Guia Risari

Recensione: La tigre di Anatolio di Guia Risari

07:24

Titolo: La tigre di Anatolio
Autori: Guia Risari
Editore: Beisler Editore
Prima edizione: Settembre 2018
Pagine: 33

Trama: Sin da piccolo Anatolio ha una passione smodata per le tigri. Disegna felini, indossa ciabatte striate, ruggisce persino quando è arrabbiato. Ma il fatto più sorprendente è che la sua compagna di giochi preferita è proprio una tigre in carne e ossa, che pesa duecentocinquanta chili ed è lunga tre metri. Una tigre feroce e affamata come tutte le tigri, ma che accanto al bambino diventa buona, paziente e affettuosa.






Recensione:


Questo racconto per bimbi narra le vicende di Anatolio, un ragazzo amante dei dipinti e delle tigri. Il bimbo, infatti, disegna sempre grandi felini striati e, a volte, risponde pure con un ruggito. Anatolio possiede persino una tigre vera, una di quelle che mettono paura.
Quello che fa divertire è che Anatolio tratta la sua tigre alla pari di un qualsiasi altro animale domestico:  dalle passeggiate al parco, con divieto di mangiare bimbi e vecchietti, fino alla lettura di fantastiche avventure che terminano con una leccatina affettuosa, simile a quella che spesso ci viene concessa dai nostri cani.
La tigre di Anatolio è, a mio giudizio, persino spassosa quando cerca di sorridere alle persone che incontra per strada, evitando di spaventarle col suo ghigno.
Un libro carinissimo che insegna ai nostri bimbi il rispetto e l’amore per tutti gli animali, anche quelli più feroci e selvaggi. Deliziose le illustrazioni.




 





Manuale di sopravvivenza per ragazze in crisi (economica)

Recensione: MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER RAGAZZE IN CRISI (ECONOMICA) - SARA LORENZINI

07:19

Titolo:  Manuale di sopravvivenza per ragazze in crisi (economica)
Autrice: Sara Lorenzini
Editore: Mondadori
Pagine: 68
Sinossi: Manuale di sopravvivenza per ragazze in crisi (economica) è un regalo per tutti i lettori di 45 metri quadri, la misura di un sogno, il romanzo di Sara Lorenzini edito da Mondadori. Ma non solo. Per loro c'è un'avvertenza importante: l'ebook gratuito contiene spoiler e va letto solo dopo essere arrivati all'ultima pagina del romanzo! Sì, perché il manuale, firmato da Neve Morante, è scritto idealmente dalla protagonista di 45 metri quadri, esattamente un anno dopo le vicende raccontate nel libro. E tutte le domande lasciate aperte dal finale a sorpresa troveranno risposta. Il lettore si divertirà a cercarle, tra un consiglio di risparmio e l'altro. Scoprirà perfino come Neve avrà arredato il suo piccolo appartamento... Ma soprattutto per chi batte davvero il suo cuore. Un'iniziativa inedita e originale, per creare un legame speciale con la protagonista di un romanzo attuale, ironico e romantico. Una ragazza in crisi, esistenziale, amorosa ed economica a cui sarà impossibile non affezionarsi.
Manuale di sopravvivenza per ragazze in crisi (economica) però è anche semplicemente un ebook da scaricare gratuitamente per tutti coloro che sono in cerca di consigli pratici per spendere meno, sfatando l'ultimo tabù dei nostri tempi, quello del denaro. Ogni capitolo contiene la missione risparmio (dalla spesa al baratto, dai viaggi ai coupon, dalla vita di coppia ai mercatini) arricchita da consigli pratici e suggerimenti utili. Il tono è di assoluta leggerezza e ironia, perché una cosa che non possiamo permetterci di perdere oggi è il sorriso. In tempi di crisi è necessario ripensare il nostro stile di vita e non è detto che le conseguenze siano sempre negative. E alla fine, ci scommettiamo, a molti verrà voglia di conoscere meglio Neve attraverso le pagine di 45 metri quadri, la misura di un sogno.

Recensione: Cosa fare quando il conto è vuoto e si vuole rinnovare casa o il guardaroba? Come evitare di comprare cose inutili e risparmiare nel quotidiano?

Attraverso 10 mini capitoli, Neve ci parla della spesa, dello shopping, dei mercatini, del baratto, di come viaggiare spendendo poco, dei coupon, del riciclo creativo, del godere delle piccole cose, del non sprecare e della generazione zero.

Personalmente guardo sempre le offerte dei vari supermercati, utilizzo i coupon per fare regali in cene o controlli medici, a volte faccio un giro al mercato, ho imparato a conoscere i mercatini dell'usato dove ho portato e preso qualcosa. In passato ho anche tentato il baratto ma non era uno scambio diretto e se ho ceduto varie cose, poi non sapevo cosa prendermi in cambio. 
Come vedete, non navigando nell'oro, molte cose io le faccio già ma ho trovato però utili alcuni consigli relativi a siti specifici che non conoscevo. Proprio poco dopo mi son resa conto di un sito di viaggi che offre interessanti spunti, come consigliato effettivamente nel manuale.

