sarà rettilineo e tra salti a Roma per incontrare il Papa e cambi di itinerario che li porteranno a perdersi nell'inesistente Molise, non sarà facile per il gruppo festeggiare con Antonio.

Se anche voi, come me, non amate tanto i libri spiccatamente natalizi ecco un'alternativa che fa per voi, in cui il Natale aleggia ma non si manifesta nel suo lato più pacchiano e commerciale e in cui soprattutto avrete modo di divertirvi davanti alle tragicomiche avventure dei Capaccio.
Il punto forte del romanzo sono gli stereotipi, quei luoghi comuni che spesso si sentono sul Sud, sul Nord e sulle famiglie in generale. Solo che qui, invece che essere stucchevoli macchiette, vengono talmente esagerati da diventare divertenti e ironici ma anche spunti per riflettere un po' sul concetto di famiglia, di provenienza e appartenenza e di Natale.
Tra una disavventura e l'altra (e soprattutto tra un pentolone di ragù e l'altro di nonna Rosa) il gruppo di Casa Surace esce dallo schema del social network per parlarci di famiglia e soprattutto di unione e condivisione. I Capaccio sono una famiglia grande e chiassosa che però mette in piazza tutta la proprio unione e l'amore, che accoglie anche chi di famiglia non è, che non può non festeggiare tutta riunita il Natale, anche se si devono fare tanti chilometri e festeggiarlo nella lontana Milano. 

Insomma, in un periodo in cui luci e decorazioni spuntano in ogni dove, in cui il regalo impera e le canzoncine natalizie ci inseguono ovunque, Quest'anno non scendo è un'ottima alternativa per parlare di Natale in maniera diversa, ma soprattutto per riflettere sul concetto di famiglia e di condivisione. Il vero significato del Natale non è nel fare l'ennesimo regalo, ma forse nello sforzarsi in tutti i modi per rendere una famiglia tale, unirla e riunirla, non importa dove o come, se davanti ad un albero adorno o nel lungo meno natalizio che vi venga in mente. L'importante in fondo è stare insieme... certo, se ci sono le orecchiette di nonna Rosa è meglio!

Voto


Alla prossima



c'è posta per noi

C'è post@ per noi... #300

08:00

Buona domenica, lettori!
eccoci arrivati ad una nuova puntata della nostra amata rubrica!











Respira con me - Gabriele Morandi


Titolo: Respira con me
Autore: Gabriele Morandi 
Pagine: 182
Prezzo: 12,00 €

Sinossi: 
Thomas, studente americano in Italia, sta per tornare negli Stati Uniti, quando riceve un’allettante offerta di lavoro da parte della Betelgeuse, una bizzarra agenzia fiorentina. Incredibile colpo di fortuna o l’inizio di un incubo? Tutto appare come assurdo in quel luogo agli occhi del giovane assunto, a iniziare dalla sede stessa della ditta, il Palazzo della Medusa, nascosto e sconosciuto edificio nel cuore della città rinascimentale, talmente particolare da sembrare… vivo. Il primo giorno del suo nuovo lavoro, Thomas riceve un misterioso biglietto: “Guardati dall’11 Novembre”. Potrebbe essere solo lo scherzo di cattivo gusto di un collega, ma in realtà quella data nasconde un inquietante segreto. Thomas troverà le risposte nella storia della città, che scoprirà essere molto più oscura e inquietante di quella che credeva.



Biografia:
Gabriele Morandi, nato a Firenze nel 1967. Con Intrecci Edizioni ha già pubblicato Come si arriva all’alba (2017), e con Istos Edizioni L’Abisso del Cielo (2016). Lavora presso il Dipartimento di Mediazione Culturale e di Accessibilità delle Gallerie degli Uffizzi di Firenze.




