venerdì 20 gennaio 2017

Segna-Libro #20

Buongiorno lettori, torna oggi sul blog un segna-libro!
Di recente sono entrata in contatto con dei libri a tema alimentazione di cui voglio parlarvi in questo spazio.


Titolo: Grani Antichi
Editore: Terra Nuova Edizioni
Genere: Coltivare secondo natura
Collana: Nuovi paradigmi
Pagine: 176
Uscita: 11/2016

Sinossi: Verna, Gentilrosso, Timilìa, Perciasacchi, Carosella sono solo alcuni dei grani che si coltivavano un tempo in Italia e che oggi tornano alla ribalta per motivi agronomici e nutrizionali. La riscoperta dei frumenti antichi da parte di consumatori e agricoltori è una vera rivoluzione che assicura vantaggi per la salute e la biodiversità delle campagne.
Il libro si snoda come una vera e propria guida tra le diverse varietà di grani antichi, di cui tanto si parla ma che in pochi conoscono realmente, con il rischio di confonderli, di non capirne le potenzialità e di lasciare il campo a facili speculazioni.
Conviene tornare a coltivare e consumare i frumenti del passato, e quali sono i più adatti?
Cosa dice la ricerca scientifica su allergie e intolleranze al grano?
Dove si trovano le farine migliori?
Domande che in questo libro trovano una risposta grazie all’incontro con nutrizionisti, genetisti, agronomi, e tanti nuovi agricoltori che in tutta Italia stanno riscoprendo le antiche varietà di frumento.
La seconda parte del libro è dedicata a un avvincente viaggio nelle regioni italiane, a caccia di spighe, pastifici, forni, mulini a pietra e contadini, in una fitta trama di esperienze autentiche per la ricostruzione di una filiera del cibo ecologica e salutare.

L’autore: Gabriele Bindi, nato a Pietrasanta (Lu) nel 1973, dopo la laurea in Filosofia ha scelto di dedicarsi alle buone pratiche e all'economia sostenibile. Come giornalista ha collaborato con Tra Terra e Cielo, Terre di Mezzo e altre testate scrivendo su ecoturismo, consumi consapevoli, bioedilizia, agricoltura biologica. Traduttore dal tedesco, divulgatore ambientale e formatore, ha collaborato con l'Associazione Paea e con enti di formazione in materia di turismo sostenibile e comunicazione ambientale. Dal 2008 scrive regolarmente per il mensile Terra Nuova e fa parte del consiglio direttivo.

La mia opinione:
Questo libro mi ha interessato perché da qualche tempo in famiglia ci siamo rivolti a farine diverse dalla tradizionale, sia sotto forma di prodotti finiti come la pasta che di vere e proprie farine acquistate direttamente dal mulino.  
Si sa che le farine odierne sono state raffinate e modificate nel tempo, il cibo non ha più lo stesso sapore ne le stesse proprietà. E' risaputo che l'intolleranza al glutine stia spopolando e pertanto i nutrizionisti raccomandano di diversificare e limitare gli alimenti contenenti glutine.
Ora, glutine o meno, c'è la riscoperta dei cosiddetti "grani antichi" che poi così antichi non sono (cosa appresa da questo libro) ma che vengono ottenuti in maniera tradizionale. Hanno meno resa ovviamente e questo penso sia il motivo per cui costano abbastanza di più rispetto alle farine tradizionali.
Nel libro ci sono diverse riflessioni nella prima parte mentre, nella seconda, vi è un excursus tra le varie regioni italiane e si scoprono quali grani vengono coltivati sul territorio e le iniziative ad essi legate.
Una lettura interessante per chi ha interesse nel campo dell'alimentazione.


Titolo: Rinforzare il sistema immunitario dei bambini e di tutta la famiglia con l'alimentazione
Genere: Terra Nuova Edizioni
Collana: La salute nel piatto
Pagine: 120
Pubblicazione:  11/2016

Sinossi: Siamo abituati a pensare che l’unico modo di intervenire quando si manifesta un qualsiasi malessere siaquello di farci prescrivere un farmaco dal nostro medico di fiducia. Ma esiste anche un altro modo perprenderci cura della nostra salute: rafforzare il sistema immunitario attraverso una dieta sana ed equilibrata,un’attività fisica regolare e il mantenimento del nostro benessere psicologico.
La prima parte di questo libro spiega i meccanismi che sono alla base del funzionamento del nostro sistema immunitario, gli alimenti più indicati per rafforzarlo (frutta e verdura di stagione, cereali integrali, proteinevegetali) e quelli da evitare (zuccheri semplici aggiunti a cibi e bevande, e grassi raffinati e idrogenati). Vista la sua lunga esperienza come pediatra, il dottor Mario Berveglieri si rivolge soprattutto ai più piccoli, anche se i suoi consigli risultano preziosi per tutta la famiglia. È evidente, infatti, che uno stile di vita e un’alimentazione corretta risultano tanto più efficaci quanto più sono condivisi da chi ci sta vicino.
Nella seconda parte del libro sono presentate 90 ricette, utili per tradurre in pratica i consigli alimentari dei due autori. Spuntini, colazioni, primi e secondi piatti, tutti preparati prevalentemente a base di ortaggi, proteine vegetali (legumi, semi oleosi e frutta secca), cereali e farine integrali.
Il libro si avvale anche della collaborazione di Miria Sprega, erborista e fitopreparatrice, che dedica alcune pagine alle piante in grado di prevenire e curare i disturbi dei più giovani.

Gli autori:
Mario Berveglieri, medico-chirurgo, è pediatra di base a Cento (Ferrara), specializzato in pediatria, scienza dell'alimentazione, biochimica e chimica clinica, idrologia medica, igiene e medicina preventiva. Ha conseguito un master di primo livello in alimentazione e dietetica vegetariana ed è diplomato in omeopatia, elettroagopuntura secondo Voll, omotossicologia. È inoltre esperto in nutrizione Kousmine.

Alberto Berveglieri, chirurgo, è medico di continuità assistenziale a Trento. Sta frequentando un master di primo livello in nutrizione e dietetica applicata.


La mia opinione:
Il titolo penso invogli i genitori ma anche chi tiene alla propria salute. Bene, nella prima parte del libro vengono analizzate piante e condizioni che possono aiutare il nostro sistema immunitario, ci sono comportamenti alimentari e non stigmatizzati perché nocivi e di fatto si sostiene la dieta vegana.
Senza far polemiche, io non sono d'accordo con questo stile di vita, per me l'uomo è onnivoro e come tale, in giusta misura e secondo i propri gusti, dovrebbe mangiare di tutto.
Detto ciò, nella seconda parte del libro sono proposte delle ricette, rigorosamente vegan, per la colazione, i pasti principali, gli spuntini e come rimedio in caso di problemi intestinali. Alcuni ingredienti non li ho mai sentiti nominare prima, altri credo siano di difficile reperibilità ma per i vegani di sicuro ci sono dei buoni spunti. 
Invece, per chi vegano non è ma ama comunque ortaggi, verdura e frutta, penso le ricette possano essere adattate con ingredienti più familiari e non rigorosamente vegani.


Nessun commento:

Posta un commento