Interessantissima, poi, la voce  "generazione zero", ovvero il sapersi liberare del superfluo, non essere troppo legati agli oggetti ed essere in grado di muoversi col contenuto di un bagaglio a mano.

Pensavo fosse più un racconto del genere divertente, invece si tratta di un vero e proprio manuale semiserio per evitare di restare al verde e godersi comunque il bello di ciò che ci circonda.

Per chi non lo sapesse, è un'appendice al romanzo "45mq. La misura di un sogno" che vede appunto protagonista Neve alle prese con l'acquisto del suo piccolo regno.




c'è posta per noi

C'è post@ per noi... #297

06:30

Buongiorno a tutti, oggi è la giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, un tema delicato a cui le Nazioni Unite hanno dedicato una giornata proprio per sensibilizzare e per dare la possibilità anche a chi non pensa che questo sia un problema di approfondire la situazione. 
Anche noi vi consigliamo un libro che tratta questo tema. 
Ecco le nostre proposte, vi auguro una buona domenica e buona lettura.
Fabiola







Cicatrici d’oro, di Annamaria Murano




Titolo: Cicatrici d’oro


Autore: Annamaria Murano

Casa Editrice: Santelli Editore

Data di pubblicazione: Ottobre 2018

Pagine: 92

Prezzo: € 11,90 (cartaceo) ; € 5,99 (eBook)

Genere: romanzo sociale

Sinossi:
La protagonista di cicatrici d’oro ha la sua migliore amica ridotta in fin di vita dall’ex compagno, come accade a moltissime donne che ogni giorno subiscono violenze fisiche e psicologiche.
In attesa del risveglio della donna, vengono ricordati i tanti bei momenti passati insieme all’insegna dell’amicizia: gli anni della scuola, i compleanni, le feste natalizie, i viaggi, la famiglia, la vita di tutti i giorni.
I tempi, a volte presenti a volte passati, rendono l’idea del senso di confusione della protagonista, costretta a vedere in grave condizioni la propria amica, nella speranza di una ripresa fisica ed una ancor più difficile ripresa psicologica.
Un forte NO alla violenza sulle donne si intreccia con un messaggio di solidarietà ed un inno alla vita, ai sentimenti positivi e all’amore vero.




Così chiamò l'eterno, di Guia Risari



Titolo: Così chiamò l'eterno

Autore: Guia Risari

Editore: Stampa Alternativa

Data di pubblicazione: 2018

ISBN: 978-88-6222-634-9

Pagine: 200, 

Prezzo: € 16,00

Sinossi:
Si tratta di una parodia della Genesi, un'opera umoristica e scanzonata che nasconde una riflessione profonda sull'esistenza.
Da un lato c'è un Eterno, cultore delle scienze esatte e della perfezione; dall'altro la materia proteiforme e i viventi imprevedibili che cambiano il corso degli eventi, sconvolgendo il senso della creazione. 
Poi c'è Lucifero, che brilla di luce propria, nel bene e nel male.



L'erede di Sargas, di Mariangela Pedone




Titolo: L'erede di Sargas

Autore: Mariangela Pedone

Editore: Lettere Animate

Data di pubblicazione: maggio 2018

Genere: fantasy

Pagine: 170 (206 cartelle circa)


Prezzo: formato cartaceo (10 euro), formato ebook (2,99 euro)

Sinossi:
L'erede di Sargas è un romanzo fantasy per ragazzi. É una storia unica e originale, incentrata sul binomio sogno-realtà. Il protagonista, Willy, un normalissimo bambino di dodici anni, viene a scoprire di stare sognando il mondo in cui vive e che in realtà lui è il legittimo erede al trono di un regno lontano. È un romanzo di formazione, dove Willy dovrà affrontare una serie di pericoli per riunire i cinque pezzi della spada che Sargas, prima di scomparire senza lasciare traccia, gli ha lasciato in eredità.

Morte è quando vediamo da svegli/ sogno, quando vediamo dormendo.

Così si apre il libro che Willy trova per caso in camera sua. La storia è ambientata in un mondo lontano, dove i dieci maghi del Consiglio degli Anziani fanno cadere il piccolo Fansrog appena nato in un sonno incantato per proteggerlo dal Re Bianco, suo padre, che vuole ucciderlo a causa di una profezia. Dopo dodici anni, un giovane mago, figlio di un membro del Consiglio, viene catturato dal Re Bianco e costretto a rivelare dov'è tenuto nascosto Fansrog.

Il racconto si interrompe in questo punto, allora Willy decide di completare la storia da solo. Ed è così che finalmente si risveglia e scopre che in realtà lui è Fansrog. Avversato dalle uniche persone che possono aiutarlo, intraprenderà un lungo viaggio alla ricerca dell'Incubo, la sua unica speranza di porre fine alla tirannia del Re Bianco. Scoprirà dunque di essere l'erede di Sargas, il grandissimo eroe delle forze del Male, e figlio dell'Incubo, che gli cederà il suo esercito per riconquistare il trono.