Razioni d'amore - Silvia Menini


Titolo: Razioni d'amore
Autrice: Silvia Menini
Editore: Butterfly Edizioni
Collana: Digital Emotions
Genere: Romance
Data di uscita: 27 Novembre 2018
Prezzo: 2,99€

Sinossi: 
Si era promessa di realizzare i suoi sogni più grandi entro i trent'anni: avere un lavoro, un marito e un figlio. Ma niente è andato come aveva sperato e programmato. Insoddisfatta della sua vita e di se stessa, Martina si sente inutile, inadeguata, sola e ha mille paure. L'unica cosa su cui ha il controllo è il cibo: comincia così il suo calvario fatto di una magrezza sempre più evidente. La sua voglia di rendersi invisibile però è solo un urlo silenzioso che vuole essere ascoltato. Perché Martina ha bisogno di comprensione, di occhi che vedano al di là del suo fisico esile, di abbracci stretti e di un amore intenso. Per aiutare il suo migliore amico dovrà intervistare un sopravvissuto dell'Olocausto e scoprirà che è sempre possibile toccare il fondo e poi risalire e che dobbiamo perdonare i nostri errori e non perdere il sapore della vita. Perché non bisogna amarsi e amare con il contagocce, non si può risparmiare sull'amore.





Jordan + April - Anita S. 

Titolo: Jordan + April
Autrice: Anita S.
Editore: Butterfly Edizioni
Collana: Love Self
Genere: Romance
Data di uscita: 30 Novembre 2018
Prezzo: 2,99€




Sinossi: 
Jordan Dubois è un professore universitario segnato da un matrimonio finito in tragedia. È deciso a non lasciare spiragli al suo cuore per paura di essere ferito di nuovo. Nessuna illusione, nessun coinvolgimento e nessun dolore.
April Spector è una studentessa di giornalismo che sta cercando di scappare da una vita che le va stretta e da un padre che la soffoca. Si incontrano una sera per caso e condividono un momento di sfrenata e intensa passione, alimentata dal fatto di essere due perfetti sconosciuti. Nessuno dei due immagina che il destino ha in mente di farli incontrare ancora, nella stessa aula e nello stesso palazzo. E mentre dovranno fare i conti con i fantasmi del proprio passato e con gli ostacoli del presente, riusciranno anche a tener a bada il desiderio alimentato dalla loro attrazione?




Inaudito Amore - Anna Vito

Titolo: Inaudito Amore
Autrice: Anna Vito
Editore: Delos Digital 
Genere: Romance, Paranormal Romance
Data di uscita: Novembre 2018
Pagine: 409
Prezzo: 2,99€

Sinossi:
Amanda, giovane cameriera in un elegante albergo di Flagstaff in Arizona, è una ragazza piena di passione e di insicurezze: sogna di emanciparsi, di maturare e di incontrare il vero amore che mai fino ad ora è riuscita a immaginare. Il caso la fa incappare in Eric ed Evan, due uomini misteriosi e fatalmente opposti. Eric è sensibile, timido, educato e pieno di premure. Evan è cupo, autoritario, tormentato e sicuro di sé. Ma il cuore di Amanda non ha dubbi, batte solo per Evan, nonostante questi riveli a più riprese il suo essere sfuggente, contraddittorio e tempestoso. In tanti consigliano ad Amanda di lasciarlo perdere; dicono che Evan sia un violento, un inaffidabile. C’è infatti un terribile, inaudito segreto che caratterizza l’atmosfera dell’hotel di Flagstaff e la vita stessa di Evan. Il ragazzo nasconde la sua tragica natura e da sempre lotta contro il mondo, contro se stesso e contro nemici agguerriti e insospettabili. Quando Amanda riuscirà a farsi strada nel cuore del suo amato, dovrà anche confrontarsi con la più atroce e ingestibile delle verità. E allora l’amore inebriante si trasformerà in un’inquietudine mostruosa, il reale cederà il posto all’assurdo e un’avventura portentosa trascinerà via il cuore innamorato di Amanda.

Biografia: 
Anna Vito nasce a San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, nel 1992. Da sempre appassionata di letteratura, per vivere si è specializzata nel campo finanziario assicurativo, lavorando in un’agenzia di assicurazioni, per poi diventare da poco capostazione.





