Recensione: LO STURANGOSCIA - Davide Predosin e Carlo Sperduti

09:00

Titolo: Lo sturangoscia
Autori: Davide Predosin e Carlo Sperduti
Editore: Gorilla Sapiens Edizioni
Pagine: 112
Cartaceo: 10.50 Euro
Ebook: 3.99 Euro
Sinossi:
Romanzo epistolare e picaresco, Lo Sturangoscia narra dell’invenzione di un prodigioso strumento in grado di estirpare dall’organismo umano “quello spiacevole e indefinito senso di disagio che spesso spinge le persone, tra le altre cose, a occuparsi di questioni ultime”.
Tanti sono i guai che l’aggeggio porterà al suo inventore Filottete Vasca, sin dal suo furto per mano degli autorevoli membri dell’Istituzione, intenzionati a usare lo Sturangoscia per i propri loschi fini. Assistito da molti amici, Filottete intraprenderà la ricerca dell’invenzione smarrita.
Il carteggio reale tra due scrittori, che è innanzitutto una sfida letteraria, dà vita a un carteggio immaginario tra gli eccentrici personaggi di questa avventura eroicomica. Essi saranno coinvolti in investigazioni e inseguimenti, si incontreranno o sfuggiranno, ma soprattutto si scriveranno nella tumultuosa estate del 1985.

Recensione:
È un romanzo epistolare, che segue diversi personaggi e tutta la loro corrispondenza che verte principalmente su questo particolare oggetto, lo sturangoscia, e sul suo ritrovamento. La storia inizia con una lettera in cui un postino spiega di essere stato derubato del furgone in cui teneva i pacchi da consegnare. Probabilmente l’obbettivo era proprio il pacco contenente lo sturangoscia. La storia continua con una lettera minatoria nei confronti dell’inventore dello sturangoscia. Spero di avervi incuriosito abbastanza, perché questo libro è davvero interessante e coinvolgente e preferisco non svelare nulla di più. E inoltre credo che due dei suoi punti forti siano l’assoluta imprevidibilità della trama e l’apparente insensatezza di alcune vicende, che però alla fine hanno una logica tutta loro.
È un romanzo scritto a quattro mani e gli autori si sono davvero mandati queste lettere, senza minimamente mettersi d’accordo sulla trama e cercando ogni volta di sorprendere l’altro. E il risultato finale è meraviglioso, a mio parere. Divertente, originalissimo, assurdo, spassossimo, una ventata di aria fresca che ci ricorda che nonostante siano stati pubblicati una marea di libri, si può ancora leggere qualcosa di diverso e particolare.
Di solito non sopporto i romanzi epistolari e nemmeno le storie brevi... eppure questo libro mi ha conquistato, mi ha fatto ridere, mi ha stupito in parecchi punti e in altri mi è sembrato familiare.
Lo stile dei due autori è piacevole e molto ben curato, tutto il libro in realtà è ben curato, con piccoli disegni e una copertina molto bella.
È una lettura breve, molto breve, però se siete in cerca di qualcosa di diverso dal solito, non posso fare a meno di consigliarvelo. Io ne sono rimasta colpita e affascinata.

QUATTRO CUORI E MEZZO




Ti potrebbe anche interessare

0 commenti