Breve biografia dell'autore
Mariangela Pedone (nata ad Arezzo nel 1992) attualmente vive in Toscana, dove esercita la professione di medico-chirurgo. Appassionata di letteratura, in particolare di genere fantasy, comincia a scrivere all'età di 14 anni. A 17 anni scrive "L'erede di Sargas".



Ucciderò Piero Pelù, di Enrico Antonio Cameriere



Titolo: Ucciderò Piero Pelù,

Autore: Enrico Antonio Cameriere

Editore: Compagnia Editoriale Aliberti, collana e.stories,

Genere: Humor nero-Noir

Prezzo: ebook € 9,90

Data di uscita: novembre 2018

Lunghezza stampa: 387 pag

Sinossi: 
"In una Milano degli anni Novanta, Arturo Catalano, un giovane di talento che ha splendide intuizioni visive, si sta preparando alla lavorazione di un film indipendente, come direttore della fotografia.
Con l’inizio della realizzazione del film la sua vita reale pare confondersi spesso con la storia che sta cercando di riprodurre. La linea di demarcazione tra i due mondi diventa sempre più esile. Nella sua mente l’ossessione per la luce, vista come elemento catartico e di astrazione, si fonde con il suo rapporto tormentato con le donne. Cova una non dichiarata misoginia derivante dall’incapacità di rapportarsi con le ragazze. 
Il registro della narrazione è mutevole, spesso ironico, ma anche surreale e drammatico, a tratti noir.
Nel mondo interiore di Arturo prendono vita vere e proprie personificazioni che gli consentono di avere un dialogo che sempre di più gli manca nel reale. In questa situazione, quasi per focalizzare la sua crescente rabbia verso il mondo, Arturo concentra il suo odio su Piero Pelù, colpevole di avere una relazione con una ragazza da lui amata tempo prima. 
Allora la sua furia rabbiosa gli prende la mano."

Biografia dell'autore:
 Enrico Antonio Cameriere nasce a Reggio Calabria nel '61. Ha lavorato nel Cinema con, tra gli altri, Amelio, Zetterling e Bertolucci. Ha collaborato con alcune produzioni RAI e Mediaset, lavorando anche nella pubblicità e per vari documentari, oltre a trasmissioni di satira su Radio Rai 1 e Radio Rai 2. Ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali per poesie, racconti, fotografia e satira. Nel 2010 vengono messe in scena le commedie brillanti: Padrini Padani e Casa padrini padani. Tra i suoi libri più importanti figurano Gli incantatori di fotoni (Città del Sole Edizioni, 2007), Il cinema ve lo imparo io (GoWare, 2015), No hurricane (Meridiano Zero, 2017).



...che Dio perdona a tutti

Recensione ... CHE DIO PERDONA A TUTTI di Pif

07:30


...che Dio perdona a tutti
di Pif
Feltrinelli | I narratori | 186 pagine
ebook €9,99 | cartaceo €16,00
15 novembre 2018


Con la sua inconfondibile voce, Pif esordisce nel romanzo con un’opera divertentissima che costringe il lettore a riconsiderare i rapporti che ci legano gli uni agli altri, il nostro comportamento quotidiano e le parole solidarietà, uguaglianza, verità.
Arturo è un trentacinquenne, non ha ancora una fidanzata e fa l’agente immobiliare. Il suo principale obiettivo nella vita è mantenere immutato lo stato delle cose. Ha poche passioni che condivide con gli amici di sempre. La più importante e irrinunciabile è il cibo: famoso per la sua pignoleria gastronomica, gli amici spesso si fanno il segno della croce quando al ristorante è il suo turno di ordinare. Arturo ricambia la loro tolleranza, immolandosi come portiere per le partite di calcetto. Questa è la sua routine, fino al giorno in cui entra in scena Lei: la figlia del proprietario della pasticceria che fa le iris più buone di Palermo, il dolce preferito di Arturo. E in un istante diventa la donna dei suoi sogni.
Sveglia, intraprendente, ma anche molto cattolica, Lei sulla religione ha la stessa pignoleria di Arturo sui dolci. È proprio così che lui la conquista, sostituendo l’uomo che ha il compito di interpretare Gesù durante una Via Crucis. Quel giorno è per Arturo un vero calvario, perché durante il tragitto si accorge di avere dimenticato qualsiasi nozione della religione cattolica e sbaglia tutto, dando vita a una rappresentazione ai limiti del blasfemo. Ciò nonostante, Lei si innamora e per un periodo felice i due stanno insieme, senza che lei si accorga della sua indifferenza religiosa né, tanto meno, senza che Arturo la confessi…
Questo precario equilibrio, fatto di verità non dette e risposte liturgiche mezzo inventate e mezzo bofonchiate, non può durare: quando Lei si accorge della freddezza cattolica del compagno, la loro vita di coppia esplode. Per qualche giorno lui para i colpi, ma poi, un po’ per sfinimento e un po’ per provocazione, decide di applicare alla lettera le regole e gli insegnamenti del cristianesimo, di praticare la parola di papa Francesco. Per tre settimane.
Quella che mette in pratica è una vera e propria rivoluzione che cambierà la vita di tutti, rivelando a Lei e alle perso­ne che gli stanno intorno, amici e colleghi inclusi, la natura profonda e dimenticata del cristianesimo. Una verità molto scomoda, come Arturo avrà presto modo di scoprire.