Spero che queste segnalazioni siano di vostro gradimento :)



Annamaria Murano

Recensione: "CICATRICI D'ORO" di Annamaria Murano

12:00


Titolo: Cicatrici d'oro

Autore: Annamaria Murano

Editore: Santelli

Pubblicazione: Ottobre 2018

Pagine: 96


SINOSSI

La protagonista di "Cicatrici d'oro" ha la sua migliore amica ridotta in fin di vita dall'ex compagno, come accade a moltissime donne che ogni giorno subiscono violenze fisiche e psicologiche. In attesa del risveglio della donna, vengono ricordati i tanti bei momenti passati insieme all'insegna dell'amicizia: gli anni della scuola, i compleanni, le feste natalizie, i viaggi, la famiglia, la vita di tutti i giorni. I tempi, a volte presenti a volte passati, rendono l'idea del senso di confusione della protagonista, costretta a vedere in grave condizioni la propria amica, nella speranza di una ripresa fisica ed una ancor più difficile ripresa psicologica.


RECENSIONE

Un letto di ospedale, quattro pareti, una donna in fin di vita e un’altra al suo capezzale. Una scena semplice, scarna e terribilmente brutale, permette ad Annamaria Murano di far emergere quelle che sono paura, rabbia, impotenza e volgarità, ovvero quelle terribili parole cucite addosso alle vittime di violenza. La violenza sulle donne è, infatti, la delicata tematica affrontata in Cicatrici d’oro, attraverso le parole che una ragazza rivolge all’amica ridotta in fin di vita. Passato e presente si fondono e si confondono, facendo risaltare in maniera ancor più evidente le atrocità delle percosse. La voce narrante ripercorre tutte le tappe di un’amicizia speciale, tra due donne che si sono legate indissolubilmente l’una all’altra fin dall’infanzia. Ecco che allora tornano i ricordi di scuola, i giochi, i regali scambiati con un sorriso, le prime confidenze, le piccole grandi esperienze condivise senza lasciarsi mai. Ma anche l’amicizia più forte diventa impotente di fronte alla violenza. Quando l’amore diventa prigione, quando i baci diventano lividi, quando le parole dolci diventano minacce di morte, cosa può fare una donna per salvare la propria migliore amica? Cosa può fare una donna per salvare sé stessa?
Annamaria Murano sceglie una formula tanto semplice quanto diretta per affrontare una tematica delicata, di cui non si parla mai abbastanza e che diventa un labirinto senza uscita per chi se ne ritrova coinvolto. Proprio questo emerge dalle parole dell’autrice: l’impotenza. Sapere la verità ma non poter fare nulla. Voler reagire ma avere paura delle conseguenze. Tentare di aiutare ma rischiare di peggiorare le cose. Lo stile narrativo scelto dall’autrice, un io narrante che si esprime tra frasi interrotte e puntini di sospensione, è particolarmente efficace: l’ansia, la paura, la disperazione di un’amica arrivano al lettore con immediatezza, rendendosi veicolo perfetto di un messaggio delicato.
Un libro consigliato a tutti, tanto alle donne quanto agli uomini di tutte le età.
Pagine capaci di creare un momento di riflessione e, soprattutto, di avvicinare ad una tematica che ad oggi non ha ancora trovato una risoluzione.











Annie

Recensione: "FATE IL VOSTRO GIOCO" di Antonio Manzini

07:00


Titolo: Fate il vostro gioco
Autore: Antonio Manzini
Serie: Rocco Schiavone #7
Editore: Sellerio
Pagine: 391
Prezzo: € 15

