Mary

Recensione: Vengo a prenderti - Paola Barbato

6/30/2021

 

Titolo: Vengo a prenderti
Autrice: Paola Barbato 
Casa Editrice: Piemme
Data di pubblicazione: 3 Giugno 2020
Pagine: 464 
Prezzo: 17,57 €

Sinossi: 
 
Il caso più importante della sua vita piomba addosso all'agente Francesco Caparzo in maniera inattesa. Inseguiva lo stalker di una donna che da un anno cercava di aiutare, quando d'improvviso si era ritrovato in un vecchio capannone industriale sperduto nel nulla. Lì dentro, lo spettacolo agghiacciante di uno zoo privato, undici carrozzoni da circo che imprigionavano esseri umani in condizioni pietose, una gabbia vuota pronta ad accogliere la sua protetta e lo psicopatico responsabile di ogni cosa lì davanti a lui, armato. Un colpo di pistola sembra risolvere tutto, il colpevole ucciso, le vittime salve, Caparzo in procinto di essere incoronato eroe nazionale. Ma le cose non sono come appaiono. Tra le vittime si nasconde un complice, forse addirittura la mente che ha organizzato tutto, che dall'ambulanza riesce a scappare, dileguandosi. La caccia all'uomo ha inizio, ma non esistono piste, niente tracce, la polizia insegue un fantasma. Caparzo capisce che la chiave dell'origine di tutto quel male sta proprio nel capannone e nelle sue vittime. Indaga i segreti di ciascuno, le colpe che vorrebbero nascondere, mette a nudo i lati più oscuri delle loro anime. E mentre lui scava qualcun altro li perseguita con oggetti, simboli che solo il loro carnefice conosce. Prima capitano incidenti che la polizia considera trascurabili. Poi i sopravvissuti iniziano a morire. È tempo per Caparzo di mettere insieme i pezzi per evitare che il fantasma che sta inseguendo termini il suo lavoro. Paola Barbato ci conduce al cuore del male assoluto e ci gioca, deformandolo e restituendoci una verità diversa, scomoda, difficile da accettare, ma completamente priva di pregiudizi. E ci tiene in pugno, fino all'ultimo sconvolgente colpo di scena.


Recensione: 

Mi sono imbattuta per caso nei libri di questa autrice e devo ammettere che in poco tempo è riuscita a conquistare il mio interesse, tanto da spingermi a comprare altri suoi romanzi. 
"Vengo a prenderti" è l'ultimo di una trilogia ma può essere letto anche senza aver letto i primi due. Infatti, mi sono accorta che faceva parte di una trilogia, quasi alla fine della storia. In questo libro, comunque si riprendono gli avvenimenti dei primi due e vengono approfonditi. Paola Barbato ha molto da dire, da raccontare e da spiegare e racchiudere tutto in un unico libro non rendeva giustizia alla storia. 

Non voglio dilungarmi molto nel spiegare la trama perchè potrei rivelare qualcosa di troppo e rovinare cosi la lettura. Questa storia ha bisogno di tutta la concentrazione possibile anche se è capace di catturare l'attenzione e non lasciare andare il lettore fino all'ultima pagina. 

L'autrice è molto abile nel descrivere fatti, luoghi e discorsi tanto da sembrare proprio all'interno del racconto. NOn tutti gli autori sono in grado di inglobare cosi tanto il lettore. 
La storia è di per se molto intrigante, ben descritta e originale. Abbiamo dei personaggi veramente fantastici sotto ogni aspetto.
In poche parole vi consiglio vivamente di leggere questa storia perchè merita davvero! 











Acero e Acciaio

C'è post@ per noi... #430

6/27/2021

 


Buona domenica a tutti! 

Oggi sarà una bellissima domenica da passare all'aria aperta, magari al mare o in montagna per chi è più fortunato, io mi limiterò a stare in giardino, all'ombra degli alberi visto che non amo prendere il sole.

Vi lascio qualche consiglio di lettura estiva.





Titolo: Riscoprendo mia madre. Una figlia alla ricerca del passato

Autore: Caterina Edwards

Genere: Narrativa

Casa Editrice: Les Flâneurs Edizioni

Collana: Bohémien

Data di uscita: 10/3/2021

Pagine: 334

Prezzo Cartaceo: € 18,00 

Codice ISBN: 9788831314794

«Un atto d’amore di una figlia che testimonia il passato soppresso della madre rifugiata, una incalzante ricerca durata decenni per gettare luce sulle difficoltà taciute e i frequenti sradicamenti e restrizioni della vita di Rosa e di conseguenza sulla tragica storia di forse 350.000 abitanti della multietnica Istria, e in particolare Lussino, un’isola al largo della costa dalmata». (dalla prefazione firmata da William Boelhower, Visiting Professor dell’Università Ca’ Foscari di Venezia)

«Le parole l’avevano liberata, poteva andare, sfuggire alla paura e alla confusione. Per iniziare il suo ultimo passaggio verso casa»

Trama:

Per anni Caterina ha avuto paura di diventare come sua madre Rosa, rigida, cocciuta e irriverente. Lasciata la “prigione” familiare viaggia, studia e coltiva la passione per la scrittura ma neanche la distanza riesce a mutare l’atteggiamento di Rosa, così come la sua innata propensione a criticarla e giudicarla. Le cose cambiano quando, dopo aver per lungo tempo ignorato i segnali della malattia di sua madre, Caterina è costretta a fare i conti con la diagnosi tanto temuta: Alzheimer. Le decisioni da prendere sono tante, così come le conseguenze da affrontare. Il lento e progressivo decadimento di Rosa mostra a Caterina il lato fragile di sua madre e fa luce sul suo passato, su quelle radici istriane involontariamente dimenticate o coscientemente rimosse. Così, pazientemente, tra ostacoli e sorprese, Caterina intraprende un lungo viaggio nel tempo e nell’anima, consapevole che solo la memoria del passato conferisce un senso al presente.

L'autrice:

Caterina Edwards è nata in un villaggio in Inghilterra da madre italiana e padre inglese, con cui all’età di sette anni è emigrata in Canada. La cultura canadese non è la sola ad aver determinato la sua formazione, infatti i lunghi periodi trascorsi a Venezia durante le vacanze hanno contribuito all’ampliamento dei suoi interessi. La commistione tra le due culture assorbite parallelamente ha determinato anche la scelta delle tematiche da affrontare nelle sue opere, tra cui: l’immigrazione, il rapporto tra l’individuo e le influenze culturali contrastanti, il ricordo privato e la storia pubblica. Ha lavorato per diversi anni come editor e docente universitario di Letteratura. Ha pubblicato sei libri, tra cui due romanzi, raccolte di novelle, saggi e un’opera teatrale. Ha ricevuto numerosi premi letterari in Canada per i suoi contributi artistici.