La mia recensione
Tutto inizia da una delle grandi domande dell'umanità... Credi in Dio? È questo che, dopo una messa disastrosa, Flor chiede ad Arturo che, dal canto suo, non può che abbozzare visto che è essenzialmente ateo. Davanti all'ingiusta accusa del suo amore, Arturo decide di seguire per tre settimane alla lettera i precetti del cristianesimo. E, sa da un lato la coscienza si arricchisce con una sana sensazione di benessere, dall'altro la vita di Arturo va a rotoli.

Pif ci racconta a modo suo la storia non di un "più o meno" fedele, ma quella di un modo di vivere oggi la fede e lo fa con ironia e intelligenza. Evitando inutili pregiudizi, ci mostra come sia diventato difficile vivere in modo onesto la propria fede e come siano sempre di più i cristiani per sport, coloro che si mettono in bocca belle parole ma che alla conta dei fatti poco seguono dei loro precetti. Insomma, Pif ci mostra l'incoerenza della nostra società e lo fa con un romanzo solo all'apparenza lieve, un romanzo che ti fa riflettere e pensare.

Arturo, il protagonista del racconto, è un'anima pura, un innocente quasi che, partendo certo da una piccola ripicca, scopre gli angoli nascosti di chi lo circonda, in primis sul lavoro. È un'agente immobiliare e come tale dovrebbe essere l'emblema, se non proprio della menzogna, almeno del non detto. Ma non è solo questo. Falsi, traditori, collusi... c'è di tutto un po' in quella società bene che, come fidanzato di Lei, si ritrova a frequentare. L'amore per Flora sembra poter vincere tutto. Peccato che la fede, o la mancanza di essa, ci metta lo zampino e in un percorso che sa tanto di Via Crucis, il nostro Arturo dovrà rivedere le sue priorità e il suo cuore. Certo Flora non è solo bella e intelligente, ha anche una pasticceria, vera passione di Arturo, ma tanta perfezione può diventare stucchevole, come  quando si mette troppo zucchero nella ricotta.

Pif esordisce con un romanzo diverte e ironico sul vero significato della fede, un romanzo che sa già tanto di sceneggiatura e che, soprattutto, leggi avendo in testa la voce fuori scena del suo autore. Non posso che promuoverlo e consigliarlo!

Voto
4 e mezzo!
Alla prossima



Affetti Nomadi

Recensione: Affetti Nomadi di Antonella D'Eri Viesti

11:04



Titolo: Affetti Nomadi

Autore: Antonella D'Eri Viesti

Editore: Les Flâneurs Edizioni

Collana: Bohemien

Data di pubblicazione: Maggio 2018

Pagine: 144

Genere: Narrativa Contemporanea



Trama
Allegra è una bulimica della vita, instabile, bisognosa di affetto, egocentrica e insicura nelle relazioni, ma al contempo ambiziosa, cinica, trascinante, curiosa, sempre pronta a sperimentare le mille idee che si affollano nella sua mente. Nei suoi racconti, che partono dall'adolescenza e la accompagnano nella sua vita adulta, si intrecciano vicende che non si incontrano, ma che finiscono per annodarsi tutte sul cuore e nell'anima di questa giovane donna, delineando il modo in cui le relazioni contemporanee, e l'amore in particolare, vanno sgretolandosi. Soggettività, menefreghismo, negligenza diventano i pilastri portanti di queste storie sospese, amare, carnali, che scavano un solco profondo nel desiderio inappagato di un riconoscimento e di una sicurezza irraggiungibile da parte di individui sradicati e insoddisfatti. Affetti nomadi è un romanzo pensato per frammenti, come frammentaria è la realtà contemporanea, come frammentarie e striscianti sono le relazioni che viviamo e che ci ostiniamo a credere possano durare per sempre.

Recensione

Affetti nomadi è assolutamente un testo di carattere. Antonella D'Eri Viesti impugna la penna come fosse una pistola e spara i suoi colpi su un foglio di carta bianco. Questo romanzo, a prescindere dalla trama, merita di essere apprezzato proprio per lo stile narrativo: una scrittura spavalda, diretta, coraggiosa. Le parole della D'Eri Viesti arrivano al lettore con un'immediatezza genuina; pochi vocaboli accostati, riescono a creare una suggestione spiazzante. Eccone alcuni esempi:

"Leggevo, scrivevo e creavo, mentre la mia mente era diventata un'insaziabile puttana."

O ancora:

"Mi sapevano terribilmente di sfigate, cercavano il miglior acquirente per riempire i loro conti corrente in rosso, non di soldi ma di sentimenti."

