mercoledì 6 aprile 2016

C'è post@ per noi... #143

Buongiorno lettori!
Anche oggi vi presenteremo quattro nuovi libri, spero vi possano interessare!









Questo nostro dolce Natale di Antonella Maggio

Titolo: Questo nostro dolce Natale
Autrice: Antonella Maggio
Pagine: 198
Prezzo: 2.99
Editore: Butterfly Edizioni
Trama:
Lucy Vivian Norberg ha abbandonato la speranza di poter trascorrere un felice Natale: odia il fuoco, le luci e i colori che si accendono in città, perché tutto ciò le ricorda il suo passato e un segreto che la tormenta. Se potesse, se ne starebbe chiusa in casa, lontana da tutti, fino alla fine delle feste. Ma nel mese di dicembre si ritrova a lavorare nell'ospizio dove è direttrice con un nuovo aiutante, William, molto attraente e per nulla intimidito dalla sua freddezza. Lucy però è decisa: non vuole legami e pensa di non meritare la felicità, ma il destino ha in serbo per lei altri progetti e sotto la neve di Stoccolma nessuno può resistere alla magia del Natale...



Thiago e il record dell'imbattibilità e altre storie di Nicola Gaggelli

Titolo: Thiago e il record dell'imbattibilità e altre storie
Autore: Nicola Gaggelli
Pagine: 114
Prezzo: 9.00
Editore: Butterfly Edizioni
Libro illustrato per bambini dai 4 ai 10 anni
Trama:
Thiago è un bambino insicuro ma con un grande sogno: diventare un bravo calciatore, come i suoi idoli. La sua occasione fortunata arriva quando l'allenatore della squadra dei Pulcini della Polisportiva Baraonda lo chiama come portiere titolare a una partita importante. Per Thiago è una buona opportunità per dimostrare il suo valore: ma riuscirà a sconfiggere la paura di fallire? Partita dopo partita Thiago diventerà un portiere insuperabile e imparerà ad avere fiducia in se stesso, vincendo l’emozione che lo aveva bloccato fino a quel momento e soprattutto capirà che l'onestà e la sportività valgono più di qualsiasi soddisfazione personale. Perché c'è solo un modo per vincere sempre: fare un gioco di squadra e aiutarsi a vicenda.

Come vento ribelle di Francesca Prandina

Titolo: Come vento ribelle
Autrice: Francesca Prandina
Pagine: 426
Prezzo: 2.99
Editore: Butterfly Edizioni
Trama:
Nevada, 1858. Sabrina è una ragazzina vivace e ribelle che vive con sua madre Marie in terra di frontiera. Cresciuta separata dal padre, ufficiale dell’esercito, e dai suoi fratelli, si trova costretta a seguirli al Forte quando Marie parte per Boston per accudire la madre malata. Quell’ambiente prettamente maschile le farà mettere in discussione l’educazione femminile che la madre le aveva inculcato e la relativa libertà conquistata le donerà momenti spensierati in compagnia dei suoi fratelli. Tuttavia, la guerra tra Nordisti e Sudisti giungerà presto a disturbare la sua quiete e lei, giovane e testarda, passerà attraverso i dolori più atroci pur di affermare il suo ruolo di donna in una società patriarcale che può soltanto condurre guerre e rinnegare la pace. Francesca Prandina traccia il profilo di una donna coraggiosa pronta a tutto, anche ad arruolarsi, pur di non chinare il capo e di conquistare la propria indipendenza, in un romanzo sconvolgente che ricorda al lettore tutte quelle donne che, come Sabrina, hanno contribuito a restituire al genere femminile il suo diritto alla vita e alla libertà.

Lame senza memoria di Diego Cocco

Titolo: Lame senza memoria
Autore: Diego Cocco
Pagine: 113
Prezzo: 1.49
Editore: Lettere Animate Editore
Trama:
Poveri diavoli sul ciglio dell’abisso, giocatori d’azzardo, burattini, vecchiette con giarrettiere pericolosissime, cadaveri stipati dentro fabbriche perfette fino alla fine dei giorni, scrittori travestiti da puttane: sono solo alcuni dei personaggi che si muovono fra i versi di questa raccolta. L’autore ci trascina dentro la palude maleodorante del quotidiano utilizzando una prosa che si mescola alla poesia e non lascia scampo. Visioni terribili o semplici esperienze di vita, queste righe sono lame affilate in cerca di cuori vivi e coscienze da trafiggere. Perché forse l’arma più letale per uccidere la stasi dell’uomo moderno è nascosta nel ritmo sublime dei tasti di una vecchia macchina da scrivere.



Nessun commento:

Posta un commento