Recensione: In Aeternum, di Anna Chillon

09:00


Titolo: In Aeternum

Autore: Anna Chillon

Editore: Selfpublishing

Pagine ebook: 42

Prezzo ebook: € 0,99

Narratore: Janette Brandanu


Durata: 57 minuti

Anno: 2017


RACCONTO
Parigi, 1957. Michelle è pronta ad attuare il suo piccolo colpo di scena per smascherare il tenebroso pianista che si esibisce al teatro Opéra National. A nulla servirà tentare di nascondergli la sua più grande debolezza, sarà semplice leggerle nel cuore e nell’animo e sarà lui stesso a decidere la sua sorte, il castigo e la ricompensa. 
Una sinfonia che il pianista ha intenzione di suonare fino all’ultima nota. 


Recensione: 


La recensione di oggi sarà un po' diversa dal solito, infatti mi trovo a parlarvi di un audiolibro.
Quando ho scelto 'in Aeternum, non sapevo cosa aspettarmi perché ricordo bene le fiabe che ascoltavo da piccola, ma non sapevo come avrei accolto la lettura di un intero romanzo. 
In realtà quando l'ho ricevuto ho constatato che il racconto è breve, si tratta infatti di 57 minuti di ascolto, meno impegnativi di quanto pensassi, anche perché in realtà sono volati, fosse durato di più sarei stata ben felice di ascoltare altro.

Nella storia si narra di Michelle, una ragazza che nasconde un segreto e che ha un piano ben preciso che decide di portare a termine, e di Friedrich, un vampiro pianista che deciderà di aiutarla a ottenere ciò che vuole, almeno in parte e ottenendo piuttosto lui qualcosa da lei.

La protagonista, Michelle, è inusuale se confrontata alla maggior parte delle altre di storie simili: sa quel che vuole e, anche se la sua idea appare un po' strana, lei sembra aver pensato tutto alla perfezione. Anche se è chiaro che non ha fatto i conti con il pianista, che non giocherà secondo le regole della donna.


Il romanzo contiene scene erotiche esplicite e lo ammetto: questo non è il mio genere preferito, ma non posso fingere di non aver apprezzato questo audioracconto. Il merito è dell'autrice, il cui stile è davvero apprezzabile, soprattutto in una storia come questa, ma anche della narratrice, che riesce a mantenere l'atmosfera e che permette a chi ascolta il libro di immergersi nel racconto, grazie anche alla colonna sonora che fa da sottofondo e che secondo me è davvero perfetta.

Ho apprezzato lo stile dell'autrice, sempre adatto al contesto della narrazione, chiaro e avvincente, così come ho apprezzato il racconto in sé che mi ha sorpresa per la sua originalità nel suo essere comunque molto breve. Non essendo un tema che in genere leggo, può essere che io non abbia confronti, ma devo dire che sono convinta che gli amanti del genere potrebbero comunque trovarlo interessante. 

Personalmente, ho scelto di usufruire di questo audiolibro durante un viaggio, in uno di quei momenti nei quali a me piacerebbe leggere, se non soffrissi di mal d'auto, e penso sia anche questo il senso di un media del genere. Io sono un'amante dei podcast e spesso durante i viaggi più lunghi tendo a prepararmi una scaletta di ascolto in modo da impegnare il viaggio in auto, ora so che potrei anche ascoltare un audiolibro, e prenderò la cosa in considerazione.


Consiglio In Aeternum a tutte quelle persone che amano il genere, che troveranno in questa storia qualcosa di originale, a mio parere, e che potranno usufruire, nel caso, anche dell'audiolibro, della durata di poco meno di un'ora e interpretato in modo convincente e avvincente da Janette Brandanu.










Ti potrebbe anche interessare

1 commenti