Affetti nomadi raccoglie delle polaroid della vita di Allegra, scatti veloci, rubati per immortalare una piega dell'animo piuttosto che un mero momento. I capitoli formano insieme 9 tracce di una playlist, quasi il libro fosse una cassetta che può essere facilmente riavvolta in ogni momento, con la punta di una matita. La penna dell'autrice s'intrufola in diversi scorci della vita di Allegra, per mettere a nudo la sua anima e far venire fuori tutto il suo tormento, tutta la sua disperata ricerca di qualcosa di più, di qualcosa di diverso. Nomi e personaggi diventano solo lo sfondo di questo romanzo, che innalza come protagonisti solamente i sentimenti. Il lettore si ritrova così a conoscere una ragazzina delle superiori troppo diversa e troppo matura per riuscire a relazionarsi con i compagni di classe. Una ragazza noncurante delle buone maniere, pronta a tutto pur di difendere la propria scelta di vita. Una disillusa dell'amore, che piange al matrimonio di due che, schiavi del "così si deve fare", si infilano un anello al dito pur non provando nulla l'uno per l'altra. Una giovane donna coraggiosa, decisa a soffocare una relazione che si trascina da troppo tempo, come un peso morto. Una bulimica di nuove esperienze che si ritrova a vivere la settimana d'amore più intensa mai provata, proprio alla vigilia di un lungo viaggio.
La scrittura di Antonella D'Eri Viesti riesce a trascinare il lettore nella vita di Allegra e a creare un effetto empatico disorientante. Questo libro è consigliato a tutti quelli che sono stanchi di testi copia incolla, di trame trite e ritrite e che cercano una lettura di spessore, capace di mettere con le spalle al muro e di far riflettere.


                                                               

                                             


                                                                             


c'è posta per noi

C'è post@ per noi... #296

07:30

Buona domenica lettori,
siete pronti per una nuova puntata della nostra rubrica "C'è posta per noi"??
Anche oggi vi offriamo numerosi spunti per le vostre letture.










Non innamorarti di uno scrittore - Alessia Garbo 


Titolo: Non innamorarti di uno scrittore
Autrice: Alessia Garbo
Casa Editrice: Butterfly Edizioni
Genere: Chick-lit
Collana: Digital Emotions
Data di uscita: 30 Ottobre 2018

Prezzo: 2,99€ (ebook)

Sinossi: 
Natalie Anderson è una nota youtuber e assistente di Dave Sullivan, fondatore di una importante casa editrice a San Francisco. La sua vita scorre monotona e incasinata tra libri da recensire e un amore non corrisposto per il capo. Quando la sua agognata promozione viene data al collega meno esperto, Natalie decide che è ora di cambiare. Ha bisogno di una vacanza da tutto e tutti e l'unico modo per evitare spese eccessive è quello di usufruire dell'opportunità concessa dall'Home Exchange: scambiare la propria casa con uno sconosciuto. È Matt J. Adams a rispondere al suo annuncio. Lui, scrittore di successo sotto pseudonimo, ha perso la vena creativa ed è in cerca di ispirazione lontano da Los Angeles. Tra i due si instaura un intrigante rapporto fatto di battute ironiche che li spinge a cercarsi e a conoscersi più a fondo. Natalie sa che è meglio non innamorarsi di uno scrittore e non vuole cedere all'ardente attrazione che prova ma non riesce a fare a meno di lui...






Mai fidarsi di Cupido - Ellie Bassani 


Titolo: Mai fidarsi di Cupido
Autrice: Ellie Bassani
Casa Editrice: Butterfly Edizioni
Genere: Romance Contemporaneo
Collana: Digital Emotions
Data di uscita: 6 Novembre 2018

Prezzo: 2,99€ (ebook)

Sinossi: 
Venticinque marzo duemilaotto. Alexandra non dimenticherà mai quel giorno, perché in quella fresca serata primaverile tutta la sua vita è andata in frantumi. Quel giorno la giovane sognatrice innamorata dell’Amore se n’è andata.
Lexi ha lasciato il posto alla sua versione grigia: Alexandra Hart. Quel giorno ha giurato che non avrebbe più commesso lo stesso errore.
Non si sarebbe mai più innamorata.
Non si sarebbe più fidata di un pargoletto con il pannolino, le fossette e i riccioli biondi, e delle sue maledette frecce a forma di cuore. La freccia destinata a lei era già stata sprecata, scoccata in una mela marcia.
E l’unico modo per difendere un cuore a pezzi e smettere di soffrire era creare una corazza impenetrabile.
Otto anni e duecentonove giorni dopo, Cupido non è ancora pronto a mollare la presa e proprio mentre uno dei suoi incubi peggiori diventa realtà, un formicolio inaspettato la colpisce e la confonde.
Un formicolio e una sensualissima voce roca. E indimenticabili occhi color cioccolato.
Riuscirà uno sconosciuto a sciogliere il gelido cuore di Alexandra e far conoscere al mondo la sua versione colorata?



