giovedì 4 aprile 2013

Segna - Libro #4

Buona sera cari lettori,
dopo una piccola "latitanza" durata un paio di settimane torna il nostro Segna - Libro. Questa volta è il mio turno per segnalarvi titoli che in modi diversi hanno attirato la mia attenzione, fra questi c'è anche una delle più autorevoli firme del giornalismo italiano, Enzo Biagi, ormai scomparso, che però voglio mostrarvi sotto un'altra luce. Insomma spazio ai libri ^_^

********** 

Ophelia e le officine del tempo di Emanuela Valentini


Titolo: Ophelia e le officine del tempo
Autore: Emanuela Valentini
Editore: GeMS - Io Scrittore

Trama:
In una Londra distopica e notturna, dove i vicoli stretti e maleodoranti confinano con la maestosa luminosità dei quartieri ricchi e monumentali, qualcuno ha in mano il destino del mondo. All’ultimo piano di un elegante palazzo, il professor Eleazar Borislav Budimir costudisce il bene più prezioso: il tempo. Nell’indifferenza di una società accecata, il professore compra il tempo dei bambini del ghetto per rivenderlo ai riccastri della città. Ma è inutile comprare quello che si può rubare. E poco importa se la sua folle ricerca condurrà i donatori alla morte e gli acquirenti alla pazzia, gli ingranaggi della scienza sono implacabili e non possono essere fermati.
Sullo sfondo di inseguimenti mozzafiato, misteriose macchine volanti e fumosi locali bohémiens, la giovane Ophelia troverà il coraggio per indagare su questo mistero. E mettersi faccia a faccia con il proprio passato. 

Al momento sto leggendo un altro titolo della Valentini "La bambina senza cuore" e sono coinvolta e catturata dallo stile, ma non vedo l'ora d'iniziare questa sua nuova storia. La trama è davvero intrigante.


Lettera d'amore a una ragazza di una volta di Enzo Biagi 


Titolo: Lettera d'amore a una ragazza di una volta
Autore: Enzo Biagi
Editore: Rizzoli

Trama:
Questo libro è una lunga e appassionata lettera di Enzo Biagi a Lucia, una lettera d'amore a una ragazza di una volta e le parole rivolte alla compagna scomparsa si trasformano in una dolce e commossa rievocazione del tempo perduto, di anni lontani in cui il futuro brillava davanti a entrambi, in cui tutto appariva possibile. Il nascere dell'amore nell'Italia del secondo conflitto mondiale, le prime esperienze professionali, l'approdo a Milano, la chiamata alla RAI, il lavoro nei grandi giornali... E poi gli amici (uno per tutti: Federico Fellini), i genitori, Pianaccio - il paese natale quasi fuori dal tempo -, i viaggi, gli incontri, i potenti e la gente comune. Sessantadue anni di vita schiva, lontana per scelta di entrambi dai salotti alla moda. 

Ho letto questo libro molti anni fà, quando il giornalismo era materia d'esame universitario, mi colpì proprio perchè Enzo Biagi, uno dei giornalisti più integri che l'Italia abbia mai avuto, mostra il suo cuore. In queste pagine c'è la storia d'Italia vissuta da Enzo Biagi e la racconta alla moglie morta con un affetto incredibile. 


Esche Vive di Fabio Genovesi


 Titolo: Esche vive
Autore: Fabio Genovesi
Editore: Mondadori

Trama: 

Fiorenzo di Muglione, profonda provincia pisana di disoccupazione e fossi stagnanti, è sfortunato fin dal nome: orfano di madre, il padre proprietario di un negozio di pesca e allenatore dell'Unione Ciclistica Muglianese, a tredici anni ha perso una mano a causa di un fuoco d'artificio. Sebbene tutto il resto sia ancora al suo posto e lui sia un bel ragazzo, cantante heavy metal e bravo a scuola, Fiorenzo scopre presto che nella vita "quello che manca conta molto di più di quel che c'è". Tiziana ha trent'anni, lei pure di Muglione, è laureata, ha fatto un master a Berlino, ricevuto offerte di lavoro in tutto il mondo ma ha deciso di tornare al paese, di mettere le proprie competenze al servizio della sua comunità. Ottiene l'incarico di animare il locale Informagiovani, frequentato solo da un gruppetto di anziani, e quando gli amici del master passano a trovarla, il suo avvilimento si trasforma in disperazione. Infine Mirko, il Campioncino, il ragazzino che il babbo di Fiorenzo ha scovato nel profondo Molise e ha adottato perché il suo talento ciclistico lascia sperare grandi cose... Fiorenzo, Tiziana, Mirko: tre vite che s'incrociano in un luogo improbabile e desolato, per dare vita a un corto circuito struggente e divertentissimo, amaro e poetico.



Anche questa è per me una lettura da iniziare, ma ho letto tante belle recensioni su questo libro e la trama mi piace molto, perciò ho voluto segnalarvelo :D. Un libro amaro e divertente che affronta temi comuni ed odierni, almeno per la generazione degli enta, di cui faccio parte.  

Cosa ne pensate di questi titoli?
Li avete letti?
Li leggerete?

A Presto,
Silvia Daveri

6 commenti:

  1. io leggero Ophelia..l'ho preso già da un po'..non so bene quando riuscirò a farlo, spero prestO

    RispondiElimina
  2. Sono molto incuriosita da Ophelia e le officine del tempo. Wishlist subito!!!

    RispondiElimina
  3. Leggerò di sicuro La bambina senza cuore e anche questo Ophelia e le officine del tempo sembra davvero carino quindi penso che se mi piacerà il primo... leggerò anche quello :)

    RispondiElimina
  4. Sono felice di avervi incuriosito ^_^

    RispondiElimina
  5. Il libro di Enzo Biagi mi ha colpito subito e la copertina è dolcissima per me ^-^ "La bambina senza cuore" ce l'ho e lo leggerò presto, ma anche "Ophelia e le officine del tempo" sembra molto interessante :-)

    RispondiElimina
  6. Esche vive lo conoscevo dagli esordi ma non l'ho letto, quello di Biagi mi ha affascinata, adoro le storie di vita e amore

    RispondiElimina