TRAMA
Rocco è a terra, tradito da Caterina che ha lasciato la questura di Aosta, abbandonato dagli amici, anima in pena si aggira per la città con la sola voglia di rapporti carnali e privi di senso. Si complica anche il suo legame quasi paterno con l’adolescente suo vicino di casa, Gabriele, perché nella storia irrompe finalmente la madre, Cecilia, un personaggio fragile, buio, contraddittorio. Questa volta il vicequestore Schiavone deve vedersela con una storia di ludopatia, di avidità. Andando su e giù da Aosta al casinò di Saint-Vincent distante una manciata di chilometri si scontra con le incongruenze di uno Stato che lucra sul fallimento di famiglie trascinate nel fondo del barile dal demone del gioco d’azzardo. Nonostante la complessità dell’indagine Rocco non dimentica e cerca di ricucire i rapporti coi suoi amici romani: Sebastiano è ai domiciliari, Furio e Brizio a malapena gli rivolgono la parola. Ma l’impresa è resa più difficile perché l’ombra di Enzo Baiocchi, catturato dalla polizia e diventato ormai un pentito, si allunga ancora sulla vita del vicequestore. Le sorprese che il destino ha in serbo per Schiavone non sono finite e le domande cui dare una risposta sono tante: che fine ha fatto Caterina? Per chi lavorava? E perché la procura riprende a indagare sulla morte di Luigi Baiocchi?

LA MIA OPINIONE
Rocco non potrebbe stare peggio.
Tradito da Caterina, che considerava il suo braccio destro e della quale si era seriamente infatuato e abbandonato dai suoi amici dopo l'arresto di Sebastiano, sembra che questa volta abbia toccato di nuovo il fondo.
Il vicequestore, però, non può lasciarsi trasciare dagli eventi. Da risolvere c'è un omicidio, una nuova rottura di decimo livello, legato all'ambiente del casinò di Saint-Vincent.
Per scoprire colpevole e movente, Rocco dovrà addentrarsi non solo nel mondo del gioco d'azzardo, ma anche in quello della ludopatia, che inghiotte le persone in una spirale dalla quale, potrà verificare con i suoi occhi, è difficilissimo uscire.
È propro così che inaspettatamente conosce Cecilia Porta, la madre del suo giovanissimo vicino di casa, Gabriele, con il quale ormai ha un rapporto quasi paterno. La donna, piena di debiti perché dipendente dal gioco, sembra la principale indiziata per l'omicidio su cui sta indagando Rocco, ma la verità è molto più complessa...

Non mi stancherei mai di leggere i romanzi di questa serie. Credo di averlo già scritto in più di una recensione, perché è davvero così. Le storie, le indagini di Rocco, non smettono mai di interessarmi.
Manzini infatti sa esplorare l'animo umano in modo non superficiale né banale, sviscerando gli istinti più nascosti, i vizi, i segreti che non possono essere rivelati e affibbiandoli a personaggi che sono credibili, umani.
In questo romanzo lo vediamo in particolar modo con Cecilia e Italo, che rischiano di affogare nei debiti di gioco ma che continuano comunque a giocare, a ricadere nell'abitudine per sfidare la fortuna.

Ma soprattutto quallo che rende unici questi romanzi è Rocco, che si scopre capace di rimanere a galla nonostante i pesi che lo vogliono affondare, che non sono pochi. Il tradimento di Caterina lo ha segnato profondamente, perché raramente si fida delle persone e scoprire che questa volta ha sbagliato del tutto gli fa male. Dall'altra parte gli fa ancora più male sapere che i suoi amici non si fidano più di lui, in primis Sebastiano, che sconta i domiciliari confinato nel suo appartamento.
Dall'arresto, nemmeno Furio e Brizio gli parlano molto e di certo non si fidano più di lui come prima.
E poi c'è Baiocchi, che ha deciso di ultimare la sua vendetta contro Rocco rivelando alcune notizie non da poco su un passato che non sembra più così lontano.
In questa situazione Rocco è sicuramente segnato, appesantito, stanco. A tenerlo a galla, paradossalmente, sono il suo lavoro ed il rapporto con Gabriele, due cose che di solito gli stanno sullo stomaco ma che in questo frangente sono la sua ancora.
I pesi da portere, però, stanno diventando troppi e spero che nei prossimi romanzi della serie Rocco si possa finalmente liberare almeno di qualcuno di questi.

E ancora una volta non posso che consigliarvi questa serie e se l'avente già cominciata e siete dei fan di Rocco, ovviamente anche questo romanzo. Schiavone non vi deluderà.