Un gelato buono da morire - Dino Cassone


Titolo: Un gelato buono da morire
Autore: Dino Cassone
Casa Editrice: Les Flaneurs Edizioni
Data di uscita: 26 Ottobre 2018

Prezzo: 13,00€

Sinossi: 

È giallo a Rosicano: don Ciccio Zampana, detto Ficosecco, muore mangiando il suo spumone durante la festa patronale. E siccome Ficosecco era l’usuraio più richiesto e più temuto del paese, al maresciallo Paolo Sapone, suo malgrado, tocca partire alla ricerca del probabile assassino tra una lista infinita di sospettati. Ad aiutarlo è nientemeno che sua moglie Margherita, artista mancata e grande appassionata di polizieschi. Mentre i due si confrontano con un ambiente in apparenza tranquillo ma intrinsecamente torbido e pregno di contraddizioni, il lettore se la ride: per lui il romanzo è un finto giallo, il mistero è svelato fin dal prologo e non gli resta che godersi l’apertura del vaso di Pandora.

Biografia: 
Dino Cassone è un giornalista pubblicista e collabora con varie testate on-line. All’attivo ha diverse pubblicazioni: I miei compagni di casa e bestie varie (2008); La radio. Storia di fantasmi e misteri (2013); Delitto nella bottega del droghiere (2016). Con Les Flâneurs Edizioni ha già pubblicato Sorrisi e veleni (in formato e-book nella collana “Petit”, 2016) e La bugiarda (2016). Ha inoltre curato il libro Ho fatto 13! Una vincita negata e trentaquattro anni di menzogne del Coni (2015) di Martino Scialpi. É anche autore di testi teatrali.



Josh Ewan. Storia della rockstar che parlava con gli spiriti - Vito Ricco 



Titolo: Josh Ewan. Storia della rockstar che parlava con gli spiriti

Autore: Vito Ricco
Casa Editrice: Les Flaneurs Edizioni
Data di uscita: 31 Ottobre 2018

Prezzo: 15,00€


Sinossi: 
New York, anni Duemila. Josh Ewan, rockstar decaduta, ha appena pubblicato un album dopo molti anni di silenzio, ma si rifiuta di promuoverlo con un tour. La ragione è presto detta: quelle canzoni le ha scritte tutte da solo, senza l’aiuto degli spiriti, e il risultato è pessimo. Nel tentativo di far rassegnare il suo nuovo agente all’idea, il cantante si produce in un lungo monologo a puntate. Racconta della sua adolescenza a Minneapolis, dell’incontro con la chitarra e con l’amore, del rapporto con la morte e del viaggio verso il successo. Soprattutto, della scoperta di quel dono paranormale che gli consente di diventare una leggenda vivente ma che in cambio pretende il suo tributo. Insieme ghost story e romanzo di formazione, la vita di Josh Ewan è una lenta discesa in una spirale di violenza e assuefazione, che mostra come l’animo umano possa corrompersi e come ogni cosa abbia un prezzo.


Biografia: 
Vito Ricco (Barletta, 1982). Diplomato in ragioneria, vince nel 2015 il premio B-ink come sceneggiatore del fumetto “The Juice”. Nel 2017 il suo racconto Black market music viene selezionato per la raccolta “Splatter presenta: Best italian horror flash fiction”, dove verrà pubblicato assieme a racconti di autori del calibro di Poppy Z. Brite e Edward Lee. Josh Ewan. La rockstar che parlava agli spiriti è il suo primo romanzo.







Spero che queste segnalazioni vi siano piaciute!
A presto, 


Cinzia Cognetti

Recensione: Scatole Nere, di Cinzia Cognetti

06:30





Titolo: Scatole nere
Autore: Cinzia Cognetti
Editore: Les Flâneurs Edizioni
Collana: Bohemien
Data di Pubblicazione: maggio 2018
EAN: 9788894990157
ISBN: 889499015X
Formato: brossura


Trama del libro
"Scatole nere" ci mette di fronte al nostro bisogno più recondito, quello di essere amati. I sei protagonisti hanno vissuti differenti ma uguale è la destinazione del loro viaggio: l'amore e la sua manifestazione. Sì, perché l'amore che non si dimostra non esiste. Tutti indistintamente necessitiamo di comprensione, affetto, fiducia, incoraggiamento, rispetto, presenza così come di consigli, complimenti, abbracci, attenzioni. E quando tutto questo viene meno il vuoto è colmato con dubbi, attese e speranze. Ma Amanda, il dottor Zaum, Ernest Laroux e Said ci ricordano anche un'altra cosa, che spesso dimentichiamo e cioè che esiste una forma suprema di amore, quello per la vita, che va riconosciuto e afferrato anche quando ha le sembianze di una coda scodinzolante, di un fiore, di un'onda o di un sorriso.


Recensione: 

Non ho mai nascosto la mia passione per i racconti, infatti sono di nuovo qui a recensirne una raccolta.

Mi sono di nuovo fidata di Les Flâneurs Edizioni e anche questa volta la lettura è stata piacevole.

Con questi racconti, Cinzia Cognetti ci porta confrontarci col bisogno di amore di cui tutti noi abbiamo bisogno e ci accompagna in un viaggio che esplora i sentimenti umani: amore, paura, tradimento, gioia, rabbia.

Tra i racconti non è facile scegliere il mio preferito, ma credo di poter dire che è piove, che narra di una donna che si ritrova dopo anni a dover fare i conti con un trauma che probabilmente non riuscirà mai a superare e che tuttora la blocca, costringendola a ricercare la serenità in un vizio che le riempie la vita.