Titolo
: Acero e Acciaio

Autore: Paolo Santaniello

Casa editrice: Aporema 

Genere: Storico/Avventura

Prezzo: ebook 3,99 / cartaceo 13,90

Pagine: 300

Trama:  

Anno 1888. Tra la Francia della Belle Époque e la Londra vittoriana, s’intersecano le vicende di sette personaggi, all’inseguimento di un violino Stradivari: un geniale ma squattrinato pittore che sogna i tropici, un collezionista idealista che vuole a tutti i costi riscattare la memoria del maestro, un’eterogenea banda di delinquenti improvvisati che tenta il colpo della vita, un giovane poliziotto di Scotland Yard dal fiuto eccezionale, un eccentrico aristocratico con la passione per gli enigmi investigativi e la nipote, adolescente ribelle. 
Le loro storie ruotano intorno alla ricerca del leggendario violino, detto "Il Messia", che sembra avere la maledizione di sfuggire sempre a chi più lo desidera.


Citazione

“C’era quel secolo nuovo, scalpitante, così impaziente di arrivare in anticipo. C’era quel secolo vecchio, così ostinato a resistere fino all’ultimo dei suoi anni, riluttante a cedere il passo al progresso. C’era tutta quella modernità, straripante di forza sovrumana, inarrestabile, ingorda nel divorare cielo, terra e città. C’era la bellezza classica, delle arti, della storia, della gioventù. E poi c’era la primavera, che sbocciava con la piena potenza esplosiva di profumi, colori e vita.
Tutte queste cose quell’anno erano a Parigi, all’Expo, l’Esposizione Universale, allestita nei giardini del Campo di Marte per celebrare i cento anni della Rivoluzione: per i Francesi e per il mondo intero, i cento anni più importanti di tutta la Storia.”





Titolo
: “Il sorriso del lupo”

Volume II della “Trilogia del granello di sabbia”

Autore: Pietro Bertino

Editore: autopubblicato

Data di uscita: 12 gennaio 2021

Genere: Distopico, Romanzo di formazione

Pagine: 277

Formato: Ebook e Cartaceo

Prezzo: ebook 2,69€, cartaceo 7,84€



Sinossi: 

Può la legge cancellare la pietà? Il governo dei Giudici controlla con ferocia e crudeltà le terre risparmiate dalla tempesta di ghiaccio che ha devastato il mondo. Ismaele, rimasto solo, cerca di sopravvivere in un mondo che non è più più quello che per cui i suoi genitori avevano lottato. Dovrà diventare uomo in fretta e guardarsi dal sorriso del lupo.

L’autore

Pietro Bertino è nato a Genova. Lavora come insegnante in una scuola della periferia genovese. Si è sempre occupato di disagio scolastico e tiene corsi sulla Didattica dell’antimafia rivolti agli insegnanti. Ha pubblicato come autore indipendente “Il Granello di Sabbia” e “Il sorriso del lupo”.







Titolo
: La Seconda

Autore: Giulia Basile

Genere: Narrativa

Casa Editrice: Les Flâneurs Edizioni

Collana: Bohémien

Data di uscita: 15/3/2021

Pagine: 190

Prezzo Cartaceo: € 15,00 

Codice ISBN: 9788831314770

«Dovevo ricominciare solo da me
se volevo rimanere viva»

«I miei diciotto anni erano passati da un pezzo e si poteva dire che avevo avuto già il tempo di vivere due vite: una da figlia e una da madre surrogata per le mie sorelle. Ma né quella di figlia né quella di madre erano state per me appaganti»

Trama: 

Relazione fa rima con comprensione. Non sempre è facile relazionarsi in modo sereno ed efficace all’interno di un nucleo familiare. Lo sa bene Filomena che, seconda di quattro figlie, fin da piccola lotta per trovare il proprio spazio nel mondo. Messa in ombra dal caso, sia per essere nata dopo la primogenita, sia per non essere il maschio che suo padre ha sempre desiderato per avere manforte in famiglia e potersi concentrare sulla propria realizzazione, lei impara a sentirsi la Seconda in ogni aspetto della sua vita. Nello studio, nel lavoro e soprattutto nell’amore. Il suo sarà un percorso difficile che però la porterà a conoscere se stessa, i propri limiti e a imparare la più grande lezione sulla vita che chiunque potesse darle. Qual è il vero primo passo da fare per recuperarsi e vivere?

L’autrice

Giulia Basile, laureata in Lettere e in Pedagogia, ha speso la sua vita nella scuola. Dinamica animatrice culturale e sociale, è stata tra l’altro consigliera comunale e sindaca di Noci (Ba) suo paese natale. Fondatrice dell’Associazione culturale femminile D.A.R.F. e dell’AVIS (Ass.Donatori Sangue) di Noci, è presente in varie associazioni a livello nazionale e internazionale come AIRC, Toponomastica Femminile, Progetto Continenti. Numerose sono le sue pubblicazioni in prosa e in versi.







Titolo
: Pandemiocene

Autrice: Nico Catalano / Michele Sozio 

Collana: Divulgazioni

Genere: Saggistica

Data di uscita: 15 marzo 2021

Pagine: 128

Prezzo: 12,00 euro

Isbn: 978-88-99962-41-8

Il libro:

«Tornare alla normalità è il mantra che abbiamo ascoltato durante i mesi dell’emergenza Covid, un imperativo che ancora oggi sentiamo ripetere all’unisono da media e istituzioni. 
Ma siamo proprio sicuri, stavolta, che tornare alla normalità ci possa salvare?»