All'ombra del tuo cuore - Adriana Romanò

C'è post@ per noi... #299

08:00



Buona domenica lettori!
Come procede questo fine settimana festivo? Avete fatto l'albero e addobbato casa? Io ho preparato finalmente il mio bell'albero di Natale e, bisogna proprio ammetterlo, la casa si fa subito più allegra con tutte quelle belle lucine! Ma vorremo mica lasciarlo privo di qualche pacchetto ? Naaaaa! E qui vi veniamo in aiuto noi di Italians con qualche segnalazione... magari uno di questi libri finirà nella vostra letterina al caro Babbo Natale...



Vali ogni rischio
di Giovanna Roma
selfpublishing | 538 pagine
ebook €2,99 | cartaceo €14,30
20 ottobre 2018 | scheda Amazon


La notte in cui il Comandante dell’esercito è entrato in teatro, io ero su quel palco. La più giovane tra le ballerine classiche, la più testarda tra le ragazze che lui avesse mai incontrato. La famiglia per la quale versava sangue era la finanziatrice della Compagnia, la stessa che decideva il nostro futuro. Ho fatto di tutto per coronare il mio sogno, spingendomi persino a stringere un accordo con quel vizioso di Stefàn Nazir. Sono stata ingenua, lo ammetto. Avrei dovuto prestare più attenzione alla sua arroganza e meno all’oceano degli occhi. Ben presto il suo nome ha provocato un nodo allo stomaco e i colibrì nel petto. Ora è impossibile prevedere le conseguenze. Mi aveva avvertita di non conoscere sconfitta e io gli ho giurato battaglia. Nascondo più di quanto crede, e non mi fermerò finché non avrò raggiunto lo scopo. Un accordo violato. Una prigionia cospirata. Una guerra imminente. Quale sarà la sua prossima mossa?



All'ombra del tuo cuore
di Adriana Romanò
Bibliotheka Editore | Rosa | 152 pagine
ebook €4,99 | cartaceo €12,00
16 agosto 2018 | scheda Amazon 


Nora frequenta l'ultimo anno di liceo nel prestigioso istituto "Pretiosa", frequentato da "figli di papà". Accanto a Nora c'è l'inseparabile amico Michael e la timida Angelica. I tre fanno parte del gruppo dei cosiddetti "sfigati", spesso derisi, ghettizzati, perlopiù ignorati dalla massa. In piena contrapposizione a questo terzetto, c'è il Trio, ossia i tre ragazzi più famosi e temuti dell'istituto. A capo della comitiva, svetta Filippo, detto il Boss, figlio di uno dei più grossi finanziatori dell'Istituto. Il Boss regna incontrastato su tutta la scuola e nessuno ha mai osato mettersi contro di lui. Almeno finché Nora, per difendere Michael, non lo prende a schiaffi davanti a tutti. Da quel momento, l'esistenza della ragazza, e di conseguenza dei suoi amici, cambia drasticamente.



L'illusione della fenice
di Demetrio Verbaro
PubMe | 257 pagine
ebook €0,99 | cartaceo €12,99
16 novembre 2018 | scheda Amazon


Il romanzo è diviso in tre storie che si svolgono in luoghi geografici diversi e in momenti storici differenti. Tre vicende che narrano di amore, sofferenza, vita, speranza, cadute e rinascite. I protagonisti sono legati da qualche filo visibile e da molti invisibili, come i personaggi di uno spettacolo di marionette fatte muovere da un abile burattinaio. Ma cosa possono avere in comune Sara, una contadina sedicenne rimasta suo malgrado incinta, che vive nel periodo del dopoguerra a Mosorrofa, un piccolo paese della Calabria, aggrappato all'Aspromonte, con Amy, un'attrice che lavora nel mondo del porno nella Los Angeles degli anni 90, con Sadie, una neolaureata con il massimo dei voti alla facoltà d'ingegneria del Politecnico di Zurigo nel 2034?