L'autrice è brava a fare comprendere bene i sentimenti dei protagonisti, infatti il senso di introspezione e la conseguente immedesimazione coi personaggi è il punto forte di questa raccolta, che mira al cuore e lo fa accompagnando ai pensieri dei protagonisti anche altri elementi dei racconti, come per esempio il tempo atmosferico nel caso del primo racconto, che segue di pari passo i sentimenti di Amanda.

Mi è piaciuto molto anche il fatto che il libro abbia in effetti una conclusione e che lasci alla fine un senso di speranza per il futuro, nonostante i sentimenti che approfondisce e tratta siano per la maggior parte negativi. 

Per mio gusto, Blue Moon è il racconto che mi ha convinta di meno, se mi è piaciuta l'atmosfera quasi onirica, mi è parso un po' sottotono rispetto agli altri, che a mio parere riescono tutti a donare al lettore un qualche spunto di riflessione (sia esso amaro o dolce). 

Lo stile dell'autrice è a tratti lineare, ma a volte piuttosto complesso e quasi sempre ben gestito. Non male, soprattutto considerando che questo è il primo libro che la Cognetti pubblica, possiamo aspettarci una sua ulteriore crescita, la terrò d'occhio.

Un consiglio che vi do è questo: evitate la prefazione se volete leggere il libro senza scoprire troppo dei racconti. Io ne ho letta una parte prima, ma mi sono fermata proprio per non rovinarmi la sorpresa.  

Consiglio questa raccolta agli amanti dei racconti, come me, che hanno voglia di storie brevi e introspettive che parlano di sentimenti.





Antonella Valletta

C'è post@ per noi... #295

07:28

Buona domenica, Lettori!

Da voi è arrivata la stagione della cioccolata o del tè caldo accompagnati da copertina e libro? E se la rendessimo più interessante con delle novità?



Datura. Una storia di famiglie, di vendetta e di bugie di Jaden Serrano




Titolo: Datura – Una storia di famiglie, di vendetta e di bugie
Autore: Jaden Serrano
Editore: autopubblicato - settembre 2018
Pagine: 154
Prezzo: ebook € 2,99 - cartaceo € 5,99

Pagina Facebook
Disponibile su Amazon e altre librerie online

Trama
Stati Uniti, Texas, dicembre 1998. Philip J. Bradshaw viene giustiziato nel carcere di Huntsville per l’omicidio di due ragazzi, avvenuti la notte di Halloween del 1985 nella cittadina di Monroe. Le sue ultime parole sono: “Io non sono Philip J. Bradshaw e voi non potete più fermare questa condanna”.
Jaden Serrano, ex galeotto e medium ciarlatano, è l’unico amico che abbia avuto negli anni di reclusione. Spinto da una promessa fattagli negli anni di carcere, ripercorre i luoghi e la storia di Philip, dall'incidente in cui rimase sfigurato alla notte in cui uccise i due ragazzi, scoprendo a poco a poco una verità sempre più scomoda sulle famiglie di Monroe e sulla vera identità del suo amico sfigurato.


La scoperta del vero Amore di Laura Rocca


Titolo: La scoperta del vero Amore
Autrice: Laura Rocca
Editore: autopubblicato - 11 maggio 2018
Prezzo: ebook - € 2,99, cartaceo - € 17,16 


Trama

1 gennaio 2016

Caro diario,
perché faccio questa cosa idiota? Ah sì… Durante una delle mie serate dell’autocommiserazione, ho ingurgitato un pacco di biscotti ultra large, quelli con gocce di cioccolato, i migliori. Poi, l’istinto suicida mi ha spinto a salire sulla bilancia ed è stata la fine. Mi sono abbarbicata sul letto e ho preso il telecomando: volevo solo spegnere il cervello. Proprio in quel momento, è apparso l’intelligentissimo programma che mi ha dato questa idea.
«Sei infelice? Vorresti cambiare la tua vita?», ha detto il presentatore, come se si stesse rivolgendo a me. «Scrivi i tuoi obiettivi su un diario, le tue aspirazioni, cosa ti piace e ciò che detesti. Tutto diverrà più semplice e concreto. Riprendi in mano la tua vita!».
Ma torniamo a noi.
Mi chiamo Cat e ho ventisette anni, ma tu queste cose le sai già.
Quali sono i miei obiettivi?
Sembra una di quelle domande dementi che ti fanno ai colloqui di lavoro. Diciamo che al momento ho delle vane speranze: desidero qualche novità, qualche sorpresa che dia una svolta alla mia vita. Tanto so che a dicembre sarò qui ad augurarmi le stesse cose, e non ti odierò per aver riposto male le mie speranze.
Nel frattempo, però, ti prego, ti scongiuro, ti supplico: fammi svegliare con il corpo di Eva Herzigová. Compi il miracolo! Se proprio non puoi trasformarmi in una supermodella, fa' almeno che il mio lavoro torni a rendermi felice e non sia una continua frustrazione.
In caso fossi colto da una generosità fuori dal normale, regalami lui, l’unico uomo di cui sia mai stata innamorata: Eli. Puoi anche impacchettarlo se vuoi; in realtà non sono una persona pretenziosa, quindi va bene anche senza fiocco. Vedi tu, insomma.

