RECENSIONE: "Le Streghe della porta accanto" di Anonima Strega

07:30


Titolo: Le Streghe della porta accanto
Autore: Anonima Strega
Genere: Commedia fantasy
Pagine: 161
Formato: Kindle/Cartaceo
Prezzo: Kindle E 1,99 / Cartaceo E 9,90
Trama:
 La differenza di età può diventare un problema secondario, se devi nascondere la tua natura di strega. Quando Vanessa viene accolta nella casa di zia Miranda, l’ultima cosa a cui pensa è l’amore, perché ha bisogno di concentrarsi su quanto ha appena scoperto. Non è mai stata una cima, i suoi interessi sono assai materiali, quindi dovrà sforzarsi parecchio per imparare a convivere con la sua natura di strega. Deve maturare, così come la zia farebbe meglio a lasciar andare il fantasma del suo antico amore. La vita della bella Miranda è un allegro caos fatto di magie da nascondere agli abitanti del quartiere, soprattutto a quegli affascinanti comuni mortali che si sono trasferiti nella villetta di fronte: lo scapestrato Diego e il giudizioso figlio di lui, Manuel. Il primo sarebbe perfetto per Miranda, il secondo per Vanessa. Peccato che, oltre alla ‘normalità’, i due hanno un’altra caratteristica che scombina i piani e le protezioni magiche delle streghe: Diego è attratto dalle belle ragazze, mentre Manuel dalle donne mature...
Una fiaba allegra e moderna sull’importanza di accettarsi al di là di difetti e differenze.

Recensione:
La bella Vanessa, da poco a conoscenza dei suoi poteri sovrannaturali, si trasferisce dalla piu' saggia zia Miranda per imparare la magica arte della stregoneria ed utilizzare i suoi poteri di strega in modo assennato. Insieme alle due donne vivono Gatta e due inquilini assai sui generis: zia Gigliola e Ignazio, ex fidanzato di Miranda, cosa perfettamente normale, se non stessimo parlando della una foto di una defunta che parla e di un fanstasma che ogni tanto esce dall'urna in cui viene conservato.
Miranda passa le sue giornate nel mondo fatato di casa sua, tra le piante officinali magiche dell'orto e il mondo dei "comuni mortali" fuori dalla porta, ai quali cerca in ogni modo di nascondere la sua natura.
Come ogni strega che si rispetti, anche Miranda e Vanessa hanno il loro "famiglio" ovvero Gatta,che in piu di un'occasione è la voce narrante del romanzo. 
L'arrivo della giovane ed inesperta Vanessa vede Miranda alle prese con il ruolo di insegnate per la nipote, alla quale lo scopo delle arti magiche non è ancora ben chiaro. Le due donne al fine di non essere distratte nell'insegnamento, devono astenersi dai rapporti con l'altro sesso. Ma le cose si complicano quando arrivano i nuovi vicini: i "comuni mortali" Diego e suo figlio Manuel, aitanti al punto da far vacillarela la volontà delle due streghe.
Miranda, saggia ma stupita dai suoi sentimenti, come in una sorta di incantesimo, si invaghirà del più giovane Manuel, mentre Vanessa del più maturo Diego, e faranno di tutto non solo per resistere ai due uomini, ma anche per celare la loro vera natura.
Un romanzo simpatico, scorrevole e spensierato, che mi ha strappato pi di una risata e catapultato in un fiaba moderna, che parla di incantesimi e buoni sentimenti, in cui l'amore va oltre la differenza d'età, superando e accettando le "stravagenze" di chi si ama.



Ti potrebbe anche interessare

0 commenti