C'è post@ per noi... #190

08:30

Buongiorno lettori e buon Mercoledì!
Oggi torna il C'è post@ di metà settimana con tante proposte di lettura interessanti per voi.
Pronti a scoprirle?








L'ombra del castigo e L'ultimo giro di Jacques Oscar Lufuluabo

Titolo: L'ombra del castigo
Autore: Jacques Oscar Lufuluabo
Editore: Autopubblicato
Pagine: 270
Prezzo: € 3,99 (ebook) € 9,30 (cartaceo)

TRAMA
In uno scenario in cui le vite dei protagonisti non mostrano alcun legame apparente, emergono verità nascoste che annodano l'uno agli altri. Le vesti ipocrite indossate da ciascuno di loro, vanno lentamente a dissiparsi con l'omicidio di una giovane psicologa, mostrando le meschinità che li rendono al contempo vittime e artefici di indicibili misfatti. Due sorelle, una coppia di amanti, un matrimonio fasullo, generano un mix esplosivo in cui l'amore è travolto dall'odio. Una storia tragica e vitale dove passione, tradimento, ricatto e vendetta, portano al limite la vita dei personaggi. Il tutto denso di ipocrisie che risulteranno la miccia esplosiva di eventi drammatici.
A seguire le indagini sarà il commissario Nardi, che per far luce sul caso si vedrà costretto a sua volta a fare i conti col passato.

Titolo: L'ultimo giro
Autore: Jacques Oscar Lufuluabo
Editore: Autopubblicato
Pagine: 20
Prezzo: Gratuito

TRAMA
Quella di Giorgio è una vita distrutta. Disoccupato da anni, privo ormai di ogni autostima, vive all’ombra della moglie, suo ultimo riferimento col mondo. Incolpare lei, per sfuggire ai rimpianti, è il solo modo di affrontare un’esistenza insignificante. Ma il dolore non si può ignorare per sempre. Spinto agli estremi, Giorgio dovrà presto guardarsi allo specchio e far fronte a eventi tragici dai quali non potrà più tornare indietro.





Hermanos di E. Pozzoli ed A. Bogani 

Titolo: Hermanos
Autore: E. Pozzoli e A. Bogani
Editore: Inspired Digital Publishing
Pagine: 243
Prezzo: € 1,99 (ebook)

TRAMA
America, fine dell’ottocento. Un pistolero eccellente poco riflessivo e molto esuberante, uno stratega infallibile e di poche parole, un ex-soldato americano pavido e pigro ed un medico senza le giuste qualifiche alla ricerca della propria strada, si ritrovano in fuga dall’Arizona verso il Messico.
Ricercati con l’accusa di furto di un carico d’oro sia dall’esercito Americano che da quello Messicano e con la certezza della fucilazione in caso di cattura, si vedono costretti a mettersi sulle tracce dei veri responsabili che li hanno volontariamente cacciati in quella spiacevole situazione.
Una volta scoperta la reale destinazione dei lingotti e dei veri ladri, il gruppo apparentemente improvvisato avrà ancora il coraggio di cercare vendetta per la falsa accusa e di provare ad impossessarsi dell’oro?

Pocofuturo di Sergio Beducci

Titolo: Pocofuturo
Autore: Sergio Beducci
Editore: Antonio Tombolini Editore
Genere: Raccolta
Pagine: 70
Prezzo: € 4.99

TRAMA
Pocofuturo è composto da quattordici racconti, brevi e meno brevi. Ritratti di adolescenti messi di fronte alla malattia, alla sofferenza o semplicemente refrattari a uniformarsi alle regole che qualcuno ha deciso per loro. Vite di giovani e meno giovani presi tra solitudine e incapacità di immaginare per sé o per il mondo un futuro credibile o anche solo accettabile.
Il titolo alla raccolta, Pocofuturo, è stato scelto perché in qualche modo il futuro si è contratto, ha perso di significato, è scivolato verso un futuro prossimo, un presente dilatato, atemporale. Pochi sogni, nessun ideale da realizzare: ognuno chiuso nel proprio angusto mondo, spesso intriso di rimpianto, di rancore.
Le uniche figure che conservano umanità, capacità di emozionarsi, energia vitale, sembrano essere i giovani marginali, le ragazze in fuga, i bambini che anche di fronte alla morte sono capaci di reagire, affrontandola.
Così, tra le pieghe di un’esistenza che sembra cristallizzata nell’inerzia e nell’apatia, può apparire d’improvviso una possibilità nuova, una speranza, persino l’amore.
Un libro pieno di gatti con nomi strani, di cani che si chiamano Platone, ma anche di adolescenti che del filosofo e della sua allegoria della caverna, sono affascinati.
Un racconto presenta un identico inizio per uno svolgimento e un finale completamente diverso, quasi fosse l’uno la cover o il remix dell’altro, come si usa tra i musicisti e i dj.



Ti potrebbe anche interessare

0 commenti