All’orizzonte si intravede già il Pandemiocene, la nuova era caratterizzata dall’avvicendarsi di numerose pandemie, forse l’ultima era per il genere umano sul pianeta, tragica conseguenza del catastrofico Antropo¬cene

La pandemia di COVID-19 ha messo in ginocchio le economie del nostro pianeta, distrutto famiglie, decimato generazioni e messo in dubbio il futuro di milioni di persone. Nell’ultimo anno espressioni come “andrà tutto bene”, “ne usciremo migliori”, sono state ripetute ovunque: dai social ai telegiornali, fino all’ultimo dei talk show. Ora è arrivato il momento di trasformare questi slogan in due quesiti: andrà tutto bene? Ne usciremo migliori? Questo libro avverte che le risposte non vanno cercate nel futuro, ma nel passato, in come l’uomo abbia organizzato l’economia e la produzione al servizio del consumismo, voltando le spalle a un pianeta che comincia a presentarci il conto. Il Coronavirus non è stata la prima e non sarà l’ultima delle pandemie. Eppure una soluzione per arginare tutto questo c’è.

Gli Autori:

Michele Sozio Biologo Nutrizionista laureato in Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione Umana, ha partecipato alla realizzazione della guida Dammi il 5, in collaborazione con l’ospedale Bambin Gesù di Roma. Esperto in comunicazione alimentare e docente di alimentazione, ha condotto diversi workshop nutrizionali presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Si occupa di Educazione al Gusto, buone pratiche alimentari e sostenibilità del cibo.

Nico Catalano Laureato in Agraria, svolge la professione di dottore agronomo. Dal 2013 è consulente presso il Dipartimento Agricoltura Sviluppo Rurale e Ambientale della Regione Puglia. Dal 2016 è dirigente regionale di AIAB Puglia (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica) e dal 2018 siede a Roma nel consiglio di amministrazione della FIRAB (Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica). È componente del Forum Pugliese per l’agricoltura sociale. Per i tipi di Radici future ha pubblicato Abbiamo fatto 13 (2018). Nel 2019 pubblica Ecce mondo (Giazira scritture).


Una scrittura a quattro mani per un romanzo dove i protagonisti assoluti sono i sentimenti come l’amore e l’amicizia che spesso sparigliano le carte sul tavolo della vita.






Titolo
: Non è tempo per noi

Autori: Ilaria Carrieri e Christian Stifano

Genere: Narrativa 

Casa Editrice: Fides Edizioni

Pagine: 166

Prezzo: € 15,00 

Codice ISBN: 979-12-800-63-113

Data di uscita: 10/3/2021

«Ero innamoratissimo di lei, anche se non glielo avevo mai detto.
 L’avevo vissuta quotidianamente, respirata e messa al primo posto.
Adesso anche lei mi veniva tolta, ancora una volta senza sapere il perché»

Il giovane vicentino Marco studia Architettura a Venezia, per la prima volta lontano da casa e pronto a sfidare il mondo. Dopo aver superato con difficoltà l’abbandono improvviso e immotivato del padre, ha deciso di vivere la vita con tutta l’intensità dei suoi vent’anni, senza porsi troppi problemi e affrontando ogni sfida con lo spirito scanzonato che lo contraddistingue, ma anche ponendosi degli obiettivi che vuole assolutamente raggiungere. Il suo equilibrio si basa su alcuni punti fermi, fra cui il fidato amico Vincenzo,
la fidanzata Lucia e l’amica virtuale Alessandra, l’unica con cui riesce ad aprirsi veramente,
confidandole perfino i lati più oscuri del suo recente passato. Ma un giorno la sua esistenza
più o meno stabile viene sconvolta da un bellissimo uragano: una ragazza misteriosa gli ruba un bacio a una festa, e da quel momento nulla sarà più lo stesso.


Biografie

Ilaria Carrieri (1988, Taranto), abita a Roma dal 2007, dove si è laureata in Mediazione linguistica all’Università La Sapienza. Grande appassionata di letteratura, musica e sport, ha scritto con il suo amico Christian Stifano Non è tempo per noi, il loro primo romanzo inedito.

Christian Stifano (1986), laureando in Psicologia presso l’Università degli Studi di Bari e in formazione presso la scuola di Counseling Fileoenergetica di Martina Franca, è un imprenditore pugliese. Da sempre appassionato di discipline umanistiche, tra cui letteratura, filosofia e psicosomatica, si occupa di formazione. Non è tempo per noi nasce dalla condivisione dell’amore per la scrittura con l’amica Ilaria Carrieri.







Adua

Recensione: ADUA di Igiaba Scego

6/25/2021



Titolo: Adua
Autore: Igiaba Scego
Prima edizione: Giunti - 2 settembre 2015
Pagine: 192
Prezzo: cartaceo - € 13,00; ebook - € 4,99

Trama
Adua è oggi una donna matura e vive a Roma da quando ha diciotto anni. È una vecchia Lira, così i nuovi immigrati chiamano le donne giunte nel nostro paese durante la prima ondata di immigrazione negli anni settanta. Ha da poco sposato un giovane Titanic, un immigrato sbarcato a Lampedusa, e medita di tornare in Somalia dopo la fine della guerra civile. Ormai sola (la sua amica Lul è già rientrata in patria e il giovane marito è interessato più a Facebook che a lei), Adua si confida con la statua dell'elefante che sorregge l'obelisco in piazza Santa Maria sopra Minerva. Piano piano gli racconta la sua storia: suo padre Zoppe, ultimo discendente di una famiglia di indovini, lavorava come interprete durante il regime e negli anni trenta baratterà involontariamente la sua libertà con la libertà del suo popolo. Adua, fuggita dai rigori paterni e dalla dittatura comunista, approda a Roma inseguendo il miraggio del cinema. Purtroppo l'unico film da lei interpretato, un porno soft dal titolo "Femina somala", sarà fonte solo di umiliazione e vergogna. Solo adesso Adua sente di essere pronta a riprendere in mano la sua vita.

