mercoledì 24 agosto 2016

C'è post@ per noi... #171

Buongiorno lettori!!
Anche durante le vacanze noi siamo qua a segnalarvi qualche bella uscita italiana. Vediamo cosa è approdato nella nostra casella di posta...



Titolo: Ingrid a Riccione
Autore: Pee Gee Daniel
Editore: La Gru
Pagine: 80
Prezzo: €8,00 (cartaceo)

Dove acquistare: SITO EDITORE

Trama
Che cosa è l’amore? È un’illusione o viene realmente suscitato in noi dal partner? Qual è la sua essenza? E ancora, per caso ci si innamora solo se il momento è propizio, indipendentemente dalla persona che incontriamo? Il caustico resoconto della bella tedeschina Ingrid circa le sue avventure rivierasche saprà fornire una risposta definitiva all’annoso quesito? O ci aiuterà perlomeno... ad aprire gli occhi?


**********



Titolo: Jean Améry. Il risentimento come morale
Autore: Guia Risari
Editore: Castelvecchi
Pagine: 176
Prezzo: €19,50 (cartaceo)

Dove acquistare: SITO EDITORE

Trama
Jean Améry (1912-1978), già Hans Mayer, scrittore e saggista «non-non-ebreo», fu un testimone particolarmente acuto e sensibile della Shoà. In Italia è noto soprattutto per tre saggi di ispirazione filosofica – Intellettuale a Auschwitz, Levar la mano su di sé, Rivolta e rassegnazione – e per il romanzo Charles Bovary, medico di campagna. Portandosi su terreni di confine della ragione, indagando oggetti che sfuggono a priori all’analisi – il dolore, la morte, il flusso del tempo e della memoria – Améry fu un acrobata della negazione, capace di affrontare le illusioni radicate nel pensiero e nel senso comune con l’osservazione lucida e impietosa dall’interno. Dalla sua riflessione scaturisce un confronto serrato con pensatori quali Nietzsche, Scheler, Weber, Freud, Adorno, Sartre, Jankélévitch, Cioran e testimoni come Bettelheim e Levi. Questo volume presenta l’opera di Améry e approfondisce alcuni temi del pensiero occidentale – l’invecchiamento, il suicidio, la concezione del tempo e dell’individuo – ma affronta ugualmente le questioni della Shoà, della testimonianza e della creazione letteraria, proponendo una rivalutazione filosofica del risentimento, inteso come re-sentir, capacità percettiva e coscienza riflessiva, «fonte emozionale di ogni morale autentica, che sempre fu una morale degli sconfitti».

L'autrice
Guia Risari, laureata in Filosofia all’Università Statale di Milano, specializzatasi in Studi ebraici moderni e Letteratura all’Università di Leeds, ha dedicato interventi a Primo Levi, Jean Améry e Walter Benjamin e tradotto Il sangue del cielo, il capolavoro concentrazionario di Piotr Rawicz. Tra le sue pubblicazioni, The Document Within the Walls. The Romance of Bassani, (1999, 2004), Il taccuino di Simone Weil (2014), La porta di Anne (2016).

**********



Titolo: Come un'isola
Autore: Monika M.
Editore: Lettere Animate
Pagine: 149 pagine
Prezzo: €0,99 (ebook)

Dove acquistare: AMAZON

Trama
Come un'isola è un viaggio nella mente ed il cuore di Lucrezia , la protagonista . 
Quando ci innamoriamo siamo portati ad andar ogni limite fino a quel momento conosciuto , completamente in balia dei sentimenti ci lasciamo trascinare , ma quanto lei sarà disposta a dare di se stessa? Qui inizia la lotta tra ragione e sentimento , orgoglio e amore ! 
Victor entrerà nella vita di lei con un compito specifico , farla regredire fino a farle ricordare una vita passata , tutto è ...stato da Lucrezia pianificato e stabilito , ma nulla andrà come lei aveva programmato . 
Si può amare chi ci fa volutamente del male? Si ! Si perché l'amore vero è irrazionale ... ma poi si deve pensare anche a noi , donare la propria anima a chi non ci ama è un suicidio e Lucrezia lotterà invece per vivere

L'autrice
Nata a Roma nel 1976 . 
"Molti mi chiedono perchè io usi uno pseudonimo , ebbene ,credo che per esser totalmente sinceri nella scrittura non ci si debba curar del giudizio altrui con una maschera la mente si libera da inutili fardelli ,inoltre credo si debba legger senza preoccuparsi di CHI dice , quanto del COSA ... 
Scrivo perchè la mia anima da sempre è intrappolata in ambientazioni di epoca Vittoriana , in romanzi le cui pagine sono ancora intrise di passione e desiderio ed è lì con la mia scrittura che amo tornare , se il mondo me ne priva , la mia fantasia se ne impossessa ribelle , ancora ed ancora .... 
Amo il Medioevo tanto quanto il Rinascimento ... la luce può esser percepita unicamente a contrasto con l'oscurità . 
Non bramate di conoscermi , ho un caratteraccio , armatura indispensabile per anime fragili."
Pagina FB del romanzo | Sito dell'autrice

**********


Titolo: Diario di una 883
Autore: Sara Goria
Editore: Elmi's World
Pagine: 128
Prezzo: €4,49 (ebook); €12,00 (cartaceo)

Dove acquistare: SITO EDITORE

Trama
Esistono amicizie che a prima vista non avresti mai pensato potessero nascere, quelle che sbocciano dalla diversità più accentuata e cominciano male, con sguardi obliqui e attese. Legami ereditati dolorosamente, ma che riservano sorprese e inattesi amori.
Cosa se ne fa una ragazza elegante che non ha mai ammirato le due ruote di una Harley? Eppure il mondo dei biker è magico, ti regala una famiglia, scatena l’energia e infonde allegria. Grazie allo Sportster conoscerà il padre che l’ha abbandonata, scoprendo i suoi lati dolci e malinconici capendo pian piano la sua solitudine e il suo lacerante destino.

L'autrice
Sara Goria è nata a Torino e vive da più di vent’anni in Valle d’Aosta con i suoi due figli, due cani e una gatta che ha preso in prestito il nome da una favola di Beatrix Potter.
I suoi racconti sono stati pubblicati nelle raccolte “Lupus in Fabula” (2011) e “Venti di montagna” (2014 ‘ Echos Edizioni).
Nel 2013 ha pubblicato il suo romanzo “Seconda classe, lato finestrino” con l’editore Lineadaria, la versione ebook è edita da Elmi’s World.
Le piace leggere, osservare, ascoltare e reinventare il mondo, che sia dall’alto dei suoi monti oppure a cavallo di una lucida e rombante Harley, con la stessa fantasia, ma cambiando prospettiva.

Alla prossima




Nessun commento:

Posta un commento