SICE Polveri sottili 
(Sice #2)
di Fernando Santini
DZEdizioni | 182 pagine
ebook €3,49
25 dicembre 2016 | scheda Amazon 


Sergej, un killer russo sfuggito agli arresti che hanno chiuso le precedente indagine di SICE, è libero. Ora il vicequestore Gottardi deve decidere se accettare l'aiuto di ARCO, con tutto ciò che ne consegue, o se affidarsi esclusivamente ai suoi uomini.
Nel frattempo fantasmi provenienti dal passato lo portano a indagare su un traffico di rifiuti tossici molto pericolosi, che sono già costati la vita a un uomo e che rischiano di mettere in pericolo anche la vita di un gruppo di bambini. Gottardi e la sua squadra dovranno agire in cretta e con determinazione, attenti ancora una volta a intuire di chi possano fidarsi e da chi, invece, devono guardarsi.

Alla prossima


Fernando Santini

RECENSIONE: “SICE - Polveri sottili” di Ferdinando Santini

07:30

Titolo: SICE - Polveri Sottili 

Autore: Fernando Santini
Editore: Dark Zone Edizioni
Genere: Giallo
Pagine: 273
Formato: Ebook-Cartaceo
Prezzo: EBook €3,49-Cartaceo €14,90


Trama:
Sergej, un killer russo sfuggito agli arresti che hanno chiuso le precedente indagine di SICE, è libero. Ora il vicequestore Gottardi deve decidere se accettare l'aiuto di ARCO, con tutto ciò che ne consegue, o se affidarsi esclusivamente ai suoi uomini.
Nel frattempo fantasmi provenienti dal passato lo portano a indagare su un traffico di rifiuti tossici molto pericolosi, che sono già costati la vita a un uomo e che rischiano di mettere in pericolo anche la vita di un gruppo di bambini. Gottardi e la sua squadra dovranno agire in cretta e con determinazione, attenti ancora una volta a intuire di chi possano fidarsi e da chi, invece, devono guardarsi.


Recensione:
Un argomento spinoso e purtroppo molto attuale: il traffico di rifiuti tossici. Questo l’argomento trattato da Fernando Santini nel nuovo romanzo della serie SICE, i cui protagonisti sono ancora il vicequestore Marco Gottardi e la sua squadra, che si troveranno ad affrontare un gruppo di criminali senza scrupoli, con l’aiuto non richiesto di ARCO, l’associazione segreta di giustizieri fai da te, che abbiamo conosciuto nel romanzo precedente.

Il libro è scorrevole, mai noioso e ricco di particolari. Si percepisce, infatti, lo studio che l'autore ha effettuato sulla tematica dei rifiuti tossici. La banda di delinquenti in questione, scarica i rifiuti pericolosi vicino a centri abitati, in giardini o lungo le rive dei torrenti e stavolta saranno dei bambini a farne le spese, particolare che vi farà indignare ancora di più nei confronti del Marchese de Prosperis e la sua gang di delinquenti. I personaggi sono stati costruiti davvero bene, e proprio il Marchese evidenzia come nel mondo del crimine, se si è marci dentro, non esistono classi sociali e come anche un aristocratico apparentemente insospettabile, possa essere coinvolto in crimini aberranti.

Consiglio Polveri Sottili a tutti gli amanti del crimine, nell’attesa di una nuova avventura di SICE vs Arco e vi lascio con un breve estratto tratto dal romanzo!
«Dimmi.»
«La faccenda è grossa. Il vostro uomo a Padova è il Marchese
Rodolfo De Prosperis. Il Gatti ha confessato che con il Varani ha lavorato per lui, poi i due si sono messi in proprio e lui ha inviato un paio di russi, gli uomini che voi avete seguito,
157
a dare una lezione al Varani, che aveva avuto l’idea di diventare indipendente. Il terreno dove il Gatti si è recato alcune sere fa appartiene a una società delle Cayman i cui soci occulti erano lui e il Varani. In quel terreno ha sede un vivaio. Il Gatti e il Varani erano soliti mischiare la terra con rifiuti tossici. Poi dei camion trasportavano la terra, apparentemente innocua, per riempire giardini, prati, argini dei fiumi.»
«Bel sistema.»

«Lo ha inventato il marchese. Quindi, ora stategli addosso.»