***

Adua è un romanzo sulla libertà, quella sognata e sofferta dalla protagonista e quella barattata e stentata da suo padre Zoppe. Alternando capitoli in prima e terza persona, Scego ricostruisce le radici di un rapporto conflittuale.
Adua, che porta il nome della famosa battaglia abissina, racconta la sua storia rievocando a poco a poco il suo passato a partire dal bivio che potrebbe ricondurla in Somalia, a Magalo, nella casa da cui è fuggita. Strappata alla sua prima vita, Adua si è nutrita dei sogni cinematografici e ha tentato di seguire il sogno, di liberarsi dall’oppressione di un padre sconosciuto.
In Italia, ha poi accolto un giovane immigrato, diventando moglie e anche un po’ madre. Nel complicato rapporto con il marito emerge un dolore rabbioso fatto di nomignoli crudeli: lei, la Vecchia Lira, e lui, il Titanic; la Lira ormai superata e il Titanic sopravvissuto al naufragio.
La storia di Zoppe, affidata al narratore esterno, segue una cronologia più ordinata. Durante la Seconda guerra mondiale diventa interprete, impara a sopravvivere in Italia e poi in Somalia.
Adua e Zoppe sono due volti della storia di un Paese sottomesso e distrutto da una liberazione di parole e non sostanza. Ho scoperto così, leggendo il romanzo di Scego, quanta e quale parte della storia italiana sia taciuta.
Scego si concentra sull’aspetto psicologico, sul trauma e sul dolore, e lascia fin dalle prime pagine presagire un punto di contatto tra le storie di Adua e Zoppe. Molto viene chiarito nel corso della lettura, ma entrambe le narrazioni rimangono sospese quasi non si potessero realmente incontrare.
Adua è un romanzo che va oltre la storia principale per raccontarne una più grande, che sento di dover approfondire. Sebbene sia convinta che molto potenziale sia rimasto inespresso, è per questa storia che ne consiglio la lettura: dovremmo riscoprire il passato colonialista dell’Italia, l’amministrazione fiduciaria della Somalia negli anni Cinquanta, quando cessava di essere una colonia, perché nulla è senza conseguenze.




Annie

Recensione: "La salita dei saponari" di Cristina Cassar Scalia

6/22/2021

La salita dei saponari
Vanina Guarrasi #3
di Cristina Cassar Scalia
Einaudi Editore
312 pagine
€ 18

TRAMA
Solo un caso molto complesso può distogliere, anche se per poco, il vicequestore Vanina Guarrasi dalla caccia ai propri fantasmi e riportarla in azione. Anzi, qualcosa di più di un caso: un intrigo internazionale all'ombra dell'Etna. Esteban Torres, cubano-americano con cittadinanza italiana e residenza in Svizzera, viene trovato morto nel parcheggio dell'aeroporto di Catania; qualcuno gli ha sparato al cuore. L'uomo ha un passato oscuro, e girano voci che avesse amicizie pericolose, interessi in attività poco pulite. Eppure le indagini sono completamente arenate: nessun indizio che riesca a sbloccarle. Questo finché a Taormina, dentro un pozzo nel giardino di un albergo, si scopre il cadavere di Roberta Geraci, detta «Bubi». Torres e Bubi si conoscevano. Molto bene. Con l'aiuto della sua squadra e dell'immancabile Biagio Patanè, commissario in pensione che non ha perso il fiuto, Vanina riporterà alla luce segreti che hanno origine in luoghi lontani. Ma non potrà dimenticare gli incubi che la seguono fin da quando viveva a Palermo. Questioni irrisolte che, ancora una volta, minacciano di metterla in pericolo.

LA MIA OPINIONE

Che la serie di Vanina Guarrasi sia diventata in poco tempo una delle mie preferite, non è un mistero. Ho amato moltissimo il primo volume e da allora non resisto alle avventure di questo Vicequestore, che in questo libro si trova alle prese con un caso più che particolare.
Esteban Torres, un imprenditore di origine cubana, viene ucciso nel parcheggio dell'aeroporto di Fontana Rossa. Le ombre sul passato e sugli affari dell'uomo sono moltissime, considerato il suo lavoro nei casinò degli Stati Uniti. Ma del suo assassino non c'è traccia. 
Pochi giorni dopo, nel pozzo di un albergo di Taormina, viene rinvenuto il cadavere di Bubi Geraci, la cui vita era legata a quella di Esteban Torres sia perché i due avevano una relazione, sia per affari.
Tra un passato che non sembra volerla lasciare andare via da Palermo e un'indagine che nasconde segreti in posti lontani, anche questa volta Vanina dovrà superare un buon numero di ostacoli per trovare la verità sugi omicidi, ma anche per scrollarsi di dosso, almeno un po', il peso del suo passato.

Tre è il numero perfetto, lo sappiamo tutti. Ma forse non è così per il Vicequestore Guarrasi, che in questa terza avventura fa davvero un po' di fatica. Questo romanzo era quello che avrebbe potuto consacrare Vanina come ottimo personaggio seriale, ma devo ammettere che le mie aspettative non sono state del tutto soddisfatte. 
Il giallo ha tutte le premesse per essere interessante, su questo non c'è dubbio: Esteban Torres è un morto dal passato talmente complesso che sin da subito viene voglia di saperne di più su di lui. Il caso però non decolla fino a metà del romanzo e viene salvato certamente dal finale, che scombina le carte in tavola.
Quello che inizia a pesare un po' nella narrazione è certamente il passato di Vanina, una bella matassa ingarbugliata di cui ancora non riusciamo ad afferrare il bandolo. È vero, la sua storia personale è complicata, soprattutto per ciò che riguarda l'omicidio del padre, ma dall'altro lato c'è il rapporto molto complesso con Paolo Malfitano, il magistrato a cui ha salvato la vita quando faceva parte della sua scorta e di cui era molto innamorata. Il loro rapporto continua ad essere un continuo di alti e bassi e pur comprendendo umanamente Vanina, il fatto che la loro situazione sembri senza via d'uscita non aiuta.

Nel complesso posso dire che La salita dei saponari è un giallo godibile, ma un po' fiacco rispetto ai primi due volumi della serie. Spero quindi che la svolta vera, per il Vicequestore Guarrasi, sia solo rimandata al prossimo romanzo.


Amaranth

Recensione: NON SI MUORE DI LUNEDÌ di Gabriele Micalizzi e Elena Cesana

6/16/2021


Titolo: Non si muore di lunedì. Storia del fotoreporter sopravvissuto all'ISIS
Autori: Gabriele Micalizzi e Elena Cesana
Prima edizione: Signs Publishing - 4 settembre 2020
Pagine: 96
Prezzo: cartaceo - € 20,00

11 febbraio 2019. Baghuz. Siria. Un colpo di RPG sparato dai miliziani dell'ISIS esplode a pochi passi da un fotoreporter italiano che viene gravemente ferito. Il suo nome è Gabriele Micalizzi, le sue fotografie di guerra sono famose nel mondo. Le protezioni che ha indosso gli riparano parzialmente il corpo investito dalle schegge e, ironia del destino, la macchina fotografica che sta usando in quel momento fa da schermo ai suoi occhi. Micalizzi è a terra, come sospeso tra la vita e la morte. In quei lunghi, infiniti momenti, si fanno strada i ricordi più vivi, quelli più forti, quelli che paiono ancora a portata di mano... i suoi ultimi anni, quelli della guerra, della prima linea, delle milizie dell'ISIS inseguite con una macchina fotografica dalla Libia alla Siria. Così, da quel momento a terra in cui la ghiaia si impasta con il sangue, nasce il racconto autobiografico a fumetti di un grande protagonista della fotografia di guerra di questo nostro, nuovo millennio... 

