Recensione: I PIOMBI NERI di Marcello Vivaldi

09:00

Titolo: I Piombi Neri
Autore: Marcello Vivaldi
Edizioni: La Sirena Edizioni
Formato: Kindle
Pagine: 41
Prezzo: €0,99
Genere: Fantasy


Sinossi:
Venezia, ottobre 1776.
Alvise Contarini, professore di arti magiche alla Scuola Grande di San Giuliano nota delle presenze sospette aggirarsi nel parco dell'istituto. Decide di andare a controllare ma viene aggredito. Inizia una lunga ricerca per capire chi fossero i maghi che l'hanno tramortito e cosa volessero da lui. Finisce così a indagare sui Piombi Neri, un'antica congrega di maghi malvagi che a quanto pare non si è estinta come tutti credevano.

Recensione:
Siamo a Venezia, più precisamente nel 1776. Fin dalla prima pagina l'autore ha saputo descrivere perfettamente i luoghi in cui è ambientata la storia, fino a darci l'idea di essere davvero dentro il romanzo, seduti sulla poltrona, ascoltando i rintocchi del pendolo, in una notte tempestosa di una Venezia lontana.
Alvise Contarini è un professore particolare: insegna infatti in una scuola di magia. Quando capisce che qualcosa di sospetto sta accadendo sotto la pioggia, fuori dalla sua finestra, l'autore inserisce un primo primo elemento che incontrerà in più di un'occasione nel romanzo: il duello tra maghi, che mi ha rimandato ad un altro grande libro "magico": Harry Potter, anche se con un'originalità tutta sua. Vivaldi, infatti, ha creato maledizioni dai nomi latini molto ben studiati e originali, che personalmente mi sono piaciuti parecchio.
Un'antica e pericolosa setta magica, i Piombi Neri, stanno cercando di impadronirsi in tutti i modi di un diario indecifrabile,appartenente a Leone Grandenigo, spietato esponente di una setta.
La setta, che inizialmente difendeva i possessori del dono magico dalle persecuzioni della gente comune, degenerò fino ad assumere il volto di uno spietato gruppo di cacciatori di "ordinari", ovvero di coloro che non possedevano poteri magici.
Una lettura piacevole ed appassionante che lascia presupporre un seguito ancora più magico...



Ti potrebbe anche interessare

0 commenti