“Cosa cavolo sto scrivendo?”.
Credo che questa prima pagina si concluderà qui, forse anche il diario.
Che esperimento inutile…

La verità è nei ricordi di Antonella Valletta


Titolo: La verità è nei ricordi
Autore: Antonella Valletta
Editore: Butterfly Edizioni - 18 ottobre 2018
Prezzo:  ebook - € 1,99

Trama
Inflessibile, combattiva e anticonvenzionale, Jane Milligan ha deciso da tempo di rinunciare alla sua vita agiata per non dover sottostare alle rigide regole imposte dalla società e dalla sua famiglia. Passata da nota figura aristocratica a cortigiana per sopravvivere, apre il "Black Pearl", un bordello dove si ritrovano i più insospettabili nobili di Londra. La sua innata voglia di libertà si scontra con un'accusa ingiusta di omicidio, che la conduce nelle temibili prigioni di Newgate. Richard Harris è incaricato di difenderla e di provare la sua innocenza, nonostante ci siano prove a suo sfavore. Lui è l'unico che non la giudica per il suo lavoro e la guarda con rispetto e comprensione. Tra i due si instaura un rapporto di fiducia che li farà avvicinare in modo disdicevole per i più, sfociando in un amore intenso e improvviso. Jane infatti suscita un fascino non indifferente, è giovane, bella e sensuale, e starle vicino fa superare i limiti anche al suo avvocato...
E mentre la passione divampa tra loro, la verità si fa sempre più vicina.

Vincenzo Padula di Vincenzo Napolillo

Titolo: Vincenzo Padula
Autore: Vincenzo Napolillo 
Editore: Santelli Editore - ottobre 2018
Pagine: 61 
Prezzo: cartaceo - € 10,00; ebook - € 4,99 

Trama
Un saggio che non si arresta ai giudizi di Francesco de Sanctis, di Benedetto Croce, di Carlo Muscetta e Attilio Marinari, ma vuole andare oltre. Attraverso una lettura meditata della notevole produzione paduliana mostra l’impegno dello studioso che non ha schemi ideologici da esibire o addirittura iconoclastici e la serenità del critico imparziale e accorto. Padula non accendeva i fuochi della rivoluzione: cercò dal pulpito e dalla stampa del ‘Bruzio’ di piegare e rovesciare il diritto della forza dei galantuomini nella forza del diritto, aprendo dentro e fuori la Calabria ottocentesca un filone di concreta e rilevante prosa giornalistica e un linguaggio poetico che non si abbandona ai sensi di voluttà peccaminosa, ma asseconda il gusto romantico con strofe e canti popolareschi.

Leggerete questi libri?

Les Flâneurs Edizioni

Recensione : "Via Verdi 1" di Marco Di Pinto

07:30



Titolo: Via Verdi 1
Autore: Marco Di Pinto
Edizioni: Les Flaneurs Edizioni
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 250
Formato: Cartaceo
Prezzo: 15€



Sinossi:

Cosa hanno in comune uno scrittore, un ortopedico, una faccendiera, una segretaria, un responsabile commerciale, un notaio, un impiegato delle Poste e un ereditiere? 

Lo scopriranno, forse, durante la convivenza forzata nel condominio di via Verdi 1, dove si ritrovano improvvisamente senza sapere né come, né quando e, soprattutto, perché ci sono arrivati. A guidarli in questa scoperta ci penseranno un oscuro amministratore e un giovane segretario dalla misteriosa identità.


Recensione:
Un condominio e i suoi inquilini, ognuno con una sua storia, più o meno torbida, più o meno ordinaria. Queste le premesse con cui si apre Via Verdi 1, di Marco Di Pinto, un romanzo dalle tinte forti, al limite dell'inquietante. Si, perchè a dispetto della sensazione di familiarità che ci trasmette un semplice palazzo, la dimensione spazio-temporale in cui si trovano questi strambi personaggi e i loro peccati, che man mano scopriremo, ci metteranno di fronte a quelacosa di molto più misterioso e terrificante. A partire dalla figura di Harry, il segretario dell'Amministratore, sempre elegante nel suo completo, se tralasciamo il fatto che si tratta di un bambino... per finire con l'atmosfera surreale, soffocante, nella quale i condomini sono costretti a vivere, senza sapere da quanto sono arrivati in Via Verdi 1, nè perchè. 
Via Verdi 1 è un viaggio interiore, di espiazione e conseguente punizione dei peccati commessi, ai quali non si può sfuggire, nemmeno se sei raccomandato dal Podestà in persona, nemmeno se possiedi tutti i soldi del mondo. Il male torna indietro, è inutile credere di averla fatta franca...

"...Tutto ritorna. Le nostre azioni, quelle che
compiamo nelle squallide, misere esistenze che ci hanno cucito addosso, sono implacabili boomerang. Fanno i loro giri, colpiscono, feriscono, qualche volta uccidono, ma alla fine è da noi che ritornano..."