RECENSIONE: QUANDO LE OMBRE SI FANNO LUNGHE - RITA SALVADORI

08:57



  Titolo: Quando le ombre si fanno lunghe
  Autore: Rita Salvadori
  Editore: Autopubblicato
  Data di pubblicazione: Maggio 2018
  Genere: romanzo contemporaneo, romance
  Pagine: 150
  Formato: eBook e cartace
  Prezzo: cartaceo €10,40; eBook €1,99




Sinossi:


Un viaggio interiore, un romanzo d'amore e di consapevolezza. Irène scopre l'esistenza di un nuovo modo di vivere grazie all'incontro con Maddalena, una scrittrice di fiabe, che diventa per lei una sorta di guida spirituale. Sarà infatti lei ad insegnarle l'importanza di indossare occhiali con lenti colorate per guardare il mondo; sarà sempre lei ad insegnarle l'importanza dell'osservazione di sé al fine di raggiungere una maggiore consapevolezza e una maggiore presenza. Sarà, infine, Maddalena a prendere teneramente per mano Irène in un viaggio alla scoperta di se stessa e di un misterioso manoscritto lasciato incompiuto e nascosto in una chiesetta medievale fra le colline marchigiane. Incompiuto perché in attesa di una persona speciale che continui la storia iniziata tanti anni prima. Il romanzo è una storia d'amore fra quattro anime che all'infinito si rincorrono e si perdono per poi ritrovarsi ad un livello superiore, in una dimensione temporale in cui i confini fra passato, presente e futuro, magicamente, si annullano.

Recensione:

Irène è un’anima grigia, talmente assuefatta dall’infelicità da non riuscire quasi più a percepirla, incapace di riconoscersi inerme di fronte allo scorrere rutinario e vuoto degli eventi. È l’incontro casuale con Maddalena, in una libreria di Parigi, ad aprire uno spiraglio di luce nella vita della donna: un urto accidentale, la caduta di alcuni libri, lo scambio di poche parole. Irène si sente totalmente disarmata di fronte a quella strana figura – quasi irreale – che in pochi istanti sembra averla intimamente capita. Maddalena emana un’aura atavica, è una donna con una profonda consapevolezza di sé e del fluire delle cose, così solida e luminosa da spingere Irène a sceglierla come ancora di salvezza.

Un incipit quasi onirico fa accomodare il lettore tra le pagine del romanzo di Rita Salvadori, un racconto a tratti concreto, talvolta metaforico, che vede Irène e Maddalena legate da una profonda intesa spirituale, l’una vittima della tenebra, l’altra portatrice di luce, destinate a salvarsi vicendevolmente.

A Maddalena spetta il compito di insegnare alla fragile amica come guardare il mondo con occhi nuovi, per questo decide di parlarle di un misterioso manoscritto rimasto incompiuto, nascosto nelle lontane colline marchigiane, in paziente attesa della penna giusta per essere concluso. La partenza di Irène verso l’Italia, alla ricerca di questo testo, coinciderà con l’inizio di un profondo viaggio interiore che la porterà a stravolgere il suo modo di vedere le cose. Grazie al potere della scrittura sprigionato dal manoscritto, Irène ripercorrerà gli stessi passi mossi da Maddalena molti anni addietro, scoprendo la vera natura del loro legame.

Quando le ombre si fanno lunghe è un romanzo delicato; il racconto si appoggia su elementi concreti ma al contempo assume le vesti del sogno, così da far percepire al lettore sin da subito di trovarsi di fronte a una sorta di allegoria. Con uno stile intenso e ricercato, Rita Salvadori mette in scena un racconto denso di significati senza mai rischiare di appesantire il lettore. Protagonista indiscusso del romanzo è l’amore, che nulla ha a che vedere con il concetto di possessione o di limitazione, ma che coincide totalmente con la libertà. Amare significa anche dover accettare di soffrire pur di lasciare all’altro la libertà di seguire il proprio disegno. La Salvadori lascia largo spazio anche alla scrittura, vista come esperienza salvifica e purificatrice: è solo grazie a carta e penna, infatti, che Maddalena riesce a rinnovare la completa padronanza di sé che tanto la contraddistingue, differenziandola dalle persone comuni.

Un romanzo raffinato ed elegante, consigliato a tutti quelli che da un libro cercano quel qualcosa in più. 





            







Ti potrebbe anche interessare

0 commenti