Disegni di Elena Cesana (già disegnatrice Bonelli), ampia parte dedicata alle fotografie di Micalizzi e molti contenuti interattivi in “realtà aumentata” (QR code).

***
Non si muore di lunedì ha un sottotitolo: Storia del fotoreporter sopravvissuto all’ISIS. Solo che Micalizzi e Cesana hanno deciso di raccontare molto di più. Anche prima di quel giorno di febbraio, infatti, Gabriele ha rischiato molto: nella prefazione, Enrico Dal Buono scrive che nelle fotografie di Micalizzi non c’è protagonista, è assente ma allo stesso tempo ingombrante. È la morte «il soggetto impossibile» delle fotografie di Gabriele Micalizzi.
Il libro si divide in due parti. La prima è una sorta di (auto)biografia di Gabriele Micalizzi, costruita intorno a un episodio centrale: l’esplosione in cui ha rischiato di perdere la vista e la vita. La tavola, che inaugura la narrazione, ritrae il fotoreporter a terra, conscio di essere gravemente ferito, ed è riproposta a intervallare un racconto in cui l’unico colore è il rosso del sangue degli uomini giustiziati dall’ISIS.
Dal giorno dell’esplosione nel 2019, infatti, i disegni passano al 2016, quando Gabriele si imbarca su un volo diretto in Libia.

La Libia torna nel caos di una nuova guerra.

Nonostante Cesana abbia riservato il colore solo agli eventi del 2019, le fotografie di Micalizzi si mimetizzano all’interno delle tavole rendendo evidente la vividezza dei disegni. Già questa fusione è un esperimento interessante e ben riuscito che riesce a suggerire il potere narrativo della fotografia.
La seconda parte del volume si allontana, invece, dall’episodio che coinvolge direttamente Micalizzi e si racconta, attraverso una serie di fotografie, l’ascesa dell’ISIS fino alla caduta del califfato di Al Baghdadi.
Non si muore di lunedì ha una composizione artistica e narrativa articolata, ma di agile fruizione. Si tratta di una ricostruzione biografica e storica apprezzabile che pone dei punti fermi al corso degli eventi e aiuta grazie ai supporti grafici e multimediali a comprendere le dinamiche della guerra.
Il libro, infatti, è arricchito da numerosi ma brevi video a cui il lettore può accedere attraverso dei codici QR collocati a margine delle pagine. Spesso questo tipo di contenuti permette alla scena disegnata da Cesana di prendere movimento, prendendo concretezza.
La struttura del volume, composto da due parti saldate tra loro dalla figura di Micalizzi nella duplice posizione del protagonista e del regista, è di per sé sufficiente a spiegare quel di più a cui accennavo ma si potrebbe considerare un ulteriore aspetto. La narrazione di Non si muore di lunedì è triplice: accanto all’esperienza personale di Micalizzi, si apprendono la realtà degli scontri e il durissimo lavoro del fotoreporter.
Il fotoreporter è una figura che si presta a essere idealizzata, ma anche inquinata dal dubbio che proponga immagini costruite in cerca di sensazionalismi. Non è un sospetto che possa venire osservando le foto di Micalizzi, ma liberate dal contorno della narrazione a fumetti, danno l’impressione dell’occhio di uno spettatore e la guerra diventa un teatro. Il graphic novel ha il merito di restituire una posizione al fotoreporter, a Micalizzi: ci racconta la prima linea, la stanchezza, il sudore, la materialità tangibile del pericolo.
Mentre siamo al sicuro nelle nostre case, guardando i servizi del telegiornale, forse non pensiamo a chi ci permette di vedere, di conoscere cosa sta succedendo. È scontato: qualcuno lo dovrà fare, è pagato, non corre davvero dei rischi. Micalizzi e Cesana smantellano queste idee rassicuranti.
Quando decide di tornare in Italia, per esempio, Gabriele è a corto di fondi e ha ricevuto altre proposte di lavoro, come un servizio fotografico per il calendario di miss Italia 2018. Per stare in prima linea servono soldi. Non si muore di lunedì racconta la storia di Gabriele e la storia, o meglio le storie, delle sue fotografie perché, in fondo, è questo che fa il fotoreporter: cerca le storie e le racconta nella loro crudezza.




#stodadio

C'è post@ per noi... #429

6/13/2021

Buona domenica, Lettori!
Anche oggi abbiamo per voi ben sei proposte di lettura tutte made in Italy che non potete lasciarvi scappare. Pronti a scoprirle?


Titolo:
Berlinacht
Autore: Bepe De Giglio
Editore: Fides
Pagine: 90
Prezzo: € 10 (cartaceo) € 5,99 (ebook)

TRAMA
Olga e Leila sono gemelle, ma la loro vita non potrebbe essere più diversa: la prima vive a Berlino, è una madre single e lavora come escort nel conturbante locale Masquerade, dove tutti i sogni proibiti possono avverarsi e dove gli uomini di potere della città si riuniscono per mescolare affari e piacere. La seconda vive a Bari, ha una relazione stabile e una carriera artistica luminosa e ben avviata. Ma le loro esistenze, che da molti anni scorrono su binari separati, stanno per tornare a unirsi: in una calda notte di agosto, Olga è vittima di una violenta aggressione; non ha voluto stare al gioco di persone senza scrupoli e adesso è costretta a pagarne il prezzo. Leila non può fare a meno di correre a Berlino da lei... e ritrovarsi così invischiata in una torbida storia di potere, omicidi, denaro e ricatti, precipitata in una vita che non è la sua ma che potrebbe diventarlo, perché forse è proprio ciò che desidera, più di quanto abbia mai immaginato...


Titolo: L'uomo sole
Autore: Saverio Giannini
Editore: Giazira Scritture
Pagine: 160
Prezzo: € 13 (cartaceo) € 4,89 (ebook)

TRAMA
Samuel ha diciotto anni. É da una vita che viene bullizzato e per questo si sente uno zero. Non ha una ragazza, non ha amici. Ma ha un super potere e lo scoprirà presto. Cominceranno così le sue incredibili avventure. Sempre più persone avranno bisogno dell’Uomo Sole, il super eroe capace di curare le ferite dell’anima. Ben presto, però, si troverà di fronte a un bivio e dovrà decidere se sfidare il Sistema o arrendersi ad esso.


Titolo: Gli infiniti passi dell'anima
Autore: Azalea Aylen 
Editore: Carpa Koi
Pagine: 224
Prezzo: € 12 (cartaceo) € 4,45 (ebook)

TRAMA
Viola è una giovane donna che ha alle spalle un passato doloroso di abusi famigliari, fisici e psicologici. Vessata dai suoi genitori, ma soprattutto da sua sorella, che sembra decisa a rovinarle la vita, Viola chiede aiuto a una cartomante per spazzare via l’ombra di mistero che grava sul suo passato. Grazie a lei scoprirà che il suo spirito ha attraversato altre epoche, reincarnandosi in vite precedenti, che hanno tutte in comune un tragico destino. Infatti le esperienze del passato si sono riversate nel presente, portando con loro un'antica maledizione, che risale a molti secoli prima, quando la fattucchiera Josefa s’innamorò di Alvaro, giovane cavaliere al servizio di Re Giovanni II, nonché antenato di Viola. Ma questo amore non ricambiato, scatenerà attraverso i secoli una serie di menzogne e sortilegi di cui Viola finirà per essere il bersaglio. Fino al giorno della resa dei conti.Tramite una serie di flashback, Azalea Aylen ci narra una storia ricca di magia e leggende, un viaggio spirituale dell’anima attraverso il tempo per raggiungere l’illuminazione e rompere così la maledizione della strega.


Titolo: Visti da dentro
Autore: Donato Ortese e Maria Ronchi 
Editore: Fides
Pagine: 96
Prezzo: € 10 (cartaceo)

TRAMA
Voci diverse, anime affini… parole che formano frasi e frasi che dipingono racconti, fulminei come stelle cadenti e dotati della stessa effimera bellezza, che con lucida poesia ci parlano della vita e dell’amore da una prospettiva unica, quella di chi ha scelto di donarsi interamente agli altri e di occuparsi del loro benessere, fisico o mentale che sia. Parole, frasi e racconti in cui si rincorrono incontri, attimi, percezioni e riflessioni e in cui esperienze quasi casuali si espandono e acquisiscono senso e significato. Il buio di un centro di radiologia, una sala d’aspetto, il corridoio deserto di un ospedale, una giornata d’estate dopo l’incontro con la solitudine e la malattia, scintille di empatia verso perfetti sconosciuti, la tristezza per una vita perduta, il senso di impotenza e di angoscia per un presente mai così incerto, il desiderio di amare e di sentirsi completi… tutto racchiuso in diciannove piccole perle che scaldano il cuore e aprono a una diversa visione del mondo.


Titolo: #Stodadio- L'enigma di Artolè
Autore: Carmine Caputo
Editore: 236
Pagine: Damster
Prezzo: 13,30 (cartaceo) € 2,99 (ebook)

TRAMA
Cercate le risposte difficili, che quelle facili sanno darle tutti. Non è necessario che veniate a trovarmi al cimitero. Non sto là. Sto altrove, e devo dire che sto benone. Sto da Dio. Il maresciallo Luccarelli si è finalmente preso un paio di giorni di ferie. Si rilasserà partecipando ad Artolè, una festa sull’Appennino bolognese: arte, buon cibo, musica nel paesino di Tolè. Ma i criminali non vanno in ferie, e il mattino dopo il carabiniere si ritroverà di fronte a un cadavere trafitto da un pugnale. Unico indizio: un elenco di numeri di telefono sul comodino della vittima. Se solo le opere d’arte che riempiono le strade di Tolè potessero raccontare quello che hanno visto...


Titolo: L'azzurro fa bene agli occhi
Autore: S.I.
Editore: Brè Edizioni
Pagine: 314
Prezzo: € 14 (ebook) € 3,99 (ebook)

TRAMA
L’azzurro è quello degli occhi magnetici di Sergej, tassista ucraino a Roma, in cui si perde Caterina, sensuale, giovane romana senza inibizioni, che gira per la città vestita come una puttana, così le grida Sergej, ma lei è puttana solo per lui. Una storia complicata, molto. Un gomitolo che si srotola tra la nostra capitale e l’Ucraina, all’ombra della guerra di pochi anni fa, dove si intrecciano uccisioni, tradimenti, adulteri, fughe, ritrovamenti, dolore, verità svelate. E sesso, perché in questo struggente romanzo, opera prima di una giovane umbra, vero talento letterario, c’è la passione pura e cruda e, si avvisano le lettrici e i lettori, scene di sesso passionale, perfettamente aderenti e funzionali ai personaggi, mai gratuite. Li seguirete nel loro viaggio all’interno della guerra, patirete per i dolori subiti, gioirete per l’amore sofferente, per i drammi che la guerra si porta dietro, per la vita che ricomincia, per la speranza che non deve mai venire meno!



Guia Risari

Recensione: LA TERRA RESPIRA - GUIA RISARI

6/09/2021

Titolo: La Terra Respira

Autrice: Guia Risari

Illustratore: Alessandro Sanna

Editore: Lapis Edizioni

Pagine: 36


Sinossi: Un giorno, due fratelli sentono i battiti di un cuore e immaginano che la Terra abbia un corpo vivo e pulsante. Decidono così di partire ad esplorarla. Cosa sono il lago e le colline, il bosco, l’ombra, i frutti, i fiumi e le montagne, se guardati con attenzione? E cosa è il mare con tutte le creature che lo popolano? Nelle sue acque i due fratelli sentono di nuovo un battito regolare e profondo. Perché la Terra ha infiniti cuori, tutti da seguire.

Un racconto poetico sulla natura, la sua forza, la sua bellezza, il suo linguaggio e la capacità di leggere il mistero della vita.


Recensione: 

Dolcissima e poetica la dedica iniziale al padre dell'autrice.

Le illustrazioni sembrano disegni acquerellati, niente o quasi è netto nelle linee, i colori sono rilassanti, azzurro e verde predominano.

Due fratellini si accorgono che la terra respira, nelle sue meraviglie viene umanizzata dai bimbi, come se avesse polmoni, orecchie, capelli, guance, vene, articolazioni ed ovviamente cuore.

La Terra è così grande, guardarla da una finestra è limitante, va esplorata in prima persona e così decidono di fare i due fratellini.

La Terra presenta ed offre tutto ciò di cui abbiamo bisogno per sopravvivere.

Si riesce a guardare ciò che ci circonda con gli occhi meravigliati dei bambini, cosa c'è di più tenero? Molto dolce, perfetto per il pubblico a cui è destinato.






Antonia Calabrese

C'è post@ per noi... #428

6/06/2021

 

Buona domenica, Lettori!
Inizia un nuovo mese e noi abbiamo nuove proposte di lettura da condividere con voi. Tra i titoli c'è anche un ebook gratuito!





Welcome di Antonia Calabrese

La narrazione è ambientata in un territorio afflitto dallo spopolamento, quello fra il reatino e l’aquilano, che abbonda di città fantasma.


Titolo: Welcome
Autore: Antonia Calabrese
Editore: autopubblicato - 5 gennaio 2021
Pagine: 217
Prezzo: cartaceo - € 12,50; ebook - € 5,30


Trama
Amicizia, amore, mistero. Il legame con l’amico del cuore, il fascino ambiguo dell’intraprendente fratellastro. La quasi quarantenne Dalma da qualche tempo non riesce più a scrivere. Durante una notte burrascosa si ritrova sballottata, con l’automobile in panne, davanti a un’antica tenuta di campagna. Soccorsa dal proprietario, la permanenza si rivela felice. Trasferitasi a Roma per respirare indipendenza dall'ansiosa madre, trova ospitalità presso un'anziana marchesa che le mostra un album di vecchie fotografie. Al magico quartiere Coppedè incontra un uomo che risveglia in lei forti emozioni. Come mai rassomiglia al tale che l'ha ospitata in quel luogo ignorato da tutte le mappe? Una storia ai confini della realtà, una città fantasma, un’appassionante e poetica narrazione paesaggistica dei territori del Cicolano. Infine, quel mutamento che segnerà per Dalma la risoluzione del “blocco dello scrittore”.

Antonia Calabrese è nata nell’Alta Valle del Sele nell’anno 1958 ed è cresciuta in Toscana, ad Arezzo, ospite del Convitto Santa Caterina d’Alessandria. Ha frequentato l’Istituto d’Arte alla sezione di Moda e Costume teatrale e ha completato gli studi artistici presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, conseguendo la Laurea Magistrale in Storia dell’Arte al corso di scultura nell’anno 1979. Durante la permanenza di studi a Roma ha collaborato come articolista con la rivista “Giornate italiane”. 
Dal 1986 al 2003 ha collaborato col mensile “Il Granel di Senape” di Torino.
Vive in costiera cilentana, dove si è trasferita negli anni novanta.
Si occupa di letteratura, poesia, pittura, scultura, digital painting e mail art.
Premiata con il “Premio Cilento Donna 2015”, nel 1992 ha pubblicato la sua opera prima, “L’Agnello”, e il commentario biblico “Lo Spirito e la sposa”. Nel 2019 ha teorizzato e pubblicato il “Manifesto del Movimento Artistico Mutazionista”. Nel 2020 ha pubblicato i primi quattro volumi della collana “PoeticaMente”.


Le scelte dei grandi di Fabrizio Colucci


Le soluzioni erano due: restare ad aspettare la signora Quattrociocche che non sarebbe mai scesa, e che se mai avesse avuto l’ardire di farlo, al massimo ne avrebbe ricavato del piacere sessuale e il suo amato architetto l’aumento di qualche centimetro di corna, oppure uscire da quel fottuto parcheggio, il che avrebbe reso felice un romano che da venti minuti ne era alla ricerca, per inseguire quella Saab al cui interno, certamente, non si erano incontrati tre amici.



Titolo: Le scelte dei grandi
Autore: Fabrizio Colucci
Editore: Il Rio edizioni
Pagine: 72
Prezzo: cartaceo - € 12,00


Trama
Giorgio Lamberti, dopo essere stato espulso dalla polizia, tira avanti spiando mogli o mariti fedifraghi per conto di un'agenzia investigativa. La vita familiare non va meglio: divorziato, prova senza sosta a mantenere un rapporto con l’unica figlia. Tutto cambierà quando, dopo settimane di infruttuosi appostamenti per i soliti sospetti di corna di un noto professionista, noterà due tizi dall'aspetto poco raccomandabile caricare in macchina una giovane ragazza. Ecco subito risvegliarsi l'istinto del poliziotto, che senza pensarci due volte si mette all'inseguimento dell'auto. Ne seguirà un viaggio in una Roma piovosa e sporca, tra prostitute e sfasciacarrozze: una Città Eterna sconfinata che mostra i suoi lati più oscuri, dove il denaro azzera le differenze fra il centro storico e la periferia.

Fabrizio Colucci lavora nel mondo del cinema all'interno di numerose e note case di produzione, collaborando attivamente all’uscita di molte pellicole per il grande schermo.


Il diavolo sulle colline di Cesare Pavese



Titolo: Il diavolo sulle colline
Autore: Cesare Pavese
Editore: Urban Apnea Edizioni - gennaio 2021
Pagine: 168
Prezzo: cartaceo - € 12,00; ebook - gratuito

Trama
Le turbolenti nottate torinesi di tre borghesi universitari, tra alcol, fumo, incontri imprevisti e cocaina, si contrappongono alle lunghe giornate estive della campagna, immerse nella calma e nella tradizione contadina italiana.
Le perversioni cittadine e la frugalità dei campi si incontrano al Greppo, nobile tenuta del ricco milanese Poli, simbolico precursore del futuro liberismo, dove i tre amici restano ospiti per un paio di piacevoli giornate di fine agosto.

Il volume contiene anche cinque poesie.



Le fiamme dei Balcani di Valerio Di Donato




Titolo: Le fiamme dei Balcani. Guerra e amore dentro l'anima di un mondo "ex"
Autore: Valerio Di Donato
Editore: Oltre edizioni - 23 febbraio 2021
Pagine: 282
Prezzo: cartaceo - € 18,00

Trama
Guerre e amori, affetti e odi politici, ideologici e nazionali: sono tutti fattori che si mescolano nella trama del racconto che Di Donato sa sapientemente descrivere, facendo intravedere filoni nascosti che legano in maniera sorprendente avvenimenti degli anni Quaranta risalenti alla seconda guerra mondiale con quanto avvenuto più di recente negli anni Novanta nella Jugoslavia poi disgregata dalle sanguinose guerre interne. Il romanzo nasce come un lungo viaggio alla ricerca della soluzione di un mistero che ha attanagliato per molti anni la vita del protagonista, venuto a conoscenza di un preciso disegno per ucciderlo, ed assume via via le sembianze di un vero giallo storico in cui Antonio Fabris vuole capire e conoscere i motivi per i quali nel 1943 era stato a sua insaputa condannato a morte dai partigiani comunisti jugoslavi. Ecco allora che gli interrogativi legati al passato e a quanto gli avvenimenti storici possano influenzare, molto spesso in modo drammatico, la vita delle persone, trovano una chiara risposta positiva nelle pagine del racconto.

Valerio Di Donato (1955) ha svolto la maggior parte della sua attività professionale come giornalista al «Giornale di Brescia» alle pagine di politica interna e estera. Negli anni, ha sviluppato una documentata e sensibile attenzione alla delicata questione del «confine orientale», narrando e approfondendo le varie sfaccettature di una storia travagliata, che nel Novecento segnò profondamente tutte le componenti etniche della Venezia Giulia e Dalmazia. Ha seguito, con pari interesse, le guerre di dissoluzione della ex Jugoslavia e la costituzione nelle nuove repubbliche, fondate sulle regole della democrazia, ma fortemente permeate dal nazionalismo.

Il porto di Camelia di Omar Fusco


Titolo: Il porto di Camelia
Autore: Omar Fusco
Editore: Abel Paper
Pagine: 132
Prezzo: ebook - € 3,63; cartaceo - € 14,25


Trama
Il racconto si dirama all’interno di un sogno vissuto dall’autore in una sola notte. Ranuncolus si ritrova su di una piccola e sgangherata imbarcazione in compagnia di un uomo, Thymus, “a lui ignoto ma non del tutto”, e insieme inizieranno un viaggio indimenticabile. Il tempo è scandito da un impetuoso Tsunami che li farà approdare ai porti di un’isola perfettamente circolare. Questa terra a seconda del vento da cui è investita produce diverse forme di flora e fauna così come di uomini e donne che, prima o poi, faranno parte dell’equipaggio capitanato da Thymus.
Per fuggire l’“onda contro il porto”, insieme, ricorderanno ciò che fu e come poterlo rianimare, ma questa volta in una forma imperitura.

Omar Fusco - Scrivo sin da quando ero piccolo. Amo la scrittura in tutte le sue forme, principalmente adoro trascrivere i sogni poiché ritengo siano strettamente connessi con la "realtà" e per questo mutuamente dipendenti. Sono un fisico che ama perdersi nel mondo umanistico.


First Lady  di Dario Salvatori



Titolo: First Lady
Autore: Dario Salvatori
Editore: Oltre edizioni - 15 gennaio 2021
Pagine: 270
Prezzo: cartaceo - € 18,00


Dalla signora Washington fino alla appena eletta Jill Biden, passando per donne molto influenti quali Eleanor Roosevelt, Jackie Kennedy, Nancy Reagan, Michelle Obama e Hillary Rodham Clinton. In questo libro ― come sempre informatissimo e ricco di aneddoti molti dei quali sconosciuti ― Dario Salvatori racconta il lato meno noto del potere statunitense e come le figure femminili, spesso dietro le quinte, in alcuni casi invece come vere e proprie co-protagoniste della scena politica, hanno collaborato a decidere i destini dell'America e del mondo.

Dario Salvatori (Roma, 25 novembre 1951) è un giornalista, critico musicale, insegnante, conduttore radiofonico e scrittore italiano, oltreché responsabile artistico del patrimonio sonoro della Rai.





Elena Urbani

Recensione: Le storie in rima di Naima, di Letizia Tartari ed Elena Urbani

6/02/2021

Titolo: Le storie in rima di Naima

Autrice: Letizia Tartari

Illustratrice: Elena Urbani

Editore: Latte di nanna Edizioni

Collana: Per sognare

Anno edizione: 2021

Pagine: 66, ill. , Brossura

Età di lettura: Da 5 anni

EAN: 9788894538755

Descrizione:

Naima è una bambina con una caratteristica molto particolare: ovunque si trovi, a casa, al parco o tra i banchi di scuola, parla solo in rima. Ma non finisce qui! Dalla sua matita prendono vita anche i personaggi delle sue storie. Questo che hai tra le mani è il suo preziosissimo quaderno, una raccolta di racconti, filastrocche ma anche di disegni e ghirigori colorati. Sfoglia queste pagine per conoscere i suoi amici e dai sfogo anche tu alla tua creatività! Puoi aggiungere scritte, annotazioni o tutto ciò che preferisci. Buona lettura e buon divertimento! 


Recensione

Oggi sono qui a recensire un libro dedicato ai piccoli lettori. Le storie in rima di Naima è un libro a formato quadrato, consigliato per bambini dai cinque anni di età.

Il libro è composto da filastrocche in rima nelle quali Naima, la piccola protagonista, racconta le sue giornate tra scuola, ghiaccioli e numeri. 
Le illustrazioni di Elena Urbani sono colorate e molto ben congegnate per integrarsi alla parte scritta e fornire un supporto alla lettura, coinvolgendo i bambini.

Le filastrocche di Letizia Tartari trattano tematiche di ogni giorno come le stagioni e gli animali, e riescono nell’intento di presentarle con leggerezza, dando la possibilità ai bambini di partecipare attivamente alla filastrocca. Un esempio in questo senso sono le forme dei numeri o i pennarelli suonati da Naima su tamburi immaginari.

Inoltre, sono facili da ricordare e da leggere coi bambini e seguono un filo conduttore che ci accompagna nella lettura, ma possono essere lette anche singolarmente.

Mi è piaciuta l’idea della parte un po’ più interattiva alla fine, pensata per bambini che vogliono iniziare a conoscere le rime e imparare a scrivere e canticchiare filastrocche.

Alla fine del libro c'è una parte interattiva che mi è piaciuta davvero moltissimo: c'è una filastrocca incompleta alla quale aggiungere le rime e una breve parte didattica con le definizioni di rima baciata e alternata. C'è anche una pagina nella quale si invita il bambino a creare una filastrocca.
 
Un libro divertente da leggere, in grado di stimolare la creatività, che consiglio a tutti i bambini che amano le filastrocche.
Le autrici hanno un profilo instagram insieme, nel quale condividono illustrazioni, filastrocche e consigli di libri per bambini: @storyytellers, seguitele!


la nostra